Principale
Sintomi

Atrovent - istruzioni per l'uso, analoghi, revisioni e forme di rilascio (aerosol per inalazione H e soluzione, spray) del farmaco per il trattamento dell'asma bronchiale e della bronchite cronica negli adulti, nei bambini e durante la gravidanza. struttura

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Atrovent. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questa medicina, così come le opinioni degli specialisti nell'uso di Atrovent nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere più attivamente il vostro feedback su un farmaco non ormonale: il farmaco ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicanze ed effetti collaterali sono stati osservati, forse non dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Atrovent con analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento dell'asma bronchiale e della bronchite cronica negli adulti, nei bambini, così come durante la gravidanza e l'allattamento. La composizione del farmaco.

Atrovent - farmaco broncodilatatore. Blocca i recettori m-colinergici della muscolatura liscia dell'albero tracheobronchiale (principalmente a livello dei grandi e medi bronchi) e sopprime la broncocostrizione riflessa. Avendo una somiglianza strutturale con la molecola di acetilcolina, è il suo antagonista competitivo.

Previene il broncospasmo derivante dall'inalazione di fumo di sigaretta, aria fredda, l'azione di vari farmaci ed elimina anche il broncospasmo associato all'influenza del nervo vago.

Con l'inalazione, non ha praticamente alcun effetto di riassorbimento, con solo il 10% che raggiunge i piccoli bronchi e gli alveoli e il resto si deposita nella faringe o nella cavità orale e viene ingerito.

Nei pazienti con broncospasmo associato a BPCO (bronchite cronica ed enfisema polmonare), il farmaco migliora le prestazioni della funzione respiratoria esterna: FEF25 e il flusso medio espiratorio forzato FEF25-75% aumenta del 15% o più 15 minuti dopo la somministrazione del farmaco. L'effetto massimo si ottiene in 1-2 ore e dura fino a 6 ore dopo l'introduzione di ipratropio bromuro nella maggior parte dei pazienti.

Nel 40% dei pazienti con asma bronchiale si riscontra un significativo miglioramento delle prestazioni respiratorie (aumento del FEV1 del 15% o più).

struttura

Ipratropio bromuro monoidrato + eccipienti.

farmacocinetica

L'assorbimento del farmaco è basso. Praticamente non assorbito dal tratto gastrointestinale. È scarsamente solubile nei grassi e penetra scarsamente attraverso le membrane biologiche. Non cumulabile. La parte assorbita (piccola) viene metabolizzata per formare 8 metaboliti inattivi o debolmente attivi con azione anticolinergica. In forma invariata viene espulso attraverso l'intestino. I metaboliti sono escreti nelle urine.

testimonianza

  • malattia polmonare ostruttiva cronica (compresa bronchite cronica ostruttiva, enfisema polmonare);
  • asma bronchiale da lieve a moderata gravità.

Forme di rilascio

Aerosol per inalazione dosato Atrovent N (a volte erroneamente chiamato spray).

Soluzione per inalazione.

Non esistono forme di dosaggio sotto forma di compresse o capsule.

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

Regime di dosaggio impostato individualmente.

Adulti e bambini sopra i 6 anni vengono prescritti 2 dosi per inalazione 4 volte al giorno.

Data la mancanza di informazioni complete, Atrovent N nei bambini dovrebbe essere usato solo come prescritto da un medico e sotto la supervisione di adulti.

La necessità di aumentare la dose può indicare la necessità di rivedere il trattamento principale. La dose giornaliera totale non è superiore a 12 inalazioni.

La soluzione atrovent per inalazione può essere utilizzata per il trattamento di esacerbazioni di malattie polmonari ostruttive croniche.

Condizioni d'uso del farmaco

Prima di utilizzare l'aerosol dosato per la prima volta, toccare due volte la valvola fino a formare una nube di aerosol.

Ogni volta che si utilizza un aerosol dosato, è necessario osservare le seguenti regole:

  1. Rimuovere il cappuccio protettivo.
  2. Fai un respiro lento e profondo.
  3. Tieni la bottiglia, stringi la punta con le labbra. Il cilindro deve essere capovolto.
  4. Effettuare l'inalazione più profonda possibile, allo stesso tempo premere rapidamente la parte inferiore del palloncino fino al rilascio della prima dose di inalazione. Trattenere il respiro per alcuni secondi, quindi rimuovere la punta dalla bocca ed espirare lentamente. Ripeti i passaggi per ottenere la seconda dose di inalazione.
  5. Indossare un cappuccio protettivo.
  6. Se la bomboletta di aerosol non è stata utilizzata per più di 3 giorni, prima di applicarla, premere una volta la valvola finché non appare la nuvola di aerosol.

Il pallone è progettato per 200 inalazioni. Quindi il cilindro dovrebbe essere sostituito. Sebbene alcuni contenuti possano rimanere nella bottiglia, la quantità di farmaco rilasciata durante l'inalazione è ridotta.

Il palloncino è opaco, quindi la quantità di farmaco nel pallone può essere determinata come segue: rimuovendo il cappuccio protettivo, il palloncino viene immerso in un contenitore pieno d'acqua. La quantità del farmaco è determinata in base alla posizione del palloncino nell'acqua.

La punta dovrebbe essere mantenuta pulita, se necessario, può essere sciacquata in acqua calda. Dopo aver usato sapone o detersivo, sciacquare accuratamente la punta con acqua.

La punta in plastica è destinata esclusivamente all'utilizzo con aerosol a dosaggio controllato Atrovent H ed è utilizzata per il dosaggio preciso del farmaco. La punta non deve essere usata con altri aerosol dosati. È anche impossibile usare aerosol a dosaggio controllato Atrovent H con altri suggerimenti.

Si noti che 20 gocce = 1 ml, 1 goccia = 12,5 μg di ipratropio bromuro anidro.

Il regime di dosaggio viene selezionato singolarmente. Durante il trattamento, i pazienti devono essere sotto controllo medico.

Per il trattamento di mantenimento, agli adulti (compresi i pazienti anziani) e ai bambini di età superiore ai 12 anni vengono prescritti 2 ml (40 gocce = 500 μg) 3-4 volte al giorno. La dose massima giornaliera è di 8 ml (2 mg).

Il trattamento dei bambini deve essere effettuato sotto controllo medico.

Ai bambini di età compresa tra 6 e 12 anni viene prescritto 1 ml (20 gocce = 250 μg) 3-4 volte al giorno. La dose giornaliera massima è di 4 ml (1 mg).

I bambini sotto i 6 anni nominano 0,4-1 ml (8-20 gocce = 100-250 mcg) 3-4 volte al giorno. La dose giornaliera massima è di 4 ml (1 mg).

Per il trattamento del broncospasmo acuto, agli adulti (compresi i pazienti anziani) e ai bambini di età superiore ai 12 anni vengono prescritti 2 ml (40 gocce = 500 mcg); appuntamenti ripetuti sono possibili fino a quando le condizioni del paziente sono stabilizzate. L'intervallo tra le iniezioni è fissato individualmente dal medico curante. Forse l'uso simultaneo di agonisti beta2-adrenergici.

Regole di utilizzo del farmaco

La dose raccomandata del farmaco deve essere diluita con soluzione fisiologica per raggiungere un volume di farmaco di 3-4 ml, versare nel nebulizzatore e fare l'inalazione. La preparazione deve essere diluita con soluzione salina ogni volta prima dell'uso. La soluzione rimanente dopo l'inalazione viene versata.

Il dosaggio può dipendere dal metodo di inalazione e dal tipo di nebulizzatore. La durata dell'inalazione può essere controllata dal consumo di volume diluito.

Atrovent può essere applicato utilizzando una varietà di nebulizzatori disponibili in commercio. Quando si utilizza un sistema centralizzato di ossigeno disciolto è meglio applicare a una portata di 6-8 l / min.

Effetti collaterali

  • mal di testa;
  • bocca secca;
  • dismotilità gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea, stitichezza);
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • tachicardia sopraventricolare;
  • fibrillazione atriale;
  • palpitazioni;
  • disturbo della sistemazione;
  • ritenzione urinaria;
  • tosse;
  • irritazione locale;
  • broncospasmo paradossale;
  • dilatazione della pupilla;
  • alloggio paresis;
  • aumento della pressione intraoculare (specialmente nei pazienti con glaucoma ad angolo chiuso);
  • dolore agli occhi;
  • visione offuscata;
  • l'apparenza di alone e macchie colorate davanti agli occhi;
  • eruzione cutanea;
  • orticaria;
  • angioedema;
  • prurito;
  • gonfiore della lingua, delle labbra e del viso;
  • laringospasmo;
  • reazioni anafilattiche.

Controindicazioni

  • 1 trimestre di gravidanza (spray Atrovent N);
  • ipersensibilità all'atropina e ai suoi derivati;
  • Ipersensibilità al bromuro di ipratropio e ad altri componenti del farmaco.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Sicurezza Atrovent durante la gravidanza negli esseri umani non è stata stabilita. Quando si prescrive il farmaco durante una gravidanza possibile o confermata, considerare il rapporto tra i benefici stimati del farmaco e il potenziale rischio per il feto.

Spray Atrovent N è controindicato nel primo trimestre di gravidanza. La nomina del farmaco in 2 e 3 trimestri di gravidanza è possibile solo se il beneficio previsto della terapia per la madre supera il possibile rischio per il feto.

Non sono disponibili dati sulla penetrazione di Atrovent nel latte materno. Tuttavia, dato che molti farmaci vengono escreti nel latte materno, le donne Atrovent devono essere prescritte con cautela durante l'allattamento.

Usare nei bambini

Da nominare con cura a età da bambini fino a 6 anni.

Istruzioni speciali

Non è raccomandato prescrivere un farmaco per il sollievo di emergenza da un attacco di asma bronchiale (poiché l'effetto broncodilatatore si sviluppa successivamente rispetto a quello dei mimetici beta-adrenergici).

Nei pazienti con fibrosi cistica, aumenta il rischio di motilità gastrointestinale.

Non è raccomandato un eccesso significativo delle dosi raccomandate sia nel trattamento del broncospasmo acuto sia nel trattamento di mantenimento. Il paziente deve essere informato che se l'inalazione non è sufficientemente efficace o se la condizione è peggiorata, è necessario consultare un medico per modificare il piano di trattamento.

Atrovent può essere utilizzato per inalazioni combinate simultaneamente con Ambroxol (soluzione per inalazione), Bromhexin (soluzione per inalazione) e Berotek (soluzione per inalazione).

Il farmaco contiene un conservante antibatterico benzalconio cloruro e stabilizzatore disodio edetato, che può causare un restringimento del lume dei bronchi (rischio di sviluppare broncospasmo).

Il farmaco è disponibile su prescrizione medica.

Il paziente deve essere addestrato all'uso appropriato dell'Atrovent.

Non permettere la soluzione negli occhi. I pazienti predisposti allo sviluppo del glaucoma dovrebbero essere particolarmente avvertiti sulla necessità di proteggere gli occhi dall'assunzione del farmaco.

In caso di qualsiasi sintomo di glaucoma ad angolo chiuso (dolore agli occhi, disagio, visione offuscata, comparsa di alone e macchie colorate prima degli occhi, in combinazione con iperemia congiuntivale e corneale), è necessario nominare le gocce che causano la costrizione della pupilla e contattare immediatamente un oculista.

I nebulizzatori con un boccaglio sono raccomandati per l'inalazione. Quando si utilizza un nebulizzatore con una maschera, è necessario utilizzare una maschera della dimensione appropriata.

Interazione farmacologica

Con l'uso simultaneo di derivati ​​beta2-adrenergici e xantinici si potenzia l'effetto broncodilatatore di Atrovent.

Con l'uso simultaneo di Atrovent con farmaci anti-Parkinson, chinidina, antidepressivi triciclici, l'effetto anticolinergico del farmaco è migliorato.

Con l'uso simultaneo di Atrovent con altri farmaci anticolinergici, si nota l'effetto additivo.

Allo stesso tempo, l'uso di Atrovent con beta2-adrenomimetica per inalazione in pazienti con glaucoma ad angolo chiuso aumenta il rischio di sviluppare un attacco acuto di glaucoma.

Atrovent non deve essere somministrato contemporaneamente a una soluzione per inalazione di disodio cromoglicato, data la possibilità di precipitazioni.

Analoghi di Atrovent

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Atrovent N;
  • Ipravent;
  • Ipratropio Steri-Neb;
  • Ipratropio bromuro monoidrato.

Analoghi sull'effetto terapeutico (fondi per il trattamento dell'asma bronchiale):

  • Ferro;
  • Alvesko;
  • aminofillina;
  • Astmopent;
  • Afonilum;
  • Beclason;
  • beclometasone;
  • benacort;
  • Berlikort;
  • Flomax;
  • Berodual H;
  • berotek;
  • Berotek H;
  • betametasone;
  • Bronhalamin;
  • budesonide;
  • Ventolin;
  • idrocortisone;
  • Gistaglobin;
  • glycyram;
  • Dekortin;
  • desametasone;
  • Dzhoset;
  • diprospan;
  • Zaditen;
  • Intal;
  • Ipradol;
  • Ifiral;
  • kromogeksal;
  • Kromogen;
  • Montelar;
  • Oxis Turbuhaler;
  • platifillin;
  • polyoxidonium;
  • Polkortolon;
  • prednisolone;
  • Pulmicort Turbuhaler;
  • Rengalin;
  • salbutamolo;
  • Seretide Multidisk;
  • Symbicort Turbuhaler;
  • solutan;
  • Teotard;
  • triamcinolone;
  • Foradil;
  • Foradil Combi;
  • Fortekortin;
  • Tseleston;
  • Eladon;
  • Erbisol;
  • Erdomed;
  • Erespal;
  • aminofillina;
  • Eufilong.

Atrovent ® N (Atrovent ® N)

Principio attivo:

Il contenuto

Gruppo farmacologico

Classificazione Nosologica (ICD-10)

Immagini 3D

Composizione e forma di rilascio

in flaconi contagocce da 20 ml (1 ml = 20 gocce); nella scatola 1 bottiglia.

in bombolette spray con un boccaglio da 10 ml (200 dosi); nella scatola 1 cilindro.

Azione farmacologica

Ipratropio bromuro è un composto di ammonio quaternario. Ha proprietà anticolinergiche. Inibisce i riflessi del nervo vago, essendo un antagonista competitivo del neurotrasmettitore acetilcolina. Blocca i recettori muscarinici nella muscolatura liscia dell'albero tracheobronchiale e sopprime la broncocostrizione riflessa. L'espansione dei bronchi con l'inalazione è dovuta principalmente all'effetto anticolinergico locale, piuttosto che sistemico del farmaco. Previene efficacemente il restringimento dei bronchi, risultante dall'inalazione di fumo di sigaretta, aria fredda, l'azione di varie sostanze broncospasmo e inibisce anche il broncospasmo associato all'influenza dei nervi vago. Con l'inalazione, non ha quasi alcun effetto di riassorbimento - per lo sviluppo della tachicardia, è necessario inalare circa 500 dosi, mentre solo il 10% raggiunge i piccoli bronchi e alveoli, e il resto si deposita nella faringe o nella cavità orale e viene ingerito.

farmacodinamica

Ha un marcato effetto broncodilatatore e previene lo sviluppo di broncospasmo. Provoca una diminuzione della secrezione delle ghiandole della mucosa dei bronchi.

farmacocinetica

Con la via di somministrazione inalatoria, l'assorbimento è estremamente basso. La concentrazione del farmaco nel plasma sanguigno è al limite inferiore di determinazione e può essere misurata solo con l'uso di alte dosi del principio attivo. È assegnato principalmente attraverso l'intestino, il circa 25% - in forma immutata, il resto - nella forma di metabolites.

Farmacologia Clinica

Nei pazienti con broncospasmo associato a malattia polmonare ostruttiva cronica (bronchite cronica ed enfisema polmonare), un miglioramento significativo della funzionalità polmonare (aumento del volume espiratorio forzato in 1 s - FEV1 e portata media espiratoria forzata 25 -75% aumentato del 15% o più) si osserva dopo 15 minuti, l'effetto massimo si ottiene in 1-2 ore e dura fino a 6 ore nella maggior parte dei pazienti.

Nei pazienti con broncospasmo associato a asma bronchiale, un miglioramento significativo della funzionalità polmonare (aumento del FEV1 15% o più) è osservato nel 40% di pazienti.

Indicazioni farmaco Atrovent ® N

Malattia polmonare ostruttiva cronica (bronchite cronica ostruttiva, enfisema polmonare); asma bronchiale (moderata e mite), in particolare con malattie concomitanti del sistema cardiovascolare.

Controindicazioni

Ipersensibilità all'atropina e ai suoi derivati ​​e altri componenti del farmaco, gravidanza (termine I), bambini sotto i 6 anni (Atrovent H).

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Controindicato nel primo trimestre di gravidanza, la nomina del farmaco è possibile nel II trimestre III della gravidanza e durante l'allattamento solo se l'effetto atteso della terapia supera il potenziale rischio per il feto o il bambino.

Effetti collaterali

Gli effetti indesiderati più frequenti sono mal di testa, nausea, secchezza delle fauci.

A causa del basso assorbimento sistemico del farmaco, gli effetti collaterali associati agli effetti anticolinergici sistemici, quali tachicardia, palpitazioni, disturbi della struttura, diminuzione della secrezione delle ghiandole sudoripare, alterata motilità gastrointestinale, ritenzione urinaria, sono rari e reversibili. Tuttavia, nei pazienti con lesioni ostruttive delle vie urinarie aumenta il rischio di ritenzione urinaria.

Come con altre terapie inalatorie, incl. bronchodilators, qualche volta c'è una tosse, meno spesso - bronchospasm paradossale.

In rari casi possono svilupparsi reazioni allergiche, incl. orticaria, angioedema, rash, edema orofaringeo e anafilassi.

Vi sono segnalazioni separate di complicazioni dal lato dell'occhio (pupilla dilatata, aumento della pressione intraoculare, glaucoma ad angolo chiuso, dolore agli occhi) quando ipratropio bromuro o combinato con beta viene ingerito con aerosol2-agonisti dell'aerosol ipratropio bromuro negli occhi. I pazienti devono essere in grado di usare correttamente l'aerosol dosato.

interazione

Potenzia l'effetto broncodilatatore dei beta-adrenomimetici e dei derivati ​​della xantina. Rafforza l'effetto anticolinergico di altri farmaci.

Dosaggio e somministrazione

Soluzione per inalazione: adulti e bambini sopra i 12 anni - 0,5 mg (40 gocce) 3-4 volte al giorno tramite un nebulizzatore; bambini 6-12 anni - 0,25 mg (20 gocce) 3-4 volte al giorno tramite un nebulizzatore; bambini fino a 6 anni - 0,1-0,25 mg (8-20 gocce) 3-4 volte al giorno (sotto la supervisione di un medico). La dose raccomandata immediatamente prima dell'uso è diluita con soluzione fisiologica a un volume di 3-4 ml. La dose dipende dal metodo di inalazione e dalla qualità dello spray. Se necessario, le inalazioni ripetute vengono effettuate ad intervalli di almeno 2 ore.

Inalazione aerosol somministrato: per adulti e bambini sopra i 6 anni - 2 dosi di aerosol 4 volte al giorno, se necessario, la dose può essere aumentata a 12 inalazioni al giorno.

overdose

Non sono stati identificati sintomi specifici di sovradosaggio. Possono esserci manifestazioni minori di effetti anticolinergici sistemici, come secchezza delle fauci, accomodamento disturbato, aumento della frequenza cardiaca. Trattamento sintomatico

Precauzioni di sicurezza

La soluzione allo 0,025% per inalazione contiene il conservante benzalconio cloruro e lo stabilizzante acido etilendiamminotetraacetico. Ci sono rapporti che queste sostanze, quando somministrate in dosi elevate, possono causare broncospasmo in alcuni pazienti.

Non è raccomandato superare la dose giornaliera stabilita, sia con l'uso a breve che a lungo termine del farmaco.

Il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti con glaucoma ad angolo chiuso e disturbi della minzione dovuti a iperplasia prostatica benigna.

In caso di ingestione accidentale del farmaco negli occhi del paziente con glaucoma ad angolo chiuso, è possibile un aumento della pressione intraoculare.

Dolore oculare o disagio, visione offuscata, comparsa di alone e macchie colorate prima degli occhi, in combinazione con iperemia congiuntivale e corneale, possono essere sintomi di un attacco di glaucoma ad angolo chiuso. Se compare uno di questi sintomi, devono essere prescritte delle gocce che causano la costrizione della pupilla e consultare immediatamente un oftalmologo.

Se le condizioni del paziente peggiorano o non c'è un miglioramento significativo, consultare un medico per determinare un piano per un ulteriore trattamento. In caso di improvviso e rapido aumento della mancanza di respiro (difficoltà a respirare), è necessario consultare immediatamente un medico.

Bambini somministrati aerosol Atrovent N deve essere prescritto solo dopo la raccomandazione di un medico e sotto la supervisione di adulti.

Istruzioni speciali

Non è raccomandato per il sollievo di emergenza di attacco d'asma (l'effetto broncodilatatore si sviluppa più tardi di quello degli stimolanti beta-adrenergici).

I pazienti con fibrosi cistica hanno una maggiore probabilità di rallentare la motilità gastrointestinale.

I pazienti devono essere in grado di utilizzare correttamente aerosol Atrovent H a dose controllata per l'inalazione.

Al primo utilizzo della forma aerosol di dosaggio senza freon, i pazienti possono notare che il gusto del nuovo farmaco è leggermente diverso dalla precedente forma di dosaggio del freon contenente il farmaco. Quando si passa da una forma di farmaco a un'altra, i pazienti devono essere avvertiti di un possibile cambiamento nelle proprietà del gusto del farmaco. Va segnalato che questi farmaci sono intercambiabili e che le proprietà del gusto non sono correlate alla sicurezza e all'efficacia del nuovo farmaco.

fabbricante

Boehringer Ingelheim Pharma GmbH and Co. KG, Germania (aerosol per inalazione misurato).

Beringer Ingelheim Italy SpA, Italia, una divisione di Beringer Ingelheim International GmbH, Germania (soluzione per inalazione).

Condizioni di conservazione del farmaco Atrovent ® N

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

La durata di conservazione del farmaco Atrovent ® H

soluzione per inalazione 0,25 mg / ml - 5 anni.

inalazione aerosol somministrato 20 mg / dose - 3 anni.

Non usare dopo la data di scadenza stampata sulla confezione.

ATROVENT ® N (ATROVENT ® N) istruzioni per l'uso

Titolare del certificato di registrazione:

Prodotto da:

Informazioni di contatto:

Forma di dosaggio

Modulo di rilascio, confezione e composizione Atrovent ® N

Aerosol di inalazione dosato sotto forma di un liquido trasparente incolore, privo di particelle sospese.

Eccipienti: etanolo assoluto - 8,415 mg, acqua purificata - 281 μg, acido citrico - 2 μg, tetrafluoroetano (HFA 134a, propellente) - 47,381 mg.

10 ml (200 dosi) - lattine di acciaio inossidabile con una valvola dosatrice e un boccaglio (1) - imballa il cartone.

Azione farmacologica

Farmaco broncodilatatore, bloccante dei recettori m-colinergici. Blocca i recettori m-colinergici della muscolatura liscia dell'albero tracheobronchiale e sopprime la broncocostrizione riflessa. Avendo una somiglianza strutturale con la molecola di acetilcolina, è il suo antagonista competitivo. Gli anticolinergici prevengono un aumento della concentrazione intracellulare di ioni calcio, che si verifica a seguito dell'interazione dell'acetilcolina con i recettori m-colinergici localizzati nella muscolatura liscia dei bronchi.

Il rilascio di ioni calcio avviene attraverso mediatori secondari (mediatori), che includono inositolo trifosfato (ITP) e diacilglicerolo (DAG). Impedisce efficacemente il restringimento dei bronchi, derivante dall'inalazione del fumo di sigaretta, dell'aria fredda, dalle azioni di vari broncocostrittori ed elimina anche il broncospasmo associato all'influenza del nervo vago.

Con l'inalazione l'uso non ha quasi nessun effetto di riassorbimento. La broncodilatazione, che si verifica dopo l'inalazione di Atrovent ® H, è dovuta principalmente agli effetti locali e specifici del farmaco sui polmoni e non al risultato del suo effetto sistemico. L'ipratropio bromuro non influisce negativamente sulla secrezione di muco nelle vie respiratorie, nella clearance mucociliare e nello scambio di gas.

In studi controllati di 85-90 giorni condotti in pazienti con broncospasmo a causa di BPCO, bronchite cronica ed enfisema polmonare, è stato osservato un miglioramento significativo della funzionalità polmonare per 15 minuti, raggiunto un massimo dopo 1-2 ore e persistito fino a 4-6 ore.

Nei pazienti con asma bronchiale, nel 51% dei pazienti si osserva un miglioramento significativo della funzione della respirazione esterna.

farmacocinetica

L'effetto terapeutico del farmaco Atrovent ® H è una conseguenza della sua azione locale nel tratto respiratorio. Lo sviluppo della broncodilatazione non è parallelo ai parametri farmacocinetici.

Dopo l'inalazione, di solito il 10-30% della dose viene somministrato ai polmoni (a seconda della forma di dosaggio e del metodo di inalazione). La maggior parte della dose viene inghiottita ed entra nel tratto gastrointestinale. Parte della dose del farmaco entrato nei polmoni raggiunge rapidamente il flusso sanguigno sistemico (entro pochi minuti).

La biodisponibilità sistemica complessiva di ipratropio bromuro, per ingestione e inalazione, è rispettivamente del 2% e del 7-28%. Pertanto, l'effetto della parte di tiotropio bromuro ingerito sull'effetto sistemico è insignificante.

Il legame con le proteine ​​plasmatiche è minimo (meno del 20%).

I parametri cinetici che descrivono la distribuzione di ipratropio bromuro sono stati calcolati sulla base della sua concentrazione nel plasma dopo somministrazione i / v. Si osserva una rapida riduzione a due fasi della concentrazione plasmatica. Sembra vd nello stato di equilibrio è di circa 176 litri (circa 2,4 l / kg).

Ipratropio bromuro, che è un composto di ammonio quaternario, non penetra la barriera placentare e il BBB.

Dopo la somministrazione i.v., circa il 60% della dose viene metabolizzato per ossidazione, principalmente nel fegato.

I metaboliti noti formati da idrolisi, disidratazione o separazione di un gruppo idrossimetilico dall'acido tropico ed escreti nelle urine, sono debolmente associati ai recettori muscarinici e sono considerati inattivi.

T1/2 nella fase terminale è di circa 1,6 ore La clearance totale di ipratropio bromuro è di 2,3 ml / min e la clearance renale è di 0,9 l / min. L'escrezione renale totale (entro 6 giorni) della dose marcata con isotopi (compreso il composto progenitore e tutti i metaboliti) è stata del 72,1% dopo somministrazione endovenosa, del 9,3% dopo somministrazione orale e del 3,2% dopo uso inalatorio. La dose totale marcata con isotopi espulsa attraverso l'intestino è stata del 6,3% dopo somministrazione endovenosa, 88,5% dopo somministrazione orale e 69,4% dopo uso inalatorio. Pertanto, l'escrezione della dose marcata con isotopi dopo l'infusione endovenosa viene effettuata principalmente attraverso i reni. T1/2 il composto iniziale e i metaboliti sono 3,6 ore

Indicazioni farmaco Atrovent ® N

  • BPCO (compresa bronchite cronica ostruttiva, enfisema polmonare);
  • asma bronchiale lieve e moderata gravità (specialmente con malattie concomitanti del sistema cardiovascolare).

Regime di dosaggio

Regime di dosaggio impostato individualmente. Durante il trattamento, i pazienti devono essere sotto controllo medico. Non superare la dose giornaliera raccomandata durante la terapia di emergenza e di mantenimento.

Se il trattamento non porta a un miglioramento significativo o peggiora le condizioni del paziente, consultare un medico per modificare il piano di trattamento. In caso di dispnea improvvisa o rapida (difficoltà di respirazione), è necessario consultare immediatamente il medico.

Si raccomandano le seguenti dosi (a meno che non sia prescritto un altro regime posologico).

Adulti e bambini sopra i 6 anni vengono prescritti 2 dosi per inalazione (iniezioni) 4 volte al giorno. perché La necessità di aumentare la dose indica che l'eventuale necessità di ulteriori metodi di trattamento, di regola, non dovrebbe essere utilizzata durante il giorno più di 12 dosi di inalazione.

Per il trattamento delle esacerbazioni improvvise della broncopneumopatia cronica ostruttiva, la soluzione di Atrovent ® può essere indicata per l'inalazione.

Nei bambini, Atrovent ® N deve essere usato solo come prescritto da un medico e sotto la supervisione di adulti (a causa di informazioni insufficienti).

Condizioni d'uso del farmaco

Per una terapia di successo è importante l'uso corretto del farmaco.

Prima di usare l'inalatore per la prima volta, capovolgere l'inalatore, rimuovere il cappuccio protettivo e fare 2 iniezioni nell'aria premendo il fondo della lattina 2 volte.

Ogni volta che si utilizza un aerosol dosato, è necessario osservare le seguenti regole:

1. Rimuovere il cappuccio protettivo.

2. Fai un respiro profondo.

3. Tenere l'inalatore ben stretto attorno al boccaglio con le labbra. La freccia e la parte inferiore della cartuccia devono essere rivolte verso l'alto.

4. Iniziare l'inalazione e premere contemporaneamente con decisione sul fondo del palloncino finché non viene rilasciata una singola dose di inalazione. Continua a respirare lentamente al massimo e trattieni il respiro per alcuni secondi. Quindi rimuovere il boccaglio dalla bocca ed espirare lentamente.

Per ottenere una seconda dose di inalazione, ripetere i passaggi dal punto 2.

5. Dopo aver usato l'inalatore, indossare il cappuccio protettivo.

6. Se l'inalatore aerosol non è stato utilizzato per più di 3 giorni, quindi prima dell'uso, premere una volta la valvola.

Il cilindro non è trasparente, quindi è impossibile determinarlo a occhio nudo quando diventa vuoto. L'inalatore contiene 200 dosi per inalazione. Dopo che tutte le dosi sono state usate, il palloncino potrebbe sembrare contenere ancora una piccola quantità di liquido. Tuttavia, l'inalatore dovrebbe essere sostituito, dal momento che altrimenti, la dose terapeutica richiesta potrebbe non essere ottenuta.

La quantità di farmaco nell'inalatore può essere controllata nei seguenti modi:

  • scuotere il palloncino, mostrerà se vi è rimasto del liquido;
  • Un altro modo è quello di rimuovere il boccaglio di plastica dalla bottiglia e mettere la bottiglia in un contenitore con acqua. Il contenuto del cilindro può essere stimato in base alla sua posizione nell'acqua (Fig. 1).

L'inalatore deve essere pulito almeno una volta alla settimana. È importante mantenere pulito il boccaglio dell'inalatore per prevenire l'ingestione di un farmaco che può bloccare il rilascio dell'aerosol.

Durante la pulizia, rimuovere prima il cappuccio protettivo e rimuovere il palloncino dall'inalatore. Passare un flusso di acqua calda attraverso l'inalatore, assicurarsi che la preparazione e / o lo sporco visibile siano rimossi.

Dopo la pulizia, agitare l'inalatore e lasciarlo asciugare all'aria senza utilizzare dispositivi di riscaldamento. Non appena il boccaglio si asciuga, inserire il palloncino nell'inalatore e indossare il cappuccio protettivo.

Il boccaglio in plastica è progettato specificamente per l'uso dell'aerosol a dosaggio controllato Atrovent ® H ed è utilizzato per il dosaggio preciso del farmaco. Questo bocchino non deve essere usato con altri aerosol dosati. È anche impossibile utilizzare aerosol Atrovent ® H a dosaggio controllato con altri bocchini.

L'aerosol nel pallone è sotto pressione.

La bombola non deve essere aperta o sottoposta a riscaldamento superiore a 50 ° C.

Effetti collaterali

Molti degli effetti indesiderati elencati possono essere una conseguenza delle proprietà anticolinergiche del farmaco. Atrovent ® N. Atrovent ® H, come qualsiasi terapia inalatoria, può causare irritazione locale. Le reazioni avverse al farmaco sono state determinate sulla base dei dati ottenuti negli studi clinici e durante la supervisione farmacologica dell'uso del farmaco dopo la sua registrazione.

Gli effetti indesiderati più frequenti riportati negli studi clinici sono stati mal di testa, irritazione faringea, tosse, secchezza delle fauci, dismotilità gastrointestinale (compresa stitichezza, diarrea e vomito), nausea e vertigini.

Definizione delle categorie di frequenza delle reazioni avverse che possono verificarsi durante il trattamento: molto spesso (≥1 / 10), spesso (da ≥1 / 100 a ® H durante la gravidanza nell'uomo non è installato.

Quando si prescrive un farmaco per una gravidanza possibile o confermata, considerare il rapporto tra i benefici previsti della prescrizione del farmaco alla madre e il possibile rischio per il feto.

L'uso del farmaco Atrovent ® H nel primo trimestre di gravidanza è controindicato. La nomina del farmaco nei II e III trimestri di gravidanza è possibile solo se il beneficio previsto della terapia per la madre supera il possibile rischio per il feto.

Negli studi preclinici, non è stato trovato alcun effetto embriotossico o teratogeno del farmaco dopo l'uso per inalazione a dosi significativamente più elevate delle dosi raccomandate nell'uomo.

Non è noto se l'ipratropio bromuro venga escreto nel latte materno. Tuttavia, è improbabile che il bromuro di ipratropio, specialmente se somministrato per inalazione, possa essere consegnato con latte al corpo del bambino in quantità notevoli. Ma durante l'uso del farmaco, le madri che allattano all'Atrovent ® H devono fare attenzione.

Non sono disponibili dati clinici sull'effetto di ipratropio bromuro sulla fertilità. Durante l'uso di ipratropio bromuro in studi preclinici, non sono stati riscontrati effetti avversi sulla fertilità.

Domanda di violazioni della funzione renale

Usare nei bambini

Istruzioni speciali

Dopo aver usato Atrovent ® H, possono verificarsi reazioni di ipersensibilità di tipo immediato, come indicato da rari casi di rash, orticaria, angioedema, edema orofaringeo, broncospasmo e anafilassi.

Atrovent ® N, come altri farmaci inalati, può causare broncospasmo paradossale, che può essere pericoloso per la vita. In caso di broncospasmo paradossale, Atrovent ® H deve essere interrotto immediatamente e deve essere prescritta una terapia alternativa.

Complicazioni agli occhi

Atrovent ® N deve essere usato con cautela nei pazienti inclini allo sviluppo di glaucoma ad angolo chiuso.

Esistono segnalazioni separate di complicazioni oculari (incluso lo sviluppo di midriasi, un aumento della pressione intraoculare, lo sviluppo di glaucoma ad angolo chiuso, dolore agli occhi) nei casi in cui ipratropio ha inalato il bromuro (usato da solo o in combinazione con un beta agonista2-adrenorecettori) negli occhi.

I sintomi del glaucoma acuto ad angolo chiuso possono essere dolore o fastidio agli occhi, visione offuscata, comparsa di aureole negli oggetti e macchie colorate prima degli occhi, in combinazione con occhi rossi a causa dell'iniezione di vasi congiuntivali ed edema corneale. Se si sviluppa una qualsiasi combinazione di questi sintomi, viene indicato l'uso di colliri, riduzione della pressione intraoculare e una consultazione immediata con uno specialista.

Prestare attenzione per evitare l'ingresso di aerosol negli occhi. Poiché l'aerosol viene rilasciato dalla lattina solo quando viene premuto dal paziente e proviene dal boccaglio nella cavità orale, il rischio che entri negli occhi è piccolo.

Effetto sul tratto urinario

Atrovent ® N deve essere usato con cautela nei pazienti con ostruzione del tratto urinario esistente (ad esempio, iperplasia prostatica o ostruzione del collo vescicale).

Disturbo della motilità GIT

Nei pazienti con fibrosi cistica, è possibile una suscettibilità ai disturbi della motilità gastrointestinale.

Il paziente deve essere informato che se le inalazioni non sono sufficientemente efficaci o se la condizione è peggiorata, consultare un medico per modificare il piano di trattamento. In caso di inizio improvviso e rapida progressione della mancanza di respiro, il paziente deve anche consultare immediatamente un medico.

Va tenuto presente che il farmaco contiene una piccola quantità di etanolo (8,415 mg per dose).

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e meccanismi

Non sono stati condotti studi sull'effetto del farmaco sulla capacità di guidare veicoli e meccanismi.

Bisogna fare attenzione quando si eseguono queste attività, perché possibile sviluppo di vertigini, tremore, disturbi della sistemazione degli occhi, midriasi e visione fuzzy. Quando si verificano le sensazioni indesiderate sopra menzionate, il paziente deve astenersi da azioni potenzialmente pericolose come guidare veicoli e macchinari.

overdose

Sintomi: sono stati identificati sintomi specifici di sovradosaggio. Considerando l'ampiezza dell'azione terapeutica e il metodo locale di utilizzo di Atrovent ® H, è improbabile che si manifestino gravi sintomi anticolinergici. Possono esserci manifestazioni minori di azione anticolinergica sistemica (tra cui secchezza delle fauci, deficit visivo, aumento della frequenza cardiaca).

Trattamento: terapia sintomatica.

Interazione farmacologica

L'inalazione combinata a lungo termine del farmaco Atrovent ® H con altri farmaci anticolinergici non è stata studiata, quindi l'uso combinato a lungo termine non è raccomandato.

Agenti beta-adrenergici e derivati ​​xantina possono potenziare l'effetto broncodilatatore di Atrovent ® N.

L'effetto anticolinergico aumenta con l'uso simultaneo di farmaci antiparkinsoniani, chinidina, antidepressivi triciclici.

Atrovent ® N condizioni di conservazione

Il farmaco deve essere conservato lontano dalla portata dei bambini ad una temperatura non superiore a 25 ° C.

Atrovent N - istruzioni ufficiali per l'uso

Numero di registrazione: П N014363 / 01

Nome commerciale (proprietario): Atrovent ® N

Nome internazionale non proprietario:
Ipratropio bromuro

Forma di dosaggio
Aerosol somministrato per inalazione

ingredienti:
1 dose per inalazione contiene il principio attivo: ipratropio monoidrato bromuro 0,021 mg (21 μg), che corrisponde a ipratropio bromuro anidro 0,020 mg (20 μg).
Eccipienti: etanolo assoluto 8,415 mg, acqua purificata 0,281 mg, acido citrico 0,002 mg, tetrafluoroetano (HFA134a, propellente) 47,381 mg

descrizione
Liquido trasparente incolore, privo di particelle sospese, posto sotto pressione in un solido contenitore di acciaio inossidabile, dotato di una valvola di dosaggio con un'asta di plastica

Gruppo farmacologico: m-holinoblokator

Codice ATH: R03BB01

Proprietà farmacologiche
Agente broncodilatatore Blocca i recettori m-colinergici della muscolatura liscia dell'albero tracheobronchiale e sopprime la broncocostrizione riflessa. Avendo una somiglianza strutturale con la molecola di acetilcolina, è il suo antagonista competitivo. Gli anticolinergici prevengono un aumento della concentrazione intracellulare di ioni calcio, che si verifica a seguito dell'interazione dell'acetilcolina con i recettori muscarinici situati nella muscolatura liscia dei bronchi.

Il rilascio di ioni calcio avviene con l'aiuto di mediatori secondari (mediatori), che includono ITP (inositolo trifosfato) e DAG (diacilglicerolo). Evita efficacemente il restringimento dei bronchi, risultante dall'inalazione di fumo di sigaretta, aria fredda, l'azione di varie sostanze broncospasmo ed elimina anche il broncospasmo associato all'influenza del nervo vago. Con l'inalazione l'uso non ha quasi nessun effetto di riassorbimento. La broncodilatazione, che si verifica dopo l'inalazione di Atroventa® N (ipratropio bromuro), è dovuta principalmente agli effetti locali e specifici del farmaco sui polmoni e non al risultato del suo effetto sistemico.

In studi controllati di 85-90 giorni condotti in pazienti con broncospasmo causato da broncopneumopatia cronica ostruttiva, bronchite cronica ed enfisema polmonare, è stato osservato un significativo miglioramento della funzionalità polmonare per 15 minuti, raggiunto un massimo dopo 1-2 ore e persistito fino a 4-6 ore.

Nei pazienti con asma bronchiale, nel 51% dei pazienti si osserva un miglioramento significativo della funzione della respirazione esterna.

farmacocinetica
L'effetto terapeutico di Atroventa® N è una conseguenza della sua azione locale nel tratto respiratorio. Lo sviluppo della broncodilatazione non è parallelo ai parametri farmacocinetici.

Dopo l'inalazione, il 10-30% della dose somministrata del farmaco viene solitamente somministrata ai polmoni (a seconda della forma di dosaggio e del metodo di inalazione). La maggior parte della dose viene inghiottita ed entra nel tratto gastrointestinale.

Parte della dose che passa nei polmoni raggiunge rapidamente la circolazione sistemica (entro pochi minuti).

L'escrezione renale totale (entro 24 ore) del composto progenitore è circa il 46% della dose somministrata per via endovenosa, meno dell'1% della dose somministrata per via orale e circa il 3-13% della dose di inalazione del farmaco. Sulla base di questi dati, si calcola che la biodisponibilità sistemica totale di ipratropio bromuro, usata per bocca e per inalazione, sia del 2% e del 7-28%, rispettivamente.

I parametri cinetici che descrivono la distribuzione di ipratropio bromuro sono stati calcolati sulla base delle sue concentrazioni plasmatiche dopo somministrazione endovenosa. Si osserva una rapida riduzione a due fasi della concentrazione plasmatica. Il volume apparente di distribuzione durante lo stato di concentrazione di equilibrio (Сss) è di circa 176 litri (

2,4 l / kg). Il farmaco si lega alle proteine ​​plasmatiche al minimo (meno del 20%). Il bromuro di ipratropio, che è un'ammina quaternaria, non penetra nella barriera emato-encefalica. L'emivita durante la fase terminale è di circa 1,6 ore.

La clearance totale di ipratropio bromuro è di 2,3 l / min e la clearance renale è di 0,9 l / min. Dopo somministrazione endovenosa, circa il 60% della dose viene metabolizzato per ossidazione, principalmente nel fegato.

L'escrezione renale totale (entro 6 giorni) della dose marcata con isotopi (compreso il composto progenitore e tutti i metaboliti) è stata del 72,1% dopo somministrazione endovenosa, del 9,3% dopo somministrazione orale e del 3,2% dopo uso inalatorio. La dose totale marcata con isotopi espulsa attraverso l'intestino è stata del 6,3% dopo somministrazione endovenosa, 88,5% dopo somministrazione orale e 69,4% dopo somministrazione per inalazione. Pertanto, l'escrezione della dose marcata con isotopi dopo somministrazione endovenosa viene effettuata principalmente attraverso i reni. L'emivita del composto e dei metaboliti progenitori è di 3,6 ore. I principali metaboliti escreti nell'urina si legano debolmente ai recettori muscarinici e sono considerati inattivi.

testimonianza
Malattia polmonare ostruttiva cronica (bronchite cronica ostruttiva, enfisema polmonare); asma bronchiale (lieve e moderata), in particolare con malattie concomitanti del sistema cardiovascolare.

Controindicazioni
Ipersensibilità all'atropina e ai suoi derivati; Ipersensibilità al bromuro di ipratropio o ad altri componenti del farmaco; gravidanza (termine I).

Gravidanza e periodo di allattamento
La sicurezza del farmaco Atrovent® N durante la gravidanza nell'uomo non è stata stabilita. Quando si prescrive un farmaco durante una gravidanza possibile o confermata, considerare il rapporto tra i benefici previsti della prescrizione del farmaco alla madre e il possibile rischio per il feto. L'uso del farmaco è controindicato nel primo trimestre di gravidanza. La nomina del farmaco nei II e III trimestri di gravidanza è possibile solo se il beneficio previsto per la madre supera il possibile rischio per il feto.

In studi preclinici, non sono stati rilevati effetti embriotossici o teratogeni del farmaco dopo l'uso per inalazione a dosi significativamente superiori alle dosi raccomandate negli esseri umani.

Non è noto se l'ipratropio bromuro venga escreto nel latte materno. Tuttavia, è improbabile che il bromuro di ipratropio, specialmente quando somministrato per inalazione, possa essere consegnato con latte al corpo del bambino in quantità considerevole. Ma durante l'uso del farmaco, le madri che allattano all'Atrovent® N dovrebbero fare attenzione.

Non sono disponibili dati clinici sull'effetto di ipratropio bromuro sulla fertilità. Durante l'uso di ipratropio bromuro in studi preclinici, non sono stati riscontrati effetti avversi sulla fertilità.

Dosaggio e somministrazione
Il dosaggio deve essere fatto individualmente. Durante il trattamento, i pazienti devono essere sotto controllo medico. Non superare la dose giornaliera raccomandata durante la terapia di emergenza e di mantenimento.

Se il trattamento non porta a un miglioramento significativo o peggiora le condizioni del paziente, è necessario consultare un medico per sviluppare un nuovo piano di trattamento. In caso di dispnea improvvisa o rapida (difficoltà di respirazione), è necessario consultare immediatamente il medico.

Si raccomandano le seguenti dosi (a meno che non sia prescritto un altro regime posologico):
Adulti e bambini sopra i 6 anni:

2 dosi per inalazione (iniezione) 4 volte al giorno. Dal momento che la necessità di aumentare la dose indica l'eventuale necessità di ulteriori metodi di trattamento, di norma, non si dovrebbero usare più di 12 dosi inalatorie durante il giorno.

Per il trattamento delle riacutizzazioni improvvise della malattia polmonare ostruttiva cronica, Atrovent® H può essere indicato per l'inalazione.

Nei bambini, l'aerosol a dosaggio N di Atroventa® deve essere usato solo dopo aver consultato un medico e sotto la supervisione di adulti (a causa di informazioni insufficienti).

Uso di aerosol dosato
L'uso corretto è essenziale per una terapia efficace.

  • Prima del primo utilizzo.

Prima di usare l'inalatore per la prima volta, premere il fondo della bottiglia 2 volte.

  • Prima di ogni utilizzo, è necessario osservare le seguenti regole:

1. Rimuovere il cappuccio protettivo.
2. Fai un respiro profondo.
3. Tenere l'inalatore come mostrato in fig. 2 e stringi saldamente il boccaglio con le tue labbra. La freccia e il fondo della bottiglia dovrebbero essere rivolti verso l'alto.

(figura 2)
4. Prendi il respiro più profondo possibile e allo stesso tempo premi bruscamente il fondo del cilindro. Ciò comporterà il rilascio di una singola dose di inalazione. Trattenere il respiro per alcuni secondi, quindi rimuovere il boccaglio dalla bocca ed espirare. Ripetere gli stessi passaggi per ottenere una seconda dose di inalazione.
5. Dopo aver usato l'inalatore, indossare un cappuccio protettivo.
6. Se l'inalatore aerosol a dosaggio controllato non viene utilizzato per tre giorni, quindi prima di utilizzarlo, premere una volta la valvola.

Il cilindro non è trasparente, quindi è impossibile determinarlo a occhio nudo quando diventa vuoto. L'inalatore contiene 200 dosi per inalazione. Dopo che tutte le dosi sono state usate, il palloncino potrebbe sembrare contenere ancora una piccola quantità di liquido. Tuttavia, l'inalatore in tali casi deve essere sostituito, poiché potrebbe contenere una quantità insufficiente di farmaco.

La quantità di farmaco nell'inalatore può essere controllata nel modo seguente:

- Agita la bottiglia, mostrerà se vi è del liquido rimasto in essa.
- Un altro modo. Rimuovere il boccaglio di plastica dalla bottiglia e mettere la bottiglia in un contenitore con acqua. Il contenuto del contenitore può essere stimato in base alla sua posizione nell'acqua (figura 3).

Pulire l'inalatore almeno una volta alla settimana. È importante mantenere pulito il boccaglio dell'inalatore per prevenire l'ingestione di un farmaco che può bloccare il rilascio dell'aerosol.

Durante la pulizia, rimuovere prima il cappuccio protettivo e rimuovere il palloncino dall'inalatore. Passare un getto di acqua calda attraverso l'inalatore, assicurarsi di rimuovere il farmaco e / o lo sporco visibile.

Dopo la pulizia, agitare l'inalatore e lasciarlo asciugare all'aria senza usare riscaldatori. Una volta che il boccaglio si è asciugato, inserire il palloncino nell'inalatore e indossare il cappuccio protettivo.

Avvertenze:
Il bocchino di plastica è stato progettato specificamente per l'uso dell'aerosol a dosaggio controllato Atrovente® N e viene utilizzato per dosare accuratamente questo farmaco. Questo bocchino non deve essere usato con altri aerosol dosati. È anche impossibile utilizzare aerosol Atrovent® H dosato con altri bocchini.
L'aerosol nel pallone è sotto pressione.
La bombola non deve essere aperta o conservata a temperature superiori a 50 ° C

Effetti collaterali
Molti degli effetti indesiderati elencati possono essere dovuti alle proprietà anticolinergiche di Atrovent® N. Atrovent® N, come qualsiasi terapia inalatoria, possono causare irritazione locale. Le reazioni avverse al farmaco sono state determinate sulla base dei dati ottenuti negli studi clinici e durante la supervisione farmacologica dell'uso del farmaco dopo la sua registrazione.

Gli effetti indesiderati più comuni riportati negli studi clinici sono stati mal di testa, irritazione faringea, tosse, secchezza delle fauci e disturbi della motilità del tratto gastrointestinale (inclusi costipazione, diarrea e vomito), nausea e vertigini

Disturbi del sistema immunitario
- ipersensibilità
- reazione anafilattica

Disturbi del sistema nervoso
- mal di testa
- vertigini

Violazioni dell'organo della visione
- visione offuscata
- midriasi
- aumento della pressione intraoculare
- glaucoma
- dolore agli occhi
- l'aspetto di un alone attorno agli oggetti
- iperemia congiuntivale
- edema corneale
- disturbi dell'alloggio

Disturbi cardiaci
- cuore sensibile
- tachicardia sopraventricolare
- fibrillazione atriale
- aumento della frequenza cardiaca

Disturbi dell'apparato respiratorio, del torace e del mediastino
- irritazione faringea
- tosse
- broncospasmo
- broncospasmo paradossale
- laryngism
- edema faringeo
- gola secca

Disturbi del tratto gastrointestinale
- bocca secca
- nausea
- dismotilità del tratto gastrointestinale
- diarrea
- costipazione
- vomito
- stomatite
- gonfiore della bocca

Cambiamenti nella pelle e nei tessuti sottocutanei
- eruzione
- prurito
- angioedema
- orticaria

Patologie renali e del tratto urinario
- ritenzione urinaria

overdose
Sono stati identificati i sintomi di overdose specifico. Considerando l'ampiezza dell'effetto terapeutico e il modo locale di utilizzare Atroventa® N, è improbabile che si manifestino sintomi gravi anticolinergici. Possono esserci manifestazioni minori di effetti anticolinergici sistemici, come secchezza delle fauci, visione offuscata, aumento della frequenza cardiaca. Trattamento sintomatico

Interazioni con altri farmaci
L'inalazione combinata a lungo termine del farmaco Atrovent® N con altri farmaci anticolinergici non è stata studiata. Pertanto, l'uso combinato a lungo termine di Atrovent® H con altri farmaci anticolinergici non è raccomandato.
Agenti beta-adrenergici e derivati ​​della xantina possono potenziare l'effetto broncodilatatore di Atrovent® N.
L'effetto anticolinergico è potenziato da farmaci antiparkinsoniani, chinidina, antidepressivi triciclici.

Istruzioni speciali
ipersensibilità
Dopo l'uso di Atrovent® H, possono verificarsi reazioni di ipersensibilità immediata, come indicato da rari casi di rash, orticaria, angioedema, edema orofaringeo, broncospasmo e anafilassi.

Broncospasmo paradosso
Atrovent® N, come altri farmaci inalati, può causare broncospasmo paradossale, che può essere pericoloso per la vita. In caso di broncospasmo paradossale, l'uso di Atrovent® H deve essere immediatamente interrotto e deve essere prescritta una terapia alternativa.

Complicazioni agli occhi
Atrovent® N in pazienti inclini allo sviluppo di glaucoma acuto deve essere usato con cautela.
Esistono rapporti separati di complicazioni oculari (incluso lo sviluppo di midriasi, un aumento della pressione intraoculare, lo sviluppo di glaucoma acuto, dolore agli occhi) nei casi in cui ipratropio ha inalato il bromuro (usato da solo o in combinazione con un beta-agonista2-adrenorecettori) negli occhi. I sintomi del glaucoma acuto acuto possono essere dolore o fastidio agli occhi, offuscamento della vista, aspetto dell'aureola negli oggetti e macchie colorate prima degli occhi, combinato con occhi rossi a causa dell'iniezione di vasi congiuntivali ed edema corneale. Se si sviluppa una qualsiasi combinazione di questi sintomi, viene indicato l'uso di colliri, riduzione della pressione intraoculare e una consultazione immediata con uno specialista.
I pazienti devono essere istruiti sull'uso corretto del farmaco Atrovent® N.
Prestare attenzione per evitare l'ingresso di aerosol negli occhi. Poiché l'aerosol viene rilasciato dalla lattina solo quando viene premuto dal paziente e proviene dal boccaglio nella cavità orale, il rischio che entri negli occhi è piccolo.

Effetti sulla funzionalità renale e sulla minzione
Atrovent® H deve essere usato con cautela nei pazienti con ostruzione del tratto urinario esistente (ad esempio, iperplasia prostatica o ostruzione del collo vescicale).

Disturbi della motilità gastrointestinale
I pazienti con fibrosi cistica possono essere soggetti a compromissione della motilità del tratto gastrointestinale.
I pazienti devono essere in grado di utilizzare correttamente l'aerosol Atrovent® N per inalazione. Il paziente deve essere informato che se le inalazioni non sono sufficientemente efficaci o se la condizione è peggiorata, consultare un medico per modificare il piano di trattamento. In caso di inizio improvviso e rapida progressione della mancanza di respiro, il paziente deve anche consultare immediatamente un medico.

Influenze su capacità di guidare e usare meccanismi
Gli effetti del farmaco sulla capacità di guidare e utilizzare i meccanismi non sono stati studiati in modo specifico. Tuttavia, i pazienti devono essere informati che durante il trattamento con Atrovent® H possono manifestare sensazioni indesiderabili quali vertigini, disturbi della camera, midriasi e visione offuscata. Pertanto, si raccomanda cautela durante la guida o l'uso di macchinari.

Modulo di rilascio
Aerosol di inalazione dosato a 20 μg / dose.
Su 10 ml (200 dosi) in una canna da acciaio inossidabile con la valvola di dosaggio e un bocchino con una copertura protettiva con un logo della società. Spruzzare con le istruzioni per l'uso in una scatola di cartone.

Condizioni di conservazione
Conservare a temperatura non superiore a 25 ° C, al riparo dalla luce.
Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Periodo di validità
36 mesi.
Non utilizzare il farmaco dopo la data di scadenza stampata sulla confezione.

Condizioni di vendita della farmacia
Da prescrizione

Nome e indirizzo dell'entità giuridica in nome della quale viene rilasciato il certificato di registrazione
Beringer Ingelheim International GmbH, Binger Strasse 173, 55216, Ingelheim am Rhein, Germania

fabbricante
"Beringer Ingelheim Pharma GmbH & Co. KG ", Germania, 55216 Ingelheim am Rhein, Bingerstrasse 173

È possibile ottenere ulteriori informazioni sul farmaco, nonché inviare richieste e informazioni su eventi avversi al seguente indirizzo in Russia
LLC "Beringer Ingelheim"
125171, Mosca, Leningrado Highway 16A, p.3