Principale
Tosse

Interferone - istruzioni per l'uso, analoghi, revisioni e forme di rilascio (gocce nasali, soluzioni e supposte di interferone alfa 2) farmaci per il trattamento dell'influenza, orvi, epatite negli adulti, bambini (inclusi i lattanti) e durante la gravidanza

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Interferone. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questo medicinale, nonché le opinioni degli specialisti nell'uso di Interferon nella loro pratica. Molto di chiedere attivamente aggiungere le proprie recensioni del preparato: aiuto o non aiuta la medicina per sbarazzarsi della malattia, che sono stati osservati complicazioni e gli effetti collaterali non può essere invocato dal costruttore nel sommario. Analoghi dell'interferone in presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento e la prevenzione dell'influenza, della SARS e dell'epatite B e C negli adulti, nei bambini (compresi neonati e neonati), nonché durante la gravidanza e l'allattamento.

L'interferone è una miscela di diversi sottotipi di interferone alfa naturale da leucociti del sangue umano. Ha effetti antivirali, immunostimolanti e antiproliferativi. L'effetto antivirale del farmaco si basa principalmente sull'aumento della resistenza delle cellule nel corpo che non sono ancora state infettate dal virus, ai possibili effetti. Legandosi a specifici recettori sulla superficie cellulare, l'interferone alfa modifica le proprietà della membrana cellulare, stimola gli enzimi specifici, agisce sull'RNA virale e ne impedisce la replicazione. L'effetto immunomodulatore dell'interferone alfa è associato alla stimolazione dell'attività dei macrofagi e delle cellule NK (Natural Killer) che, a loro volta, sono coinvolte nella risposta immunitaria del corpo alle cellule tumorali.

testimonianza

Per uso parenterale:

  • epatite B e C
  • verruche genitali
  • leucemia a cellule capellute
  • mieloma multiplo
  • linfomi non hodgkin
  • micosi fungo
  • Sarcoma di Kaposi in pazienti affetti da AIDS senza storia di infezioni acute
  • carcinoma renale
  • melanoma maligno.

Per uso rettale:

  • trattamento dell'epatite virale acuta e cronica.

Per uso intranasale:

  • prevenzione e cura dell'influenza, ARVI.

Forme di rilascio

Candele per uso rettale 40 000 UI.

Liofilizzato per la preparazione della soluzione per la somministrazione intranasale di 1000 UI (gocce nasali).

Soluzione liquida per uso locale e inalazione di 1000 UI / ml.

Istruzioni per l'uso e il regime di dosaggio

Intramuscolare, sottocutaneo, intranasale. La dose viene scelta individualmente per ciascun paziente.

Leucemia a cellule capellute: dose iniziale - 3 milioni UI al giorno per 16-24 settimane, terapia di supporto - 3 milioni UI 3 volte a settimana.

Linfoma cutaneo a cellule T: 1-3 giorni - 3 milioni UI al giorno, 4-6 giorni - 9 milioni UI al giorno, 7-84 giorni - 18 milioni UI al giorno; trattamento di mantenimento - la dose massima tollerata (non più di 18 milioni di UI) 3 volte a settimana.

Il sarcoma di Kaposi con AIDS: la dose iniziale di 3 milioni di UI al giorno nei primi 3 giorni, 4-6 giorni - 9 milioni di UI al giorno, 7-9 giorni - 18 milioni di UI al giorno, con tolleranza, la dose viene aumentata a 36 milioni UI durante 10-84 giorni; trattamento di mantenimento - la dose massima tollerata (ma non superiore a 36 milioni UI) 3 volte a settimana.

Carcinoma a cellule renali: 36 milioni UI al giorno con monoterapia o 18 milioni UI 3 volte a settimana in combinazione con vinblastina. La dose è aumentata gradualmente, secondo lo schema, a partire da 3 milioni UI per 84 giorni. Melanoma: 18 milioni di UI 3 volte a settimana per 8-12 settimane.

Leucemia mieloide cronica e trombocitosi nella leucemia mieloide cronica: 1-3 giorni - 3 milioni UI al giorno, 4-6 giorni - 6 milioni UI al giorno, 7-84 giorni - 9 milioni UI al giorno, ciclo - 8-12 settimane.

Trombocitosi nelle malattie mieloproliferative, ad eccezione della leucemia mieloide cronica: 1-3 giorni - 3 milioni UI al giorno, 4-30 giorni - 6 milioni UI al giorno.

Epatite B cronica attiva: 4,5 milioni UI 3 volte a settimana per 6 mesi.

Epatite C cronica: dose iniziale - 6 milioni UI 3 volte a settimana per 3 mesi; dose di mantenimento - 3 milioni UI 3 volte a settimana per altri 3 mesi.

Nella trombocitosi primaria e secondaria, all'inizio del trattamento, vengono prescritti 2 milioni di UI al giorno, 5 giorni a settimana per 4-5 settimane. Se il numero di piastrine non diminuisce dopo 2 settimane, la dose viene aumentata a 3 milioni UI al giorno, senza alcun effetto entro la fine della terza settimana, la dose viene aumentata a 6 milioni UI al giorno. Con trombocitopenia iniziale (meno di 15 G / l), la dose iniziale è di 0,5 milioni UI. Nella fase di transizione della leucemia granulocitica cronica e della mielofibrosi, vengono prescritti 1-3 milioni di UI al giorno secondo lo schema, per mieloma multiplo, 1 milione di UI a giorni alterni in combinazione con citostatici e corticosteroidi per almeno 2 mesi.

Intranasale - per il trattamento di influenza e ARVI.

Effetti collaterali

  • febbre;
  • mal di testa;
  • mialgia;
  • la debolezza;
  • perdita di appetito;
  • nausea, vomito;
  • diarrea;
  • ipotensione;
  • aritmia;
  • sonnolenza;
  • disturbo della coscienza;
  • pelle secca;
  • eritema;
  • eruzione cutanea;
  • debolezza generale;
  • granulocitopenia.

Con la somministrazione parenterale, gli effetti collaterali sono osservati significativamente più spesso rispetto ad altre vie di somministrazione.

Controindicazioni

  • cardiopatia organica grave;
  • gravi disturbi del fegato o dei reni;
  • epilessia e / o interruzione delle funzioni del sistema nervoso centrale;
  • epatite cronica e cirrosi con sintomi di insufficienza epatica;
  • epatite cronica in pazienti che ricevono o hanno recentemente ricevuto un trattamento con immunosoppressori (ad eccezione di GCS);
  • epatite autoimmune;
  • malattie della tiroide resistenti alla terapia tradizionale;
  • ipersensibilità confermata all'interferone alfa.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

L'uso di interferone alfa durante la gravidanza è possibile solo nei casi in cui il beneficio previsto per la madre superi il potenziale rischio per il feto. Se necessario, l'uso nelle madri durante l'allattamento dovrebbe decidere la cessazione dell'allattamento al seno.

I pazienti in età riproduttiva durante la terapia devono usare metodi contraccettivi affidabili.

Istruzioni speciali

Viene usato con cautela nei pazienti con indicazioni di una storia di recente infarto miocardico, nonché in caso di cambiamenti nella coagulazione del sangue e nella mielodepressione.

Per trombocitopenia con una conta piastrinica inferiore a 50.000 / microlitro, sc.

Con lo sviluppo di effetti collaterali dal sistema nervoso centrale nei pazienti anziani che ricevono interferone alfa in dosi elevate, deve essere attentamente esaminato e, se necessario, interrompere il trattamento.

I pazienti devono ricevere la terapia di idratazione, soprattutto durante il periodo iniziale di trattamento.

Nei pazienti con epatite C, trattati con interferone alfa per uso sistemico, può manifestarsi una disfunzione della ghiandola tiroidea, espressa in ipo-o ipertiroidismo. Pertanto, prima di iniziare un ciclo di trattamento, è necessario determinare il livello di TSH nel siero e iniziare il trattamento solo se il livello di TSH nel sangue è normale.

Con cautela applicare l'interferone alfa contemporaneamente a sonniferi, sedativi, analgesici oppiacei.

Interazione farmacologica

Poiché gli interferoni inibiscono il metabolismo ossidativo nel fegato, la biotrasformazione dei farmaci metabolizzati da questa via può essere compromessa.

Con l'uso simultaneo con ACE inibitori, il sinergismo è possibile rispetto all'azione ematotossica; con zidovudina - sinergismo in relazione all'azione mielotossica; con paracetamolo - possibile aumento dell'attività degli enzimi epatici; con teofillina - riduzione della clearance della teofillina.

Analoghi del farmaco Interferone

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Alfaferon;
  • Vellferon;
  • Interferone alfa-2b ricombinante umano;
  • Interferone dei leucociti umani;
  • Liquido interferone umano leucocitario;
  • Leucocita di interferone umano secco;
  • Interferone dei leucociti umani;
  • Interferone leucocitario umano nelle candele;
  • Unguento a base di idrogel ricombinante Interferone alfa-2;
  • Inferon;
  • Lokferon.

Analoghi di farmaci Interferone leucocita umano

Perché le farmacie avide nascondono lo strumento più efficacemente Exoderil 39 volte? Si è rivelato di spessore sovietico.

Principio attivo

analoghi

Anche il fegato più morto viene purificato con questo rimedio!

Elena Malysheva: "Gli oculisti hanno taciuto su questo! Un modo semplice per recuperare il 100% della vista in pochi giorni".

Cardiologo: "Non rovinare il cuore con le pillole! Bevi una tazza di semplice di notte".

Nome internazionale

Affiliazione di gruppo

Azione farmacologica

Una miscela di vari sottotipi di interferone alfa naturale da leucociti del sangue umano. Ha effetti antivirali, antiproliferativi, immunomodulatori e antitumorali.

Il meccanismo dell'azione antivirale consiste nel creare meccanismi protettivi nelle cellule prive di virus: cambiamenti nelle proprietà delle membrane cellulari che impediscono al virus di entrare nella cellula; iniziando la sintesi di un numero di enzimi specifici che impediscono la replicazione dell'RNA virale e la sintesi delle proteine ​​virali.

L'effetto antiproliferativo è causato da meccanismi diretti che causano cambiamenti nel citoscheletro e nella membrana cellulare, regolando i processi di differenziazione e il metabolismo cellulare, che a loro volta interferiscono con la proliferazione cellulare, in particolare il tumore.

Promuove la modulazione dell'espressione di alcuni oncogeni (myc, sys, ras), che consente di "normalizzare" la trasformazione neoplastica delle cellule e quindi di inibire la crescita del tumore. L'effetto immunomodulatore è dovuto alla stimolazione dell'attività dei macrofagi e delle cellule natural killer (i macrofagi sono coinvolti nella presentazione dell'antigene alle cellule immunocompetenti e le cellule natural killer sono coinvolte nella risposta immunitaria dell'organismo alle cellule tumorali).

testimonianza

Parenterale - epatite B acuta, epatite cronica attiva B, epatite C cronica, condilomi acuminati, zecche encefalite (compresa la forma meningee), leucemia a cellule capellute (triholeykoz), mieloma multiplo, linfoma non-Hodgkin di, linfoma cutaneo a cellule T (micosi fungoide, Sezary sindrome), AIDS, il sarcoma di Kaposi in background (in pazienti senza una storia di infezioni acute), leucemia mieloide cronica, carcinoma della vescica, carcinoma del rene, del melanoma, papillomatosi respiratoria della laringe (il giorno successivo dopo la rimozione di n Pillola), primaria (essenziale) e secondaria trombocitosi, forma transitoria di leucemia granulocitica cronica e mielofibrosi, reticulosarcoma.

Rettale - in combinazione con la terapia di base: febbre emorragica con sindrome renale, immunodeficienza secondaria, l'epatite B acuta nei bambini 2-12 anni di età.

Localmente - intranasale: influenza, ARVI (trattamento e prevenzione); instillazione del sacchetto congiuntivale - malattie dell'occhio virale (cheratite, cheratouveite, congiuntivite).

Controindicazioni

Effetti collaterali

Sintomi influenzali: mialgia, febbre, brividi, mal di testa, malessere, in misura minore - artralgia, mal di schiena (si verifica nella maggior parte dei pazienti, i sintomi sono più evidenti nella prima settimana e gradualmente si indeboliscono, con conseguente tachifilassi, 2-4 settimane).

Dal sistema digerente: spesso - perdita di appetito, nausea, spesso - vomito, diarrea, alterazione del gusto, il gusto "metallico" in bocca, secchezza delle fauci, dolore addominale, perdita di peso, di rado - stomatite ulcerativa, costipazione, flatulenza, bruciore di stomaco, aumento della peristalsi, aumento dell'attività delle transaminasi "epatiche", molto raramente - insufficienza epatica.

Dal lato degli organi che formano il sangue: anemia, leucopenia transitoria, trombocitopenia.

Da parte del sistema cardiovascolare: diminuzione transitoria o aumento della pressione sanguigna, aritmie (sopraventricolare), dolore al petto.

Dal sistema nervoso: vertigini, declino cognitivo, diminuzione della capacità di concentrazione (pazienti anziani o ad alte dosi), sonno agitato, somnolepsiya, confusione, ansia, parestesia, intorpidimento degli arti o del viso, crampi alle gambe.

Dai sensi: visione offuscata ("velo" davanti agli occhi), retinopatia ischemica.

Sulla parte della pelle: alopecia, pelle secca, prurito, iperidrosi.

Reazioni allergiche: eruzione cutanea.

Altro: disfunzione della tiroide.

Applicazione e dosaggio

S / c, in / m; dosi massime - in / in flebo, lentamente (entro 30-60 minuti). La dose richiesta è pre-diluita con 50 ml di soluzione di NaCl allo 0,9% (12 milioni di UI).

Con la leucemia a cellule capellute, la dose iniziale raccomandata è di 3 milioni di UI al giorno per 6 mesi. In caso di fallimento del trattamento, il farmaco viene cancellato; Se c'è un trend positivo, è necessario continuare il trattamento fino a miglioramento dei parametri ematologici, e dopo aver raggiunto la terapia condotta stabilità per altri 3 mesi per 3 milioni UI 3 volte a settimana.

Con il mieloma multiplo, la dose iniziale è di 3 milioni UI 3 volte a settimana con un aumento settimanale della dose massima tollerata di 9-18 milioni di UI 3 volte a settimana. Questa modalità deve essere mantenuta per un tempo illimitato, tranne nei casi in cui la malattia si sviluppa troppo rapidamente o il paziente diventa intollerante al farmaco.

Con linfoma non Hodgkin, la dose iniziale è di 3 milioni UI 3 volte a settimana per 2 settimane, quindi la dose raccomandata è di 6 milioni UI 3 volte a settimana; da 14 settimane - 3 milioni UI 3 volte a settimana.

Terapia di mantenimento dopo chemioterapia standard (con o senza radioterapia) - 3 milioni UI 3 volte a settimana per almeno 12 mesi.

Quando linfoma cutaneo a cellule T: - 1-3 giorni - 3 milioni di UI / die, giorno 4-6 - 9 milioni UI / die, giorni 7-84 - 18 milioni UI / die; dose di mantenimento - il massimo tollerato (non più di 18 milioni di UI) 3 volte a settimana.

Nella leucemia mieloide cronica e trombocitosi nella leucemia mieloide cronica: 1-3 giorni - 3 milioni di UI / die, giorno 4-6 - 6 milioni di UI / die, 7-84 giorno - 9 milioni UI / die, il tasso - 8-12 settimane. Dopo la stabilizzazione del numero di leucociti, la frequenza di somministrazione è 3 volte a settimana. Questa modalità deve essere mantenuta per un tempo illimitato, tranne nei casi in cui la malattia si sviluppa troppo rapidamente o il paziente diventa intollerante al farmaco.

Quando trombocitosi con malattie mieloproliferative (esclusa la leucemia mieloide cronica): 1-3 giorni - 3 milioni di UI / die, 4-30 giorni - 6 milioni di UI / die.

Quando KS: 1-3 giorni - 3 milioni di UI / die, giorno 4-6 - 9 milioni UI / die, giorno 7-9 - 18 milioni UI / die, al giorno 10-84 tollerabilità - a 36 milioni UI / die ; dose di mantenimento - il massimo tollerato (non più di 36 milioni di UI) 3 volte a settimana.

In carcinoma renale: 1-3 giorni - 3 milioni UI / die, 4-6 giorni - 9 milioni UI / die, 7-9 giorni - 18 milioni UI / die, con tolleranza 10-84 giorni - fino a 36 milioni UI / die ; dose di mantenimento - il massimo tollerato (non più di 36 milioni di UI) 3 volte a settimana; la durata del trattamento va da 8-12 settimane a 16 mesi. Con la terapia combinata con vinblastina, 3 milioni UI 3 volte a settimana, la seconda settimana, 9 milioni UI 3 volte a settimana, poi 18 milioni UI 3 volte a settimana. Durante questo periodo, la vinblastina viene somministrata alla dose di 0,1 mg / kg una volta alla settimana. Durata della terapia - 3-12 mesi. In caso di remissione completa, il trattamento può essere interrotto 3 mesi dopo il suo verificarsi.

Melanoma: 18 milioni di UI 3 volte a settimana per 8-12 settimane; dose di mantenimento - 18 milioni di UI 3 volte a settimana per 8-12 settimane; in presenza di un effetto positivo, la terapia viene continuata fino a 17 mesi, in assenza di essa, viene interrotta.

Nell'epatite B acuta (forme lievi, moderate e gravi), 1 milione di UI viene prescritto 2 volte al giorno per 5-6 giorni, quindi 1 milione di UI / die viene somministrato per altri 5 giorni. Se necessario, il corso del trattamento può essere continuato - 1 milione IU, 2 volte a settimana per 2 settimane. Dose del corso: 15-21 milioni di UI.

Nell'epatite B cronica attiva (compresa l'epatite B delta-positiva cronica), la dose raccomandata è di 4,5 milioni UI 3 volte a settimana per 4-6 mesi. Se la quantità di marcatori del replicazione del virus o l'antigene di superficie del virus dell'epatite B non viene ridotta dopo un mese di trattamento, la dose deve essere aumentata a 6 milioni di UI tre volte alla settimana. In assenza di miglioramento dopo 3-4 mesi, il trattamento deve essere interrotto.

Nell'epatite C cronica, 3-6 milioni di UI sono prescritti 3 volte a settimana, la durata del trattamento è fino a 3 mesi; dose di mantenimento - 3 milioni UI 3 volte alla settimana per altri 3-9 mesi (per fissare la remissione nei pazienti con attività ALT normalizzata nel plasma). Se, entro 16 settimane dall'inizio della terapia, non c'è diminuzione dell'attività delle transaminasi epatiche, il trattamento deve essere interrotto.

Con le verruche genitali, la dose è 0,1-1 milioni UI (a seconda dell'area della lesione) 3 volte a settimana. Il farmaco viene iniettato con un ago sottile nella base della zona danneggiata; Il danno dovrebbe essere calcolato per calcolare la dose totale somministrata nello stesso momento, che non dovrebbe superare i 3 milioni di UI. Ogni ciclo di terapia prevede l'introduzione di 3 dosi a settimana per 3 settimane. Il miglioramento è di solito notato dopo 4-6 settimane dall'inizio del primo ciclo di terapia. In alcuni casi, il ciclo di trattamento deve essere ripetuto con dosi simili.

In caso di encefalite trasmessa da zecche (inclusa la forma meningea), 1-3 milioni di UI vengono somministrati 2 volte al giorno per 10 giorni. Quindi passano alla terapia di mantenimento, 1-3 milioni di UI ogni 2 giorni, 5 volte.

Trombocitosi primaria e secondaria: 2 milioni UI / die 5 giorni a settimana per 4-5 settimane. Se il numero di piastrine in 2 settimane non diminuisce, la dose viene aumentata a 3 milioni UI / die, in assenza di effetti entro la fine di 3 settimane la dose

Istruzioni speciali

Durante il trattamento, monitorare il contenuto di cellule del sangue e la funzionalità epatica. Per la trombocitopenia, con una conta piastrinica inferiore a 50 mila / μl, devono essere somministrate iniezioni sottocutanee.

Se i pazienti anziani che ricevono dosi elevate hanno effetti collaterali dal sistema nervoso centrale, il paziente deve essere attentamente esaminato e, se necessario, interrompere il trattamento; la gravità degli effetti collaterali diminuisce con l'introduzione poco prima di coricarsi.

Per mitigare la gravità della sindrome simil-influenzale, si raccomanda la somministrazione simultanea di paracetamolo.

I pazienti devono ricevere la terapia di idratazione, soprattutto durante il periodo iniziale di trattamento.

I pazienti con epatite C possono occasionalmente manifestare disfunzioni della ghiandola tiroidea, espresse in ipo-o ipertiroidismo, quindi il trattamento deve essere iniziato al livello normale iniziale di TSH nel sangue.

Penetra nel latte materno, se necessario, la nomina del farmaco durante l'allattamento deve interrompere l'allattamento al seno.

Durante il periodo di trattamento, occorre prestare attenzione quando si guidano veicoli e si impegnano in altre attività potenzialmente pericolose che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.

interazione

Violenta il metabolismo della cimetidina, della fenitoina, del warfarin, della teofillina, del diazepam, del propranololo.

Combinazioni con farmaci depressivi del SNC, immunosoppressori, etanolo dovrebbero essere evitati.

Possibile miglioramento degli effetti neurotossici, ematotossici e cardiotossici di farmaci che sono stati prescritti prima o simultaneamente.

Cosa può sostituire l'interferone

Accade spesso che la medicina prescritta da un medico non sia adatta per ragioni individuali: si è verificata una reazione allergica o idiosincrasia, non esiste una forma di rilascio adeguata, il farmaco è troppo costoso, non ha precedentemente aiutato. Nell'interferone ci sono molti analoghi, sia per nomi commerciali, sia per sostanze attive che hanno proprietà simili. L'interferone è una moderna droga immunomodulatoria di produzione straniera, che ha un numero sufficiente di analoghi. Se è necessario un analogo più economico con lo stesso principio attivo, è possibile sostituirlo a propria discrezione, ma se il paziente desidera trovare un medicinale simile con un altro componente funzionante, è meglio consultare il proprio medico. È inoltre necessario rendersi conto che è necessario sostituirlo con un analogo per la stessa sostanza attiva, i farmaci possono essere utilizzati solo se il paziente ha una diagnosi appropriata - immunodeficienza pronunciata, HIV, epatite virale, una forma grave di herpes ricorrente. Se un paziente con diagnosi simili, a sua discrezione, sostituisce il farmaco prescritto con un analogo non adatto o troppo debole, le conseguenze potrebbero essere disastrose. Dovrebbe essere compreso che nel caso della solita infezione virale respiratoria acuta non complicata virale non ha senso usare grandi quantità di farmaci a base di interferoni. Con raffreddori e influenza, si può fare con immunostimolanti a base vegetale, immunomodulatori omeopatici, agenti antivirali leggeri e con herpes simplex, che si verifica solo con il raffreddore e in rari casi, è sufficiente assumere solo farmaci antivirali leggeri.

Informazioni dettagliate su Interferon sono qui.

Breve descrizione di potenziali sostituti

Il principio attivo del farmaco è il leucocita o l'interferone umano ricombinante alfa, beta o gamma. Esistono diversi tipi di rimedi e, a seconda della specifica malattia, una medicina specifica viene prescritta individualmente e in base alla diagnosi. Tali farmaci hanno molte forme di rilascio: per uso esterno - unguento, gel, collirio o film; per uso orale - soluzione per bere, compresse; per la somministrazione intranasale - gocce e spray, aerosol; per iniezione, soluzioni e polveri liofilizzate per la diluizione, nonché supposte per l'inserimento nell'ano e nella vagina. Il costo medio dell'interferone nel mercato russo è di 1600 rubli per pacchetto, ma è possibile cercare controparti più economiche con lo stesso principio attivo, non inferiore in termini di efficienza.

Sostituti di nome commerciale

Laferon è un farmaco che contiene interferone umano ricombinante alfa-2-b. Disponibile sotto forma di soluzione intranasale, polvere liofilizzata, supposte rettali e soluzione iniettabile. A seconda della forma specifica di rilascio, Laferon può essere ordinato in Russia attraverso farmacie online da 200 rubli per pacchetto. Laferon è prodotto dalla società ucraina LLC, Interfarmbiotek. Non è inferiore in termini di efficienza ad altri analoghi, ha effetti antivirali, antitumorali e immunostimolanti. Non ci sono controindicazioni, ad eccezione del periodo di gravidanza e intolleranza individuale. Gli effetti collaterali sono gli stessi di altri farmaci simili: dolori articolari, dolori muscolari, febbre.

Genfaxon - è costituito dal principio attivo del tipo beta-1a. Questo tipo di immunomodulatore non è prescritto per ARVI e altri stati di immunodeficienza. Questo farmaco è indicato solo per la sclerosi multipla e il suo prezzo è alto - più di 7 mila rubli per confezione.

Il farmaco più popolare a base di interferone umano ricombinante alfa-2b è viferon. Il suo costo medio è di 400 rubli per confezione. Secondo il principio attivo è un analogo completo di Laferon. Produttore - LLC, Feron, Russia. Disponibile sotto forma di unguento, supposte e gel per uso esterno. Adatto per l'uso da parte delle donne in gravidanza, in quanto ha un basso assorbimento sistemico. Il modulo di rilascio sotto forma di supposte per la somministrazione intravaginale si chiama Genferon.

Sostituti per effetti terapeutici simili

Anaferon è un rimedio omeopatico composto da anticorpi per l'interferone gamma purificato. È prodotto dalla società russa - Materia Media Holding. Il costo medio del farmaco è di 220 rubli per confezione. Anaferon è disponibile in compresse per riassorbimento orale e sublinguale. Con esso, è possibile prevenire la comparsa di influenza e raffreddori, se si inizia a prendere le pillole in anticipo nel bel mezzo di epidemie. Se i sintomi del raffreddore mostrano i primi sintomi, allora è necessario iniziare a prendere anaferon il prima possibile in modo che il recupero sia più veloce e i sintomi della malattia si attenuano. Il farmaco è buono perché può essere prescritto ai bambini e per prevenire l'encefalite. Anaferon è anche prescritto in presenza di citomegalovirus e infezione da herpes in persone con immunodeficienza.

Kagocel è un farmaco russo che ha proprietà immunomodulanti, antimicrobiche, radioprotettive e antivirali. Si riferisce agli induttori di interferone, Kagocel è stato sintetizzato dal complesso sale di sodio organico. Ha un effetto terapeutico stimolando l'organismo a produrre proteine ​​strutturali che attivano il meccanismo di difesa, in conseguenza del quale una persona recupera più velocemente e soffre meno dei sintomi spiacevoli della malattia. Kagocel è indicato per l'influenza e il raffreddore, l'herpes simplex, le infezioni virali respiratorie acute e come agente profilattico per prevenire l'ARD in mezzo alle epidemie.

interferone

Ci sono controindicazioni Prima di iniziare, consultare il medico.

Tutti i farmaci antivirali e immunostimolanti qui.

Farmaci per il trattamento del raffreddore qui.

Fai una domanda o lascia una recensione sul farmaco (per favore non dimenticare di includere il nome del farmaco nel testo del messaggio) qui.

Viferon - istruzioni per l'uso. Il farmaco è una prescrizione, le informazioni sono destinate solo agli operatori sanitari!

Azione farmacologica

La preparazione dell'interferone alfa-2 ricombinante umano. Ha pronunciato proprietà antivirali, antiproliferative e immunomodulatorie.

La complessa composizione del farmaco causa una serie di effetti aggiuntivi. A causa del contenuto di acido ascorbico e tocoferolo acetato nella preparazione, l'attività antivirale specifica di interferone alfa-2 aumenta, il suo effetto immunomodulatore sui linfociti T e B aumenta, il livello di immunoglobulina E viene normalizzato e il funzionamento del sistema di interferone endogeno viene ripristinato. Inoltre, l'acido ascorbico, l'alfa-tocoferolo acetato, essendo antiossidanti altamente attivi, hanno proprietà antinfiammatorie, stabilizzanti la membrana e rigeneranti.

È stato stabilito che quando si usa Viferon sotto forma di supposte, non vi sono effetti collaterali derivanti dalla somministrazione parenterale di preparati di interferone e non si formano anticorpi che neutralizzano l'attività antivirale dell'interferone.

farmacocinetica

I dati sulla farmacocinetica del farmaco Viferon sotto forma di supposte rettali non sono forniti.

Indicazioni per l'uso del farmaco VIFERON

  • nel trattamento complesso di malattie infettive e infiammatorie in bambini, compreso neonati e prematuri: influenza, ARVI (compresi quelli complicati da infezione batterica), polmonite (batterica, virale, clamidia), meningite (batterica, virale), sepsi, infezione intrauterina (clamidia, infezione da herpes, infezione da citomegalovirus, infezioni da enterovirus, candidosi, compresa viscerale, micoplasmosi);
  • come componente di terapia complessa di epatite virale cronica B, C, D in bambini e adulti, compreso in combinazione con l'uso di plasmaferesi ed emosorbimento, con epatite virale cronica, un marcato grado di attività e complicata dalla cirrosi epatica;
  • come parte della terapia complessa negli adulti, tra cui nelle donne in gravidanza, con infezione urogenitale (clamidia, infezione da citomegalovirus, ureaplasmosis, tricomoniasi, gardnerellezis, infezione da papillomavirus umano, vaginosi batterica, candidosi vaginale ricorrente, micoplasmosi); infezione erpetica primaria o ricorrente della pelle e delle mucose, forma localizzata, decorso da lieve a moderato, incl. forma urogenitale;
  • come parte della terapia complessa per l'influenza e altre malattie virali respiratorie acute (comprese quelle complicate da infezione batterica) negli adulti.

Regime di dosaggio

Nel complesso trattamento delle malattie infettive e infiammatorie nei bambini:

Neonato (compresa la prematura con un'età gestazionale di oltre 34 settimane), ai bambini viene prescritta Vogenon 150 mila IU 1 supposta 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore.Il corso del trattamento è di 5 giorni.

I neonati prematuri con età gestazionale inferiore a 34 settimane sono prescritti Viferon 150 mila IU 1 supposta 3 volte al giorno con un intervallo di 8 ore.Il corso del trattamento è di 5 giorni.

Il numero raccomandato di corsi Viferon per varie malattie infettive e infiammatorie nei bambini, tra cui neonati e neonati prematuri: influenza, ARVI, incl. complicato da infezione batterica - 1-2 corsi; polmonite (batterica, virale, clamidia) - 1-2 corsi; sepsi - 2-3 corsi; meningite - 1-2 corsi; infezione da herpes - 2 corsi; infezione da enterovirus - 1-2 corsi; infezione da citomegalovirus - 2-3 corsi; micoplasmosi, candidosi, incl. viscerale - 2-3 corsi. La pausa tra i corsi è di 5 giorni. Secondo le indicazioni cliniche, la terapia può essere continuata.

Nella complessa terapia dell'epatite virale cronica B, C, D in bambini e adulti:

Nell'epatite virale cronica nei bambini, la dose del farmaco dipende dall'età. Bambini di età inferiore ai 6 mesi Viferon prescritto in una dose di 300-500 mila UI al giorno; all'età di 6 a 12 mesi - 500 mila IU al giorno. Bambini da 1 a 7 anni - 3 milioni / m2 di superficie corporea al giorno, oltre 7 anni - 5 milioni / m2 al giorno. Il calcolo della dose del farmaco per ogni singolo paziente viene effettuato moltiplicando la dose raccomandata per una data età per la superficie corporea calcolata dal nomogramma per calcolare la superficie del corpo in altezza e peso secondo Harford, Terry e Rourke, divisi in 2 somministrazioni, arrotondati al dosaggio della corrispondente supposta. Il farmaco viene utilizzato 2 dopo 12 ore i primi 10 giorni al giorno, quindi 3 settimane. a giorni alterni per 6-12 mesi La durata del corso è determinata dall'efficacia clinica e dai parametri di laboratorio.

I bambini con epatite virale cronica di marcato grado di attività e cirrosi epatica prima della plasmaferesi e / o emosorbimento hanno mostrato l'uso della supposta Viferon 1 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore per 14 giorni (bambini sotto i 7 anni - Viferon 150 mila UI, bambini sopra i 7 anni - Viferon 500 mila IU).

Gli adulti con epatite virale cronica sono prescritti Viferon 3 milioni di UI 1 supposta 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore per 10 giorni al giorno, quindi 3 volte a settimana a giorni alterni per 6-12 mesi. La durata del trattamento è determinata dall'efficacia clinica e dai parametri di laboratorio.

Come parte della terapia complessa negli adulti, inclusi in donne in gravidanza con infezioni urogenitali (clamidia), infezione da citomegalovirus, ureaplasmosi, tricomoniasi compresa la forma urogenitale).

Gli adulti con le suddette infezioni, ad eccezione dell'herpes, prescrivono Viferon 500 mila IU 1 supposta 2 volte al giorno dopo 12 ore. Il corso dura 5-10 giorni. Secondo indicazioni cliniche, la terapia con Viferon nella forma di supposte rettali può esser continuata con un intervallo tra corsi di 5 giorni.

Quando viene prescritta un'infezione da herpes, Viferon 1 milione UI, 1 supposta, 2 volte al giorno dopo 12 ore Il ciclo di trattamento è di 10 giorni o più per un'infezione ricorrente. Si consiglia di iniziare immediatamente il trattamento quando compaiono i primi segni di lesioni cutanee e delle mucose (prurito, bruciore, arrossamento). Nel trattamento dell'herpes ricorrente, è preferibile iniziare il trattamento nel periodo prodromico o all'inizio della manifestazione di segni di recidiva.

Nelle donne in gravidanza con infezioni urogenitali (incluso l'herpes) nel secondo trimestre di gravidanza (a partire dalla 14a settimana) - Viferon 500 mila IU, 1 supposta, 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore per 10 giorni, quindi 1 supposta 2 una volta al giorno con un intervallo di 12 ore, 2 volte a settimana - 10 giorni. Quindi, dopo 4 settimane, i corsi profilattici del farmaco Viferon 150 mila IU, 1 supposta ogni 12 ore per 5 giorni vengono eseguiti, e il corso profilattico viene ripetuto ogni 4 settimane. Se necessario, può condurre un corso terapeutico prima del parto.

Nella complessa terapia dell'influenza e di altre malattie virali respiratorie acute (comprese quelle complicate da infezione batterica) negli adulti:

Applicare Viferon 500 mila UI a 1 supposta 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore al giorno. Il corso del trattamento è di 5-10 giorni.

Effetti collaterali

Reazioni allergiche: raramente - eruzione cutanea, prurito.

Controindicazioni all'uso del farmaco VIFERON

  • ipersensibilità al farmaco.

Uso del farmaco VIFERON durante la gravidanza e l'allattamento

Il farmaco è approvato per l'uso dalla 14a settimana di gravidanza.

Non ci sono restrizioni per l'uso durante l'allattamento.

Istruzioni speciali

Le possibili reazioni allergiche sono reversibili e scompaiono 72 ore dopo la fine del farmaco.

overdose

I dati su overdose di Viferon non sono forniti.

Interazione farmacologica

Viferon è compatibile e ben combinato con tutti i farmaci utilizzati nel trattamento delle malattie sopra menzionate (inclusi antibiotici, farmaci chemioterapici, GCS).

Condizioni di vendita della farmacia

Il farmaco è disponibile su prescrizione medica.

Termini e condizioni di conservazione

Il farmaco deve essere conservato fuori dalla portata dei bambini, al riparo dalla luce a una temperatura compresa tra 2 ° e 8 ° C. Periodo di validità - 2 anni.

Trasporto e stoccaggio secondo SP 3.3.2.1248-03 ad una temperatura compresa tra 2 ° e 8 ° C.

Genferon - istruzioni per l'uso. Il farmaco è una prescrizione, le informazioni sono destinate solo agli operatori sanitari!

Gruppo clinico-farmacologico:

Interferone. Farmaco immunomodulatore con azione antivirale

Indicazioni per l'uso del farmaco GENFERON

Come parte della terapia complessa per malattie infettive e infiammatorie del tratto urogenitale:

  • herpes genitale;
  • clamidia;
  • ureaplasmosis;
  • micoplasmosi;
  • candidosi vaginale ricorrente;
  • vaginosi batterica;
  • tricomoniasi;
  • infezioni da papillomavirus umano;
  • vaginosi batterica;
  • erosione cervicale;
  • cervicite;
  • vulvovaginiti;
  • Bartolini;
  • annessite;
  • prostatite;
  • uretrite;
  • balanite;
  • balanopostite.

Regime di dosaggio

Nelle malattie infettive e infiammatorie del tratto urogenitale nelle donne, il farmaco viene somministrato per via intravaginale 1 supposta (250 mila o 500 mila UI, a seconda della gravità della malattia) 2 volte al giorno per 10 giorni. Nelle malattie croniche, il farmaco viene prescritto 3 volte a settimana (a giorni alterni) in 1 supposta per 1-3 mesi.

Nelle malattie infettive e infiammatorie del tratto urogenitale negli uomini, il farmaco viene prescritto per via rettale in 1 supposta (500 mila-1 milione UI, a seconda della gravità della malattia) 2 volte al giorno per 10 giorni.

Effetti collaterali

Reazioni allergiche: eruzione della pelle, prurito. Questi fenomeni sono reversibili e scompaiono dopo 72 ore dall'abbassamento della dose o dall'interruzione del farmaco.

Con l'introduzione del farmaco in una dose di 10 milioni di UI al giorno aumenta il rischio dei seguenti effetti indesiderati:

CNS: mal di testa.

Da parte del sistema ematopoietico: leucopenia, trombocitopenia.

Altri: febbre, sudorazione, stanchezza, mialgia, perdita di appetito, artralgia.

Controindicazioni all'uso del farmaco GENFERON

  • ipersensibilità al farmaco.

Uso del farmaco GENFERON durante la gravidanza e l'allattamento

Se necessario, l'uso del farmaco nei trimestri di gravidanza II e III dovrebbe correlare i benefici attesi alla madre e il potenziale rischio per il feto.

Condizioni di vendita della farmacia

Il farmaco è disponibile su prescrizione medica.

Termini e condizioni di conservazione

Il farmaco deve essere conservato lontano dalla portata dei bambini a una temperatura compresa tra 2 e 8 ° C. Periodo di validità - 2 anni. Non usare il farmaco dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Kipferon - istruzioni per l'uso

Gruppo clinico-farmacologico

Immunomodulatore. La combinazione di immunoglobulina con interferone

Azione farmacologica

Il farmaco ha un effetto immunostimolante, antivirale, anti-epatico.

Come parte della terapia complessa è usato per trattare la clamidia.

Indicazioni per l'uso del farmaco KIPFERON

Il farmaco è utilizzato nel trattamento di malattie respiratorie acute, malattie infiammatorie dell'orofaringe di eziologia batterica e virale, in infezioni intestinali virali (rotavirus) e batteriche (salmonellosi, dissenteria, coli), disbatteriosi intestinale di diversa origine nei bambini; nel trattamento della clamidia urogenitale nelle donne, comprese le manifestazioni di disbatteriosi vaginale, vulvovaginite, cervice cervicale, erosione cervicale. L'uso del farmaco viene effettuato sullo sfondo di una terapia specifica generalmente accettata.

Regime di dosaggio

Le supposte, contenenti come sostanze attive la preparazione del complesso immunoglobulinico (TRC) di 0,2 g e l'interferone alfa-2b umano, ricombinante 500.000 ME, vengono utilizzate per via vaginale o rettale.

Nelle malattie respiratorie acute, nelle malattie infiammatorie dell'orofaringe di eziologia batterica e virale, nelle infezioni intestinali virali (rotavirus) e batteriche (Salmonella, dissenteria, colo-infezione) nei bambini, nelle batteriosi intestinali di diversa origine, vengono prescritte supposte a seconda dell'età dei pazienti:

  • nel primo anno, rettalmente 1 supposte in (in 1 ricevimento);
  • da 1 a 3 anni - 1 supposta due volte al giorno;
  • dopo 3 anni - 1 supposta tre volte al giorno per 5-7 giorni.

Nei pazienti con tonsillite con un processo purulento pronunciato, il trattamento deve essere esteso a 7-8 giorni.

Le supposte sono utilizzate senza terapia specifica o allo stesso tempo.

Nel trattamento della clamidia urogenitale nelle donne, le supposte sono somministrate in profondità per via intravaginale (prima del contatto con il fornice vaginale posteriore e la cervice), 1-2 supposte, a seconda della gravità della malattia, due volte al giorno. Il corso del trattamento è in media 10 giorni; in presenza di erosione cervicale, il farmaco viene continuato fino alla sua epitelizzazione. Secondo la testimonianza del trattamento può essere ripetuto. Il trattamento dovrebbe iniziare nei primi giorni dopo la fine delle mestruazioni. Prima dell'introduzione si consiglia di rimuovere il muco dalle mucose della vagina e della cervice.

Controindicazioni all'uso del farmaco KIPFERON

Intolleranza individuale dei singoli componenti, gravidanza e allattamento.

Uso del farmaco CIPFERON durante la gravidanza e l'allattamento

Controindicato in gravidanza e allattamento.

Usare nei bambini

L'uso è possibile secondo il regime di dosaggio.

Condizioni di vendita della farmacia

Il farmaco è approvato per l'uso come mezzo di OTC.

Termini e condizioni di conservazione

Immagazzinare una preparazione a una temperatura da 2 ° C a 8 ° C, nel posto, inaccessibile per bambini.

Periodo di validità - 1 anno. Non utilizzare oltre la scadenza indicata sulla confezione.

Grippferon - istruzioni per l'uso:

Gruppo clinico-farmacologico:

Interferone. Farmaco immunomodulatore con azione antivirale

Indicazioni per l'uso del farmaco GRIPPHERON

  • Prevenzione e trattamento dell'influenza e ARVI nei bambini e negli adulti.

Regime di dosaggio

Ai primi segni della malattia, Grippferon® viene utilizzato per 5 giorni:

  • di età compresa tra 0 e 1 anno, 1 goccia in ogni passaggio nasale 5 volte al giorno (dose singola di 1000 ME, dose giornaliera di 5000 ME);
  • all'età di 1 a 3 anni, 2 gocce in ogni passaggio nasale 3-4 volte al giorno (dose singola di 2000 ME, dose giornaliera di 6000-8000 ME);
  • all'età di 3 a 14 anni, 2 gocce in ogni passaggio nasale 4-5 volte al giorno (dose singola di 2000 ME, dose giornaliera di 8000-10000 ME);
  • adulti 3 gocce in ogni passaggio nasale 5-6 volte al giorno (dose singola di 3000 ME, dose giornaliera di 15000-18000 ME).

Al fine di prevenire la SARS e l'influenza:

  • a contatto con il paziente e / o durante l'ipotermia, il farmaco viene instillato in una singola dose di età 2 volte al giorno. Se necessario, ripetere i corsi preventivi;
  • con un aumento stagionale dell'incidenza del farmaco instillato nella dose di età una volta al mattino con un intervallo di 24-48 ore.

Dopo ogni instillazione, si consiglia di massaggiare le ali del naso con le dita per alcuni minuti per distribuire uniformemente il farmaco nella cavità nasale.

Effetti collaterali

Controindicazioni all'uso del farmaco GRIPPFERON

  • Intolleranza individuale ai farmaci e ai componenti dell'interferone che costituiscono il farmaco.
  • Gravi malattie allergiche

Uso del farmaco GRIPPFERON durante la gravidanza e l'allattamento

Grippferon® è approvato per l'uso durante l'intero periodo di gravidanza in accordo con la dose di età.

Condizioni di vendita della farmacia

Il farmaco è approvato per l'uso come mezzo di OTC.

Termini e condizioni di conservazione

Il farmaco deve essere conservato a una temperatura compresa tra 2 e 8 ° C. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Periodo di validità - 2 anni.

Aprire la bottiglia per conservare non più di 30 giorni. Non usare dopo la data di scadenza stampata sulla confezione.

Interferone secco leucocitario umano | Analoghi russi di droghe con prezzi e recensioni

Interferone leucocitario asciutto umano - istruzioni ufficiali per l'uso, analoghi

L'interferone umano leucocitario è un gruppo di proteine ​​sintetizzate dai leucociti del sangue del donatore in risposta all'effetto del virus - interferone.

La preparazione a secco è una compressa o polvere porosa di colore bianco o rosato-crema.

L'HBsAg, gli anticorpi anti-HIV-1, HIV-2 ed epatite C sono assenti.

Proprietà biologiche.
Il farmaco ha una vasta gamma di azione antivirale. È sterile, non tossico e innocuo se somministrato per via respiratoria. L'introduzione del farmaco per iniezione è severamente vietata.

Per adulti e bambini per prescrivere il farmaco nella stessa dose.

Indicazioni per l'uso.
Il farmaco è destinato alla prevenzione e al trattamento dell'influenza, nonché ad altre infezioni virali respiratorie acute.

Al fine di trattare il farmaco utilizzato in uno stadio precoce della malattia con la comparsa dei primi sintomi clinici.

L'efficacia del farmaco è più elevata, prima il suo utilizzo è iniziato.

Metodi di utilizzo.
Per la prevenzione dell'influenza e altre infezioni virali respiratorie acute, utilizzare il farmaco spruzzando o instillando una soluzione acquosa.

I contenitori con il farmaco si aprono immediatamente prima dell'uso. L'acqua viene versata in un contenitore fino a una linea corrispondente a 2 ml e il contenitore viene agitato delicatamente fino a quando il contenuto non è completamente sciolto.

Per dissolvere il farmaco, viene utilizzato distillato sterile o acqua bollita raffreddata a temperatura ambiente. La soluzione del farmaco è un liquido trasparente, incolore o con varie tonalità dal giallo chiaro al rosa acceso.

L'opalescenza leggera è accettabile.

La soluzione del farmaco può essere conservata a una temperatura compresa tra 2 ° C e 8 ° C per non più di un giorno. La spruzzatura del farmaco può essere effettuata spruzzando qualsiasi sistema. In ogni passaggio nasale deve essere iniettato 0,25 ml di soluzione 2 volte al giorno con un intervallo di almeno 6 ore. Quando l'instillazione del farmaco per inserire 5 gocce in ogni passaggio nasale 2 volte al giorno con un intervallo di almeno 6 ore.

Quando si tratta il farmaco usato per inalazione, spruzzatura o instillazione. Il modo più efficace è l'inalazione. Gli inalatori dotati di riscaldamento elettrico (come "Kharkov-69") o un altro sistema sono raccomandati per la sua attuazione. Per una somministrazione utilizzare 3 fiale del farmaco, che si sciolgono in 10 ml di acqua. L'acqua viene riscaldata a una temperatura non superiore a 37 ° C.

Metodo di inalazione del farmaco somministrato 2 volte al giorno con un intervallo di almeno 6 ore. Quando l'instillazione del farmaco per immettere 0,25 ml (5 gocce) in ogni passaggio nasale in 1-2 ore, almeno 5 volte al giorno per 2-3 giorni.

Effetti collaterali e controindicazioni
Il farmaco non è reattivo, non dà effetti collaterali e non ha controindicazioni se somministrato attraverso le vie respiratorie. Usare con cautela le persone con ipersensibilità agli antibiotici e alle proteine ​​del pollo. L'introduzione sotto forma di iniezioni è severamente vietata.

Il farmaco non è adatto all'uso se:

  • imballaggio sigillato
  • nessuna marcatura
  • Scadenza scaduta.

Modulo di rilascio
Il farmaco viene versato in fiale ed è disponibile in forma secca di 1000 ME in un'ampolla. La scatola può contenere 10 fiale, istruzioni per l'uso, un coltello ampolla.

Condizioni di stoccaggio e trasporto.
Il farmaco viene stoccato e trasportato secondo SP 3.3.2.028-95 in un luogo asciutto protetto dalla luce a una temperatura compresa tra 2 e 10 ° C.

Periodo di validità - 2 anni.

I reclami sulla qualità del farmaco durante il periodo di validità della garanzia devono essere inviati all'Istituto statale di ricerca scientifica di standardizzazione e controllo dei preparati biologici intitolato a L. Tarasevich (121002, Mosca, Svitsev-Vrazhek, 41)

Una copia della denuncia deve essere inviata all'indirizzo del produttore (143422, regione di Mosca, distretto di Krasnogorsk, villaggio Petrovo-Dalnee, Mechnikov Biomed OJSC).

Interferone secco leucocitario umano

Composizione del leucocita di interferone umano secco

Interferone leucocitario umano.

produttori

Biomed (Russia), Biomedici. II Mechnikova (Russia), Microgen NPO (Biomed Perm NPO) (Russia), Microgen NPO (Virion NPO) Tomsk (Russia), Microgen NPO (Immunopreparat) Ufa (Russia), Istituto di ricerca di vaccini e sieri e impresa di San Pietroburgo su prepat di batteri pro-woo (Russia), Enzyme (Russia)

Azione farmacologica

Interferone alfa da leucociti umani normali, il meccanismo di azione antivirale è quello di creare meccanismi protettivi nelle cellule non infettate da un virus:

  • cambiamenti nelle proprietà delle membrane cellulari che impediscono la penetrazione del virus nella cellula;
  • iniziando la sintesi di un numero di enzimi specifici che impediscono la replicazione dell'RNA virale e la sintesi delle proteine ​​virali.

Ha una vasta gamma di azioni antivirali.

Quando somministrato per via endovenosa, entra rapidamente nel plasma.

Entro 24 ore, la sua concentrazione nel sangue diminuisce gradualmente al di sotto del livello minimo rilevabile.

Per la somministrazione intramuscolare e sottocutanea, le concentrazioni determinate vengono mantenute più a lungo.

Con la somministrazione intramuscolare, il farmaco viene assorbito quasi completamente dal sito di iniezione, un livello stabile viene mantenuto per 6-12 ore, e quindi il livello del farmaco nel sangue diminuisce gradualmente fino alla sua completa scomparsa dopo 18-36 ore.

Passa attraverso il BBB in una quantità molto limitata.

Interferone leucocitario asciutto umano

Indicazioni per l'uso

Influenza, SARS, malattie degli occhi di eziologia virale, leucemia a cellule capellute, mieloma multiplo, linfoma non-Hodgkin, micosi fungoide, leucemia mieloide cronica, sarcoma di Kaposi con AIDS (in pazienti senza storia di infezioni acute), carcinoma renale, melanoma, epatite cronica attiva, epatite C cronica, condilomi genitali.

Controindicazioni Interferone umano I leucociti secchi

Con cura:

  • ipersensibilità agli antibiotici e alle proteine ​​del pollo.

Dosaggio e somministrazione

Per bambini e adulti usare lo stesso regime di dosaggio.

overdose

interazione

Riduce la clearance e la teofillina T1 / 2.

Il metabolismo di cimetidina, fenitoina, warfarin, diazepam, propranololo è compromesso.

È necessario evitare l'uso congiunto con farmaci che inibiscono la funzione del sistema nervoso centrale, immunosoppressori, etanolo.

Istruzioni speciali

Il farmaco disciolto deve essere conservato a una temperatura di 2-10 gr.

Con non più di 1 giorno., Osservando le regole di asepsi.

Condizioni di conservazione

Conservare a una temperatura di 2-10 gr. S.

Ordine di vacanza

Prescrizione.

Interferone leucocitario umano secco - istruzioni per l'uso, dosi, effetti collaterali, controindicazioni - Riferimento farmaci GEOTAR

Principio attivo Interferone alfa Interferone alfa Forma di dosaggio: liofilizzato per la preparazione di una soluzione per la somministrazione intranasale e l'inalazione Composizione:

L'interferone secco leucocitario umano è un gruppo di proteine ​​sintetizzate da leucociti del sangue donati in risposta all'azione del virus induttore dell'interferone. Assenza di anticorpi anti-HIV-1, HIV-2, virus dell'epatite C e antigene di superficie del virus dell'epatite B.

Ingrediente attivo: interferone alfa

Attività: non meno di 1000 ME nella fiala.

- Cloruro di sodio - 0,09 mg;

- Sodio diidrofosfato diidrato - 0,06 mg;

- sodio idrogeno fosfato dodecaidrato - 0,003 mg;

- saccarosio - 0,03 mg.

Massa amorfa porosa o polvere bianca, o da giallo chiaro a rosso vivo. Igroscopico.

La preparazione ricostituita è un liquido chiaro dal giallo chiaro al rosso vivo.

Categoria farmacoterapeutica: MIBP - citochina ATH:

L.03.A.B.01 Interferone Alfa

Interferone Alfa ha i seguenti effetti:

- antivirali (infezioni da influenza, herpes, adenovirus, ecc.);

- antibatterico (batteriostatico) contro infezioni miste;

- immunomodulatore (normalizza lo stato immunitario);

- Immunostimolante (migliora la risposta immunitaria);

L'interferone alfa dai leucociti umani normali ha un effetto antivirale indiretto, che consiste nel creare meccanismi protettivi nelle cellule non infettate del virus: modificare le proprietà delle membrane cellulari che impediscono la penetrazione del virus nella cellula; l'inizio della sintesi di un numero di enzimi specifici che impediscono la replicazione dell'RNA virale e la sintesi delle proteine ​​virali.

Farmacocinetica: le principali proprietà dell'interferone alfa sono utilizzate a scopo terapeutico. L'interferone alfa inibisce la replicazione e la trascrizione di virus e clamidia.

Ha un effetto antivirale, induce nelle cellule uno stato di resistenza alle infezioni virali e modula la risposta del sistema immunitario per neutralizzare i virus o distruggere le cellule infette da loro. Il meccanismo dell'azione antivirale consiste nel creare meccanismi protettivi nelle cellule non infettate dal virus.

Legandosi a specifici recettori sulla superficie cellulare, l'interferone alfa modifica le proprietà della membrana cellulare, impedisce l'adesione e la penetrazione del virus nella cellula, stimola gli enzimi specifici, agisce sull'RNA e inibisce la sintesi delle proteine ​​virali. Sopprime la replicazione dei virus in una cellula infetta.

Le proprietà elencate dell'interferone alfa consentono di partecipare efficacemente ai processi di eliminazione del patogeno, alla prevenzione delle infezioni e alle possibili complicanze. Grazie all'attività immunomodulante dell'interferone alfa, si verifica la normalizzazione dello stato immunitario.

Effetti immunomodulatori dovuti alla stimolazione dell'attività dei macrofagi (attività fagocitaria) e delle cellule natural killer (cellule NK). Stimola il processo di presentazione dell'antigene dai macrofagi alle cellule immunocompetenti.

Sotto l'influenza di alfa interferone nel corpo, l'attività delle cellule T-helper, linfociti T citotossici, espressione di antigeni di tipo I e II MHC, così come l'intensità della differenziazione dei linfociti B, è migliorata.

L'attivazione dei leucociti assicura la loro partecipazione attiva all'eliminazione dei focolai patologici primari e fornisce il recupero dei prodotti di immunoglobulina di secrezione A. Indicazioni: prevenzione e trattamento dell'influenza e altre infezioni virali respiratorie acute Controindicazioni: usare con cautela nelle persone con ipersensibilità agli antibiotici e con maggiore sensibilità ai farmaci di origine proteica, tra cui carne di pollo, uova di gallina.

Persone con malattie allergiche nella storia.

L'uso del farmaco è consentito a bambini e adulti con malattie croniche.

Gravidanza e allattamento: durante la gravidanza e l'allattamento, l'interferone è prescritto solo a condizione che l'effetto atteso per la madre superi il rischio per il feto.

Dosaggio e somministrazione:

Aprire la fiala con la preparazione direttamente prima dell'uso e aggiungere acqua bollita sterile distillata o raffreddata al suo interno in un volume di 2,0 ml, cioè alla linea di colore applicata all'ampolla. Il tempo di dissoluzione non dovrebbe superare i 3 minuti.

Il farmaco disciolto dovrebbe essere un liquido limpido, con sfumature dal giallo chiaro al rosso vivo.

La soluzione del farmaco può essere conservata a una temperatura compresa tra 2 ° C e 8 ° C per non più di un giorno.

Nella prevenzione e nel trattamento di bambini e adulti usano lo stesso regime di dosaggio. Per i bambini, non ci sono limiti di età.

Applicazione di prevenzione:

Al fine di prevenire l'introduzione del farmaco dovrebbe iniziare con una minaccia immediata di infezione e continuare fino a quando il pericolo di infezione persiste. Per la prevenzione dell'influenza e altre infezioni virali respiratorie acute, utilizzare la droga disciolta per via intranasale.

Spruzzando una soluzione del farmaco può essere fatto spruzzatori di qualsiasi sistema. In ogni passaggio nasale deve essere iniettato 0,25 ml di soluzione 2 volte al giorno, con un intervallo di almeno 6 ore

Quando l'instillazione di una soluzione del farmaco per inserire 5 gocce (0,25 ml) in ogni passaggio nasale 2 volte al giorno con un intervallo di almeno 6 ore

Applicazione nel trattamento di:

Al fine di trattare il farmaco deve essere utilizzato in uno stadio precoce della malattia con la comparsa dei primi sintomi clinici.

Quando si tratta il farmaco viene utilizzato l'inalazione e intranasale. Il metodo più efficace è l'inalazione.

Gli inalatori dotati di riscaldamento elettrico o un altro sistema sono raccomandati per la sua attuazione. Per una somministrazione, utilizzare il contenuto di 3 flaconcini del farmaco, che vengono sciolti in 10 ml di acqua sterile distillata o bollita. Riscaldare la soluzione a una temperatura non superiore a 37 ° C.

Metodo di inalazione del farmaco somministrato 2 volte al giorno con un intervallo di almeno 6 ore.

Spruzzando una soluzione del farmaco può essere fatto spruzzatori di qualsiasi sistema. In ogni passaggio nasale deve essere iniettato a 0,25 ml della soluzione in 1-2 ore, almeno 5 volte al giorno per 2-3 giorni.

Quando instillazione di una soluzione del farmaco per entrare, 5 gocce (0,25 ml) in ogni passaggio nasale in 1-2 ore, almeno 5 volte al giorno per 2-3 giorni.

Precauzioni per l'uso:

L'introduzione sotto forma di iniezioni è severamente vietata.

Il farmaco non è adatto per l'uso se:

- imballaggio sigillato;

- marcatura mancante o poco leggibile;

- Scaduta scaduta.

È severamente vietato usare il farmaco sotto forma di collirio.

Effetti collaterali: non sono stati identificati effetti collaterali riportati. Con l'uso prolungato di sensibilizzazione non viene rilevato. Forse lo sviluppo di reazioni allergiche (orticaria, rash polimorfico) nelle persone che sono ipersensibili agli antibiotici e sono ipersensibili ai farmaci di origine proteica, tra cui carne di pollo, uova di gallina.

Overdose: non sono stati identificati casi di sovradosaggio.

In esperimenti in coltura di tessuti, condotti nel laboratorio di antibiotici, si è riscontrato che quando combinato con metiluracile con interferone leucocitario a secco umano, si ha un pronunciato effetto sinergico.

Un effetto sinergico pronunciato si osserva quando una combinazione di interferone leucocitario umano con lisozima.

Non sono state identificate interazioni con altri farmaci.

Impatto sulla capacità di guidare trans. Mer e pelliccia: Non identificato Forma / dosaggio di rilascio: Liofilizzato per la preparazione di una soluzione per la somministrazione intranasale e per inalazione di 1000 UI.

Il farmaco viene versato in fiale ed è disponibile in forma secca di 1000 ME in un'ampolla. La confezione contiene 5, 10 o 15 fiale, istruzioni per l'uso, uno scarificatore per ampolle.

Quando si usano fiale con un anello o un punto di rottura, la capsula capsula non viene inserita.

Condizioni di conservazione: Il preparato viene stoccato e trasportato in conformità con RD 42-1100 / 1440-99-113 in un luogo asciutto protetto dalla luce a una temperatura compresa tra 2 e 10 ° C. Durata: 2 anni. Non applicare dopo la data di scadenza Condizioni di fornitura dalle farmacie: Prescrizione Numero di registrazione: P N002278 / 01-2003 Data di registrazione: 19/05/2008 / 03/15/2012 Data di fine: Proprietario perpetuo del Certificato di registrazione: BIOMED. I.I.Mechnikova, JSC BIOMED li. I.I.Mechnikova, JSC RussiaProduttore: BIOMED loro. I.I.Mechnikova, OJSC RussiaInformazioni sull'aggiornamento dati: 10/27 / 2017Instruzioni illustrateInstruzioni Up

Interferone leucocitario umano secco :: Manuale, analoghi, prezzi, principio attivo

Nome russo: Interferone umano leucocitario secco.
Nome inglese: Interferone leucocitico siccum umano.

(Dati presi dalla sostanza attiva interferone alfa). Neoplasma maligno C20 del retto. Immunoterapia profilattica Z29.1. Z51,0 corso di radioterapia. Chemioterapia Z51.1 per neoplasie. Z54 periodo di recupero. Melanoma maligno C43 della pelle. C44 altre neoplasie cutanee maligne. Tumore maligno C57,9 degli organi genitali femminili, localizzazione non specificata. Neoplasia maligna C64 del rene, ad eccezione della pelvi renale. Linfoma non-Hodgkin diffuso C83. Micosi fungo C84.0. Leucemia a cellule capillari C91,4. Leucemia mieloide C92 [leucemia mieloide]. Leucemia mieloide cronica C92.1. Immunodeficienza D84.9, non specificata. Sclerosi multipla G35. A60 infezione virale da herpes genitale [herpes simplex]. A63.0 verruche anogenitali (veneree). Encefalite virale A84 trasmessa dalle zecche. Infezioni B00 causate dal virus herpes simplex [herpes simplex]. Epatite cronica K73, non classificata altrove. B00,2 gengivostomatite erpetica e faringotoncilite. Tegole B02 [herpes zoster]. Epatite virale B15-B19. Epatite acuta B16 b. Epatite acuta B17.1 c. Malattia di B20-b24 causata dal virus dell'immunodeficienza umana [hiv]. Malattia da HIV B21.0 con manifestazioni del sarcoma di Kaposi. N71 malattie infiammatorie dell'utero, eccetto la cervice. Infezione virale B34,9, non specificata. Endometriosi N80. Candidosi B37.

Candidosi B37.2 della pelle e delle unghie.

L03AB01 Interferone alfa.

Antivirale (con l'eccezione di HIV).
Gli interferoni.

Controindicazioni interferone alfa

Ipersensibilità. Grave cardiopatia (nella storia medica nella storia). Infarto miocardico acuto Grave disfunzione epatica. Sistema renale o ematopoietico.

Epilessia e / o altre disfunzioni del sistema nervoso centrale; epatite cronica sullo sfondo della cirrosi epatica scompensata; epatite cronica nei pazienti.

Ricevere o poco prima di ricevere un trattamento con immunosoppressori (ad eccezione del pre-trattamento a breve termine con steroidi).

Effetti collaterali dell'interferone alfa

Letargia. Febbre. Brividi. Perdita di appetito Dolori muscolari. Mal di testa. Dolore alle articolazioni. Sudorazione. Nausea. Vomito. Cambiamento di gusto. Bocca secca Perdita di peso La diarrea. Dolore addominale Costipazione. Flatulenza. Aumento della peristalsi. Bruciore di stomaco. Disfunzione epatica Epatite. Vertigini. Disturbi della vista Retinopatia ischemica Depressione. Sonnolenza. perdita di coscienza. Nervosismo. Disturbi del sonno Reazioni allergiche cutanee (rash, prurito).

Fiala di leucociti di Interferone umana secca (liof. D / r-ra per intranaz. Intro.) 1 mille UI, 10 pz

* Questo prodotto non può essere scambiato e restituito in base al Decreto del Governo della Federazione Russa n. 55 del 01.19.1998. I prezzi nelle farmacie "Pharmaia" possono differire dai prezzi indicati sul sito.

Quando si ricevono i farmaci su prescrizione, è necessario presentare una prescrizione da un medico.
** A causa della fine della promozione dal 31 ottobre 2017, uno sconto aggiuntivo sulle carte sconto non si applica agli ordini online.

Ti ricordiamo che il costo di tutti i prodotti della farmacia online include già uno sconto dell'11%!

Interferone leucocitario umano

Polvere liofilizzata secca

1 fiala di polvere liofilizzata secca contiene:

Principio attivo: interferone umano leucocitario 1000 UI.

L'interferone umano leucocitario è una miscela di diversi sottotipi di interferone alfa naturale da leucociti del sangue umano. Ha effetti antivirali, antiproliferativi, immunomodulatori e antitumorali.

Il meccanismo dell'azione antivirale consiste nel creare meccanismi protettivi nelle cellule prive di virus: cambiamenti nelle proprietà delle membrane cellulari che impediscono al virus di entrare nella cellula; iniziando la sintesi di un numero di enzimi specifici che impediscono la replicazione dell'RNA virale e la sintesi delle proteine ​​virali.

L'effetto antiproliferativo è causato da meccanismi diretti che causano cambiamenti nel citoscheletro e nella membrana cellulare, regolando i processi di differenziazione e il metabolismo cellulare, che a loro volta interferiscono con la proliferazione cellulare, in particolare il tumore.

Promuove la modulazione dell'espressione di alcuni oncogeni (myc, sys, ras), che consente di "normalizzare" la trasformazione neoplastica delle cellule e quindi di inibire la crescita del tumore.

L'effetto immunomodulatore è dovuto alla stimolazione dell'attività dei macrofagi e delle cellule natural killer (i macrofagi sono coinvolti nella presentazione dell'antigene alle cellule immunocompetenti e le cellule natural killer sono coinvolte nella risposta immunitaria dell'organismo alle cellule tumorali).

Leucemia a cellule capellute, leucemia mieloide cronica, epatite virale B, epatite C virale attiva, trombocitosi primaria (essenziale) e secondaria, forma transizionale di leucemia granulocitica cronica e mielofibrosi, mieloma multiplo, cancro ai reni; Sarcoma di Kaposi correlato all'AIDS, micosi fungina, reticolosarcoma, sclerosi multipla, prevenzione e trattamento dell'influenza e infezione virale respiratoria acuta.

  • Ipersensibilità, gravi malattie cardiache (inclusa una storia di), infarto miocardico acuto, marcato sistema epatico, renale o ematopoietico grave, epilessia e / o altri disturbi del sistema nervoso centrale;
  • epatite cronica sullo sfondo della cirrosi epatica scompensata;
  • epatite cronica in pazienti che ricevono o poco prima del trattamento con immunosoppressori (ad eccezione del pre-trattamento a breve termine con steroidi).
  • Gravidanza, allattamento (dovrebbe smettere di allattare), età del bambino.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

L'uso di interferone alfa durante la gravidanza è possibile solo nei casi in cui il beneficio previsto per la madre superi il potenziale rischio per il feto. Se necessario, l'uso nelle madri durante l'allattamento dovrebbe decidere la cessazione dell'allattamento al seno.

I pazienti in età riproduttiva durante la terapia devono usare metodi contraccettivi affidabili.

La dose, la frequenza e la durata d'uso sono determinate in base alle indicazioni, alla gravità della malattia, al metodo di somministrazione, alla risposta individuale del paziente.

Sonnolenza, febbre, brividi, perdita di appetito, dolori muscolari, mal di testa, dolori articolari, sudorazione, nausea, vomito, cambiamenti nel gusto, secchezza delle fauci, perdita di peso, diarrea, dolore addominale, stitichezza, flatulenza, aumento della peristalsi, bruciore di stomaco, alterazione della funzionalità epatica, epatite, vertigini, disturbi della vista, retinopatia ischemica, depressione, sonnolenza, disturbi della coscienza, nervosismo, disturbi del sonno, reazioni allergiche cutanee (rash, prurito).

La soluzione di interferone deve essere preparata immediatamente prima dell'uso. Nel processo di trattamento con Interferone leucocitario umano secco, è necessario un monitoraggio sistematico del sangue e del quadro epatico. Se hai sintomi influenzali, prendi il paracetamolo.

Poiché gli interferoni inibiscono il metabolismo ossidativo nel fegato, la biotrasformazione dei farmaci metabolizzati da questa via può essere compromessa.

Con l'uso simultaneo con ACE inibitori, il sinergismo è possibile rispetto all'azione ematotossica; con zidovudina - sinergismo in relazione all'azione mielotossica; con paracetamolo: può aumentare l'attività degli enzimi epatici; con teofillina - riduzione della clearance della teofillina.

Conservare a una temperatura compresa tra 2 e 10 ° C.

Attenzione! La descrizione del farmaco in questa pagina è una versione semplificata e integrata delle istruzioni ufficiali per l'uso. Prima di acquistare o usare il farmaco, consultare il medico e leggere l'annotazione approvata dal produttore.

Le informazioni sul farmaco sono fornite a solo scopo informativo e non devono essere utilizzate come guida all'autoterapia. Solo un medico può decidere la nomina del farmaco, nonché determinare la dose e come usarla.

L'aspetto di merci e imballaggi può differire da quelli raffigurati sul sito.

Interferone secco leucocitario umano

L'interferone umano leucocitario è una miscela contenente diversi sottotipi di Interferone alfa naturale da leucociti del sangue umano. Ha effetti immunomodulanti, antivirali, antitumorali e antiproliferativi.

Rilascia forma e composizione

Disponibile sotto forma di polvere liofilizzata secca in fiale. Una fiala contiene: interferone leucocitario umano 1000 UI. In una confezione di 5 o 10 fiale.

Indicazioni per l'uso

Secondo le istruzioni, l'interferone dei leucociti umani è dimostrato con:

  • Verruche genitali;
  • Epatite B e C;
  • Mieloma multiplo;
  • Sarcoma di Kaposi in pazienti con AIDS (senza una storia di infezioni acute);
  • Linfomi non Hodgkin;
  • Carcinoma renale;
  • Micosi fungina e melanoma maligno.

Inoltre, è utilizzato per la prevenzione e il trattamento di influenza e ARVI.

Controindicazioni

L'interferone del leucocita umano è controindicato in:

  • Disfunzione renale ed epatica;
  • Malattie cardiache gravi;
  • Cirrosi epatica e epatite cronica;
  • Violazione delle funzioni del sistema nervoso centrale (epilessia);
  • Malattie della ghiandola tiroidea con resistenza alla terapia semplice;
  • Ipersensibilità all'interferone alfa.

Metodo di applicazione e dosaggio

La durata dell'uso, la dose e la frequenza di somministrazione sono determinate in base alla gravità della malattia e alla reazione personale del paziente.

In gravidanza, l'uso dell'interferone leucocitario umano è possibile solo se il potenziale effetto positivo sulla madre supera il potenziale rischio per il feto. Se applicato durante l'allattamento, per interrompere l'allattamento al seno.

Nei pazienti anziani, è probabile la comparsa di effetti collaterali dal SNC. Nel caso dell'origine degli effetti collaterali, è necessario un esame approfondito.

Effetti collaterali

  • Dal momento che il sistema cardiovascolare: aritmia, ipotensione arteriosa;
  • Dal lato del sistema nervoso centrale: confusione, sonnolenza;
  • Da parte del tubo digerente: nausea, diarrea, perdita di appetito;
  • Altri: mialgia, brividi, mal di testa, eruzione cutanea, eritema, granulocitopenia.

Istruzioni speciali

L'interferone umano leucocitario deve essere somministrato con cautela ai pazienti che hanno recentemente sofferto un infarto miocardico.

Nelle fasi iniziali del trattamento, i pazienti vengono inviati per effettuare la terapia di idratazione.

usare con cautela allo stesso tempo di sedativi, sonniferi e analgesici oppioidi.

I pazienti con epatite C possono manifestare disfunzione della tiroide, che si manifesta in iper o ipotiroidismo. Il trattamento di tali pazienti deve essere iniziato al livello normale iniziale di TSH nel sangue.

analoghi

Gli analoghi dell'interferone leucocitario umano, secondo la sostanza attiva, sono: Alfaferon, Diaferon, Interlok, Inferone, Leucinferone, Lokferon, Sweferon, Egiferon.

Termini e condizioni di conservazione

Conservare in un luogo asciutto e nero a una temperatura di 2-10 ° C. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Periodo di validità - 2 anni.

Luda / 21 maggio 2016, 23:50

Ciao, ho subito una gastrectomia, una spectlectomia per il cancro 4 anni fa, ho rifiutato di fare chimica (non ne ho bisogno) tranne che per il Bifungin non ho prescritto nulla. Non sono fortunato con un buon dottore (questo è quello che succede), sulla base di questo, cerco di auto-medicare.

(Posso) La domanda è: ho una grande quantità di papillomi nel mio corpo, (c'è la sensazione che questo sia un disastro) il numero sta crescendo. Dare consigli antivirali o immunomoduliruyuschee significa per favore :) non inviare al medico. dagli uffici del persistente disgusto.

Ho 49 anni, ho una figlia piccola e cerco di vivere allegramente) grazie!

Spero medico / 23 maggio 2016, 00:22

Ciao, Luda.
I papillomi non sono una circostanza di disgrazia, ma hai ragione, c'è una connessione, dal momento che il loro aspetto è il risultato di un'immunità indebolita sullo sfondo dell'infezione da HPV. HPV non è trattato.

L'interferone non è dimostrato, non è necessario in piccole dosi, e in dosi massicce dovrebbe essere assunto solo sotto controllo medico, monitorando la reazione, ma solo con una piccola percentuale di cancro.

Non assumere farmaci antivirali o immunomodulatori, nel 99% dei casi questi sono manichini pubblicizzati e l'1% che funziona e viene utilizzato in oncologia viene prodotto all'estero e costa un sacco di soldi.

Se sei arrabbiato con i papillomi, probabilmente sono nell'ufficio del cosmetologo, perché l'organismo nel suo insieme non cambierà nulla, ma lo stato emotivo può migliorare - la signora è sempre più facile quando è bella.