Principale
Tosse

Rinite allergica secondo ICD 10

La rinite allergica non influisce sull'aspettativa di vita, non modifica i tassi di mortalità, ma è cronica e disturba marcatamente la normale attività umana.

Fattori predisponenti

I seguenti fattori contribuiscono allo sviluppo della rinite acuta:

  • Stanchezza cronica;
  • Sovratensione costante al lavoro;
  • Mancanza di sonno;
  • Ipovitaminosi e caratteristiche costituzionali del corpo;
  • Aria inquinata;
  • Predisposizione ereditaria

prevalenza

L'pollinosi è una malattia molto comune. Il numero di pazienti in Russia varia dal 18% al 38%, negli Stati Uniti il ​​40% dei bambini ne soffre, più spesso i maschi. I bambini sotto i 5 anni raramente si ammalano, l'aumento dell'incidenza si osserva all'età di 7-10 anni, il picco di incidenza è all'età di 18-24 anni.

La prevalenza della pollinosi negli ultimi 10 anni è aumentata di oltre cinque volte.

classificazione

La rinite allergica può essere tutto l'anno - un flusso persistente e stagionale - un flusso intermittente.

  • Rinite per tutto l'anno (persistente). L'attacco acquisisce un corso cronico. Il naso che cola si preoccupa almeno 2 ore al giorno e più di 9 mesi all'anno. Si osserva a contatto con allergeni domestici (lana, saliva, peli e piume di animali domestici, scarafaggi, funghi e piante da appartamento). Questa rinite cronica è caratterizzata da un decorso lieve senza disturbi del sonno e capacità di lavoro.
  • Rinite stagionale Un attacco di rinite si verifica dopo il contatto con l'allergene per diverse ore durante il periodo di fioritura delle piante. La rinite acuta dura meno di 4 giorni a settimana e meno di 1 mese all'anno. Si manifesta in forme più gravi, interrompendo il sonno notturno e le prestazioni umane.
  • Episodica. Appare raramente, solo dopo il contatto con allergeni (saliva di gatto, zecche, urina di ratti). I sintomi di allergia sono pronunciati.
  • Dal 2000, rilasciare un'altra forma - una rinite professionale, che colpisce pasticceri, bestiame, mugnai, farmacisti (farmacisti), dipendenti delle istituzioni mediche e le imprese di lavorazione del legno.

Gradi di gravità

Ci sono decorso lieve, moderato e grave della malattia.

  1. In caso di lieve mal di testa, il sonno non è disturbato, le normali attività professionali e quotidiane sono preservate e non ci sono sintomi dolorosi.
  2. Nella rinite grave e moderata, si osserva almeno uno dei seguenti sintomi:
    • disturbo del sonno;
    • sintomi agonizzanti;
    • violazione dell'attività quotidiana / professionale;
    • una persona non può fare sport.

Con un decorso progressivo della malattia per più di 3 anni, compare l'asma bronchiale.

ICD 10

ICD 10 è una classificazione unica delle malattie per tutti i paesi e continenti, in cui ogni malattia ha ricevuto il proprio codice, costituito da una lettera e un numero.

In accordo con l'ICD 10, la febbre da fieno è una malattia del sistema respiratorio e fa parte di altre malattie del tratto respiratorio superiore. Il codice J30 è assegnato alla rinite vasomotoria, allergica e spasmodica, ma non si applica alla rinite allergica accompagnata da asma (J45.0)

Classificazione ICD 10:

  • J30.0 - rinite vasomotoria (rinite cronica vasomotoria neurovegetativa).
  • J30.1 - rinite allergica causata dal polline delle piante da fiore. Altrimenti chiamato pollinosi o raffreddore da fieno.
  • J30.2 - altra rinite allergica stagionale.
  • J30.3 - altra rinite allergica, per esempio, rinite allergica per tutto l'anno.
  • J30.4 - naso gocciolante allergico di eziologia non specificata.

Clinica e diagnosi

Acuta rinite allergica è mostrata una perturbazione periodica di respirazione normale attraverso il naso, acquoso trasparente liquido, prurito e arrossamento del naso, starnuti ripetuti. Tutti i sintomi sono basati sul contatto con l'allergene, ad es. una persona malata si sente molto meglio in assenza di una sostanza che provoca un attacco di una malattia allergica.

Una caratteristica distintiva della febbre da fieno acuta della rinite (fredda) infettiva comune è quella di mantenere inalterati i sintomi della malattia durante l'intero periodo. In assenza di un allergene, un naso che cola passa da solo senza l'uso di droghe.

La diagnosi è stabilita sulla base dei sintomi della malattia, dell'anamnesi e degli esami di laboratorio. Per confermare la diagnosi, vengono eseguiti test cutanei, contattare la ricerca usando sensori moderni. L'esame del sangue per anticorpi specifici della classe delle immunoglobuline E (IgE) è riconosciuto come il metodo più affidabile.

trattamento

Il punto principale del trattamento è l'eliminazione degli allergeni. Pertanto, nella casa dove c'è un'allergia, non dovrebbero essere animali domestici e oggetti che raccolgono polvere (giocattoli morbidi, tappeti, lenzuola soffici, vecchi libri e mobili). Durante la fioritura un bambino è meglio essere in città, lontano dai campi, parchi e aiuole sulla finestra in questo momento è meglio appendere pannolini bagnati e garze per evitare l'allergene piatta.

Un attacco acuto viene rimosso tramite antistaminici (ALLERGODIL, azelastina), cromoni (cromoglicato, Nekromil), un corticosteroide (fluticasone, Nazarel) sono state usate soluzioni saline successo isotoniche (Kviks, akvamaris), vasocostrittori (oxymetazoline, xylometazoline) e gocce antiallergici (Vibrocil). L'immunoterapia specifica con allergeni si è dimostrata efficace.

Il trattamento tempestivo e correttamente eseguito può arrestare completamente l'attacco acuto esistente, prevenire lo sviluppo di una nuova esacerbazione, complicanze, passaggio a un processo cronico.

prevenzione

Prima di tutto, dovrebbero essere prese misure preventive contro i bambini con ereditarietà oppressi, ad es. in cui le malattie allergiche soffrono i parenti più stretti, i genitori. La probabilità di morbilità nei bambini aumenta fino al 50% se un genitore ha un'allergia e fino all'80% con allergie in entrambi.

  1. Restrizione nella dieta di prodotti di una donna incinta con alta fama di allergie.
  2. Eliminazione del danno nelle donne in gravidanza.
  3. Smettere di fumare
  4. Conservazione dell'allattamento al seno per almeno 6 mesi, introduzione di alimenti complementari non prima dei cinque mesi di età.
  5. Se hai già allergie dovrebbero essere trattati con corsi di antistaminici, evitare il contatto con gli allergeni.

La rinite allergica, acuta o cronica, ha un impatto negativo sulla vita sociale del paziente, a scuola e sul lavoro, riduce le sue prestazioni. L'esame e il trattamento non sono un compito facile. Pertanto, solo uno stretto contatto tra il paziente e il medico, il rispetto di tutte le prescrizioni mediche aiuterà a raggiungere il successo.

Vasomotoria e rinite allergica (J30)

Incluso: rinite spasmodica

Esclusa: rinite allergica con asma (J45.0) rinite BDU (J31.0)

In Russia, la classificazione internazionale delle malattie della decima revisione (ICD-10) è stata adottata come un documento normativo unico per spiegare l'incidenza delle malattie, le cause delle chiamate pubbliche alle istituzioni mediche di tutti i reparti e le cause di morte.

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica dell'assistenza sanitaria in tutto il territorio della Federazione Russa nel 1999 per ordine del Ministero della Sanità della Russia, datato 27 maggio 1997. №170

Il rilascio di una nuova revisione (ICD-11) è pianificato dall'OMS nel 2022.

Rinite allergica in un bambino: sintomi e trattamento

I sintomi della rinite allergica nei bambini possono manifestarsi con gravità variabile. Una terapia adeguata deve essere prescritta da un allergologo. Il punto importante è il rispetto delle raccomandazioni cliniche del medico.

La rinite allergica si riferisce all'infiammazione della mucosa nasale, che si sviluppa a causa del suo contatto con vari allergeni.

La malattia può essere intermittente o persistente. Nel primo caso, dura 4 giorni o meno a settimana, o 4 o meno settimane all'anno, nel secondo i sintomi si sviluppano più spesso o durano più a lungo del periodo specificato.

Tipi di rinite allergica

Esistono due tipi di rinite:

  • Stagionale (febbre da fieno) è la forma più comune che si verifica sullo sfondo di un aumento stagionale del contenuto di allergeni nell'ambiente. Di regola, è annotato in bambini più di 6 anni;
  • tutto l'anno - le cause del suo sviluppo sono gli allergeni che sono costantemente nell'ambiente. Spesso diagnosticato nei bambini piccoli.

Le basi della patologia sono reazioni allergiche di tipo immediato che si verificano al contatto con un allergene. Forti odori, aria fredda e altri fattori possono portare allo sviluppo di esacerbazioni.

Rinite allergica nei bambini: codice ICD-10

La 10a revisione della classificazione internazionale delle malattie (ICD-10) è stata sviluppata dall'Organizzazione mondiale della sanità per la codifica delle diagnosi mediche.

Molto spesso la febbre da fieno si sviluppa a causa del polline degli alberi e delle erbe della famiglia fiorita, delle piante foschia o delle erbe. Può anche essere causato da spore di funghi.

Conformemente ICD-10, rinite allergica appartiene alla classe di X - malattie respiratorie, categoria - altre malattie dei codici del tratto respiratorio superiore e tumori da J30 a J30.4, e cioè:

  • rinite vasomotoria e allergica - J30;
  • rinite allergica causata da polline delle piante (febbre da fieno, pollinosi) - J30.1;
  • altra rinite allergica stagionale - J30.2;
  • altra rinite allergica - J30.3;
  • rinite allergica, non specificata - J30.4.

Cause di rinite allergica nei bambini

L'aspetto della malattia in un bambino può essere dovuto a una predisposizione ereditaria a malattie allergiche. La storia familiare spesso include asma bronchiale, orticaria allergica, dermatite atopica diffusa e altre patologie atopiche diagnosticate in uno o più membri della famiglia.

Molto spesso la febbre da fieno si sviluppa a causa del polline degli alberi e delle erbe della famiglia fiorita, delle piante foschia o delle erbe. Può anche essere causato da spore di funghi. La comparsa di lanugine di pioppo coincide con la fioritura delle piante, il cui polline provoca la rinite. Pooh raccoglie attivamente il polline su se stesso e lo diffonde in luoghi in cui non avrebbe volato.

Stagionalità dello sviluppo annuale di manifestazioni cliniche della rinite allergica dopo che il flusso asintomatica o cancellati dipende dalle caratteristiche climatiche della regione in cui il bambino vive, e praticamente non cambia di anno in anno.

La forma per tutto l'anno si verifica nei bambini che sono in contatto frequente con gli allergeni a casa o nel loro ambiente. Questi includono: lana e particelle dell'epidermide di animali domestici, vari composti chimici, muffe, polvere domestica contenente acari. I sintomi si verificano durante tutto l'anno e possono peggiorare a prescindere dalla stagione.

I sintomi della rinite allergica in un bambino

Le manifestazioni caratteristiche della malattia includono:

  • attacchi prolungati di starnuti, che compaiono al mattino quando sono in contatto con un allergene;
  • congestione nasale costante;
  • scarico acquoso dalla cavità nasale;
  • lacrimazione e disagio negli occhi;
  • prurito persistente nel naso, nella gola, negli occhi e / o nelle orecchie;
  • diminuzione dell'olfatto e perdita delle sensazioni gustative (con un decorso cronico della malattia).

La mucosa del naso con rinite allergica diventa pallida e sciolta. In alcuni casi, c'è un arrossamento della congiuntiva, iperemia lieve o moderata.

L'occlusione dei seni paranasali nella forma per tutto l'anno della malattia porta a gonfiore della mucosa nasale, che è accompagnata dall'aggiunta di un'infezione secondaria. Il lungo corso di patologia porta spesso alla formazione di polipi nella cavità nasale, allo sviluppo di otite media e sinusite. I polipi bloccano ulteriormente i fori nei seni paranasali, rendendo difficile la respirazione e ponderando i sintomi della sinusite concomitante.

Sullo sfondo della malattia, i bambini possono sperimentare insonnia, irritabilità, diminuzione della concentrazione e altri disturbi neurologici. Sono possibili anche recidive di infezioni dell'orecchio, sviluppo di sanguinamento nel naso e nelle orecchie a causa di prurito regolare, congiuntivite, desquamazione della pelle nella regione paranasale, formazione di occhiaie e pieghe sotto gli occhi.

La congestione nasale costante porta al fatto che il bambino respira principalmente attraverso la bocca. Per questo motivo, le funzioni della cavità nasale - pulizia e riscaldamento dell'aria, non vengono eseguite, e un flusso di aria sporca entra nel corpo. In assenza di trattamento tempestivo, il naso che cola persistente può portare all'asma.

Trattamento della rinite allergica nei bambini

Dopo aver confermato la diagnosi, l'allergologo determina cosa e come trattare la rinite allergica, tenendo conto della storia clinica, dell'età e della salute generale del bambino. Di fondamentale importanza sono le misure preventive volte a ridurre il contatto del paziente con i patogeni allergici. Al fine di determinare quale tipo di allergene provoca l'infiammazione, è necessario condurre test allergologici.

Il più difficile da evitare il contatto con le fonti naturali della malattia. Durante il periodo di fioritura delle piante è importante limitare il bambino dal loro impatto diretto: evitare di camminare nei giorni ventosi, dopo un temporale, in luoghi dove c'è erba appena tagliata, usare occhiali da sole e finestre chiuse quando si viaggia in auto. Il dott. Komarovsky raccomanda la pulizia giornaliera umida in casa dove c'è un'allergia.

La mucosa del naso con rinite allergica diventa pallida e sciolta. In alcuni casi, c'è un arrossamento della congiuntiva, iperemia lieve o moderata.

Insieme alle misure preventive, la più efficace sia per bloccare la reazione allergica e ridurre l'infiammazione, sia per migliorare la qualità della vita del bambino, è la terapia farmacologica. L'automedicazione o l'uso di rimedi popolari senza previa consultazione con uno specialista può portare al deterioramento.

antistaminici

Molto spesso, i pazienti con rinite allergica sono prescritti antistaminici. La loro azione consiste in un blocco competitivo dei recettori dell'istamina nel corpo, grazie al quale gli effetti mediati da questi sono inibiti. L'istamina è un neurotrasmettitore che colpisce il tratto respiratorio - causa broncospasmo e gonfiore della mucosa nasale. Le reazioni allergiche aumentano il suo effetto, pertanto gli antistaminici del gruppo H vengono utilizzati per eliminarli.1-bloccanti. Tra questi ci sono Fexofenadine, Loratadine, Cetirizine, Hydroxysin e Dimedrol.

Prendendo antistaminici allevia il prurito, elimina naso che cola, tosse e starnuti. Secondo le recensioni, l'effetto collaterale più frequente di questi farmaci è la sonnolenza, che richiede la correzione del regime di dosaggio. Gli antistaminici dei bambini piccoli sono prescritti sotto forma di sciroppo, pillole più vecchie. È possibile utilizzare i fondi sotto forma di spray nasali e collirio.

Glucocorticosteroidi per uso topico

Oltre agli antistaminici locali, gli steroidi sotto forma di spray o gocce sono prescritti ai bambini con febbre da fieno per controllare il processo infiammatorio nella cavità nasale e alleviare i sintomi oculari. Il loro effetto terapeutico appare dopo pochi giorni, quindi l'inizio dell'uso di tali farmaci dovrebbe essere un po 'di tempo prima della fioritura.

A volte quando si spruzza significa marcato sangue dal naso. Il suo sviluppo non è legato al metodo di applicazione dello spray, ma è il risultato del processo infiammatorio. Solo in caso di sanguinamento intenso o prolungato è necessario consultare un medico per la selezione di un'altra forma di dosaggio di glucocorticosteroidi.

Per la rinite allergica lieve, Montelukast può essere il farmaco di scelta. Aiuta a migliorare la qualità della vita nei bambini con segni di rinocongiuntivite.

Quando compaiono complicanze dagli occhi sullo sfondo della rinite allergica, l'uso di colliri è più efficace. Come gli spray nasali, è meglio iniziare a usarli qualche tempo prima della fioritura. La composizione di molte goccioline include il cromoglicato, la cui azione consiste nel bloccare le cellule che rilasciano l'istamina.

Gocce usate congiuntivali - instillate nel sacco congiuntivale inferiore dell'occhio. È meglio per i bambini più piccoli eseguire la procedura in posizione prona, tenendo la testa, la più vecchia - in posizione seduta con la testa rovesciata all'indietro.

I glucocorticosteroidi locali prescritti per i bambini includono:

  • Fliksonaze ​​- spray nasale dosato, applicato da 4 anni;
  • Sofradex è un glucocorticosteroide in combinazione con un antibiotico sotto forma di collirio. Usato nei bambini più grandi;
  • Nasonex - spray nasale dosato, assegnato ai bambini dai 2 anni di età.

anti-leucotrieni

Spesso, la rinite allergica è una concomitante malattia da asma bronchiale e, se isolata, aumenta il rischio di sviluppo. Gli anti-leucotrieni sono usati per controllare le manifestazioni di asma, aiutano a restringere i polmoni e ridurre la probabilità di accumulo di liquidi in essi. Gli studi clinici di tali farmaci hanno dimostrato la loro efficacia in monoterapia di febbre da fieno, paragonabile a quella dell'uso di antistaminici di nuova generazione.

Per la rinite allergica lieve, Montelukast può essere il farmaco di scelta. Aiuta a migliorare la qualità della vita nei bambini con segni di rinocongiuntivite. Il suo uso è anche giustificato in caso di asma bronchiale, accompagnato da rinite allergica.

Il farmaco è disponibile in due forme: compresse rivestite con film e compresse masticabili. Montelukast può essere usato nei bambini a partire dai 6 anni di età, seguendo le raccomandazioni cliniche del medico.

immunoterapia

Per migliorare l'effetto dei farmaci prescritti per il trattamento della rinite allergica e rafforzare il corpo del bambino durante l'insorgenza dei sintomi della malattia, viene utilizzata l'immunoterapia. La sua azione è volta a modificare l'immunità in modo che non reagisca agli allergeni come una minaccia. Il metodo più comune è le iniezioni sottocutanee con un allergene. Permettono di ridurre gradualmente la sensibilità del corpo ai loro effetti e, nel tempo, ridurre l'insorgenza dei sintomi della malattia.

L'immunoterapia è efficace per le allergie a muffe, peli di animali, acari della polvere e scarafaggi, polline degli alberi, erba, ambrosia. Questo tipo di trattamento viene effettuato sotto la supervisione di un medico e solo negli adolescenti.

video

Offriamo per la visualizzazione di un video sull'argomento dell'articolo.

Codice della rinite allergica su ICD 10

La classificazione internazionale delle malattie è un documento medico fondamentale in cui tutte le malattie note all'umanità sono elencate e classificate, dalle infezioni più pericolose alle sindromi rare. Anche le reazioni allergiche e i loro vari tipi sono divisi in un gruppo separato composto da diverse categorie e molti sotto-articoli. Allo stesso tempo, la rinite allergica secondo l'ICD 10 ha il suo numero specifico e il suo nome speciale, che caratterizza più accuratamente l'intera specificità di questa malattia e dei suoi sintomi.

Fattori predisponenti

L'allergia è una malattia specifica derivante dalla risposta immunitaria dell'organismo a determinati fattori e stimoli. A differenza della maggior parte delle malattie causate dalla crescita della microflora batterica o agenti virali, le reazioni allergiche sono di natura esclusivamente interna. Il catalizzatore del loro sviluppo può servire una varietà di sostanze, fattori e la loro combinazione. Tali stimoli hanno un nome specifico e sono chiamati allergeni. Nel loro stato naturale, sostanze analoghe sono assolutamente innocue e non causano alcun danno agli esseri umani. Solo una combinazione di determinate circostanze e la sensibilità individuale dell'organismo a determinati componenti portano all'attivazione di processi protettivi. Il sistema immunitario percepisce tale invasione come un pericolo, iniziando la produzione di anticorpi, che portano allo sviluppo di processi infiammatori di varie proprietà.

La penetrazione di sostanze estranee nel corpo è la principale causa della formazione di rinite allergica, che ha un nome diverso - pollinosi. Tuttavia, non sempre conduce allo sviluppo del processo infiammatorio e alla manifestazione di sintomi negativi. Solo un'inibizione sistematica delle proprietà protettive dell'organismo porta a un'esacerbazione della situazione e alla formazione dell'intera varietà di segni negativi. L'elenco dei principali fattori è il seguente:

  • stress sistematico;
  • stanchezza;
  • predisposizione genetica;
  • la presenza di cattive abitudini;
  • malattie infettive e batteriche;
  • uso prolungato di droghe;
  • caratteristiche ambientali.

Tutti questi fattori portano a uno squilibrio del sistema immunitario, compromettendone la funzionalità e causando interruzioni nel lavoro. È la riduzione delle proprietà protettive in combinazione con l'impatto del catalizzatore che provoca la formazione di reazioni allergiche.

Classificazione della rinite mediante ICD 10

Secondo la classificazione internazionale delle malattie 10 revisione (ICD 10), le reazioni allergiche hanno una chiara gradazione e sono suddivise in diverse categorie. Tutti appartengono alla sezione delle malattie dell'apparato respiratorio e sono inclusi nelle malattie della testa del tratto respiratorio superiore. In questo caso, la rinite, risultante dalla esacerbazione delle manifestazioni asmatiche, appartiene a una categoria di malattie fondamentalmente diversa e ha il codice J45.0. A sua volta, la rinite allergica ICD 10 ha la seguente classificazione:

  • vasomotore (J30.0);
  • allergico, innescato dal polline di fiori e piante (J30.1);
  • altra rinite allergica stagionale (J30.2);
  • altra rinite allergica (J30.3);
  • allergico, non specificato (J30.4).

Una tale classificazione della rinite di ICD 10 copre completamente tutte le possibili manifestazioni di allergia e caratterizza le principali cause della sua formazione. Allo stesso tempo, le manifestazioni negative che si verificano con ogni tipo di rinite non hanno caratteristiche specifiche e manifestazioni specifiche. Pertanto, nella preparazione di questo documento medico i sintomi non sono stati presi in considerazione.

Tipi di rinite allergica

La classificazione internazionale delle malattie copre solo le principali cause dello sviluppo della pollinosi. Ma lei assolutamente non tiene conto di altri criteri come la durata o l'intensità delle manifestazioni. Sulla base di questo, oltre all'ICD 10, esiste un'altra gradazione di rinite allergica, che copre i parametri mancanti. A seconda del periodo di flusso, la rinite può essere:

  1. Per tutto l'anno o ipertrofico. L'esacerbazione delle manifestazioni dura non più di 1-2 ore al giorno. Tuttavia, questo stato si ricorda da solo più di 9 mesi all'anno, senza che ciò comporti una sensibile riduzione dell'efficienza. Più spesso, i catalizzatori dello sviluppo sono allergeni domestici.
  2. Stagionale. L'aggravamento si verifica nel periodo di crescente concentrazione nell'aria di polline floreale e vegetale. La durata delle manifestazioni dipende interamente dalla concentrazione dell'allergene. Di norma, nella fase acuta, il naso che cola non supera i 3-4 giorni. Tuttavia, l'intero periodo di esacerbazione è caratterizzato da un aumento dei sintomi negativi, che possono influenzare l'attività vitale di una persona.
  3. Intermittente o episodico. Le manifestazioni avvengono solo attraverso il contatto diretto con l'allergene. Sono pronunciati, influenzando la vita umana.
  4. Professional. Il suo verificarsi è dovuto a un contatto sistematico con le stesse sostanze irritanti (polvere, farina, reagenti chimici o farmaceutici). Nel tempo, il sistema immunitario inizia a percepire queste sostanze come una minaccia per il corpo, che porta alla formazione di reazioni allergiche. La sintomatologia non è particolarmente pronunciata e si allontana da sola in assenza di contatto con una sostanza irritante.

Questa classificazione descrive perfettamente la malattia per la sua durata. Tuttavia, praticamente non influisce sull'intensità delle manifestazioni, il che rende impossibile ottenere un quadro completo del decorso della rinite e neutralizzarlo efficacemente.

Gradi di gravità

Per ottenere una valutazione completa dell'allergia, esiste un'altra scala aggiuntiva che caratterizza la malattia in termini di intensità delle manifestazioni. Secondo lei, ci sono le seguenti categorie di valutazione della pollinosi:

  1. Facile. Non ha sintomi chiaramente espressi e si manifesta sotto forma di un leggero disagio. Le manifestazioni della malattia sono palpabili, ma non hanno assolutamente alcun effetto sull'abilità lavorativa di una persona e sulla sua attività di vita in generale.
  2. Media. I segni di rinite diventano più pronunciati. Il gonfiore evidente delle palpebre, il gonfiore e il rossore si aggiungono alla testa fredda. I sintomi sono più aggressivi e influenzano la qualità della vita umana.
  3. Pesante. La rinite acuta è caratterizzata dalla pienezza dei sintomi, che vanno dalla congestione nasale e termina con il gonfiore completo dei tessuti facciali. Inoltre, hanno tutti un carattere brillante. La loro combinazione porta all'incapacità di eseguire azioni semplici e persino di rilassarsi completamente.

Le suddette categorie di valutazione della rinite allergica - la più completa e forniscono l'opportunità di ottenere una panoramica del suo corso. Ciò consente non solo di descrivere completamente la malattia, ma anche di selezionare una terapia efficace, che consente di neutralizzare le sue manifestazioni e riportare la persona a una vita piena.

Clinica e diagnosi

Il quadro clinico del decorso della pollinosi può variare a seconda dell'individualità di ciascun corpo umano separatamente. I sintomi principali della rinite vasomotoria sono le seguenti manifestazioni:

  • congestione nasale;
  • Rinorrea (secrezione di grandi quantità di secrezioni nasali acquose);
  • starnuti parossistici;
  • cambio di voce;
  • deterioramento delle qualità olfattive;
  • sensazione di prurito al naso;
  • aumento del gonfiore del viso;
  • iperemia della pelle;
  • malessere generale;
  • arrossamento degli occhi;
  • disturbo del sonno;
  • mal di testa;
  • deficit uditivo.

L'elenco sopra è lontano dal completo. Perché le catene di reazioni individuali di persone diverse possono essere completamente diverse. Per alcuni, il principale sintomo di allergia è il naso che cola e starnutisce, mentre in altri l'insorgenza della malattia è caratterizzata da arrossamento della pelle e gonfiore del viso.

Attenzione! La caratteristica principale della pollinosi è la natura cumulativa delle manifestazioni. L'inizio e l'ulteriore decorso della malattia sono espressi nella formazione di un sintomo non specifico, ma di un intero spettro di vari sintomi. In questo modo è possibile diagnosticare in tempo e prendere le misure appropriate.

La diagnosi di pollinosi comprende diverse direzioni e si basa sulle caratteristiche delle principali manifestazioni, nonché sulla loro diversità e intensità. In questo caso, la classificazione della rinite allergica nei bambini e negli adulti viene effettuata sulla base di metodi identici. Ciò rende possibile parlare dell'assenza di limiti di età per la diagnosi di questo problema. I modi più efficaci per determinare la forma e il tipo di allergia specifici sono:

  • esame fisico;
  • test di laboratorio;
  • diagnostica strumentale;
  • studio differenziale.

L'indagine si basa sulle caratteristiche dei sintomi esistenti, sulla determinazione della sua intensità e sull'esame iniziale del paziente. Questo tipo di diagnosi è decisivo perché consente di ottenere un quadro iniziale del decorso della malattia e imposta il vettore per un successivo esame.

Gli studi di laboratorio sono la fase successiva della diagnosi, perché offrono l'opportunità di formare un quadro più completo della malattia. Il principale metodo di ricerca di laboratorio è la raccolta di materiale biologico (sangue o espettorato), la sua ricerca e analisi.

La diagnostica strumentale include diverse tecniche e viene utilizzata nel caso in cui i primi due metodi non abbiano indicato le cause esatte dei sintomi che sono comparsi. Consiste nell'eseguire la rinoscopia, la radiografia e l'esame endoscopico della cavità nasale.

Lo studio differenziale è la fase finale della ricerca e viene condotto in casi particolari relativi a malattie croniche di diversa natura. Anomalie anatomiche della cavità nasale, malattie infettive o lesioni batteriche delle mucose possono svolgere il loro ruolo.

Trattamento e sue caratteristiche

Il compito principale del trattamento della rinite vasomotoria e di tutte le sue forme è di ripristinare il pieno controllo delle manifestazioni esistenti della malattia. Di norma, tutta la terapia viene eseguita su base ambulatoriale e non richiede il ricovero in ospedale. Solo nel caso più estremo, associato a un decorso acuto della malattia, il medico curante può decidere il posizionamento del paziente in ospedale. In generale, il trattamento della pollinosi si basa sull'applicazione di metodi complessi di esposizione, progettati non solo per ridurre l'intensità delle manifestazioni, ma anche per riportare la persona a una vita normale. Sembrano così:

  • limitare gli effetti di un allergene sul corpo;
  • esposizione ai farmaci;
  • immunoterapia.

Per il trattamento completo della rinite ipertrofica e di tutte le sue varietà, è necessario eliminare il catalizzatore responsabile dell'esacerbazione dei sintomi allergici. La presenza di una fonte di irritazione riduce significativamente l'efficacia di qualsiasi trattamento, rendendolo più difficile e dispendioso in termini di tempo. Solo dopo la sua neutralizzazione possiamo parlare dell'uso di altre tecniche terapeutiche e ottenere da esse un risultato positivo.

L'eliminazione dei sintomi della pollinosi con l'aiuto di farmaci è una fase importante del trattamento che, insieme all'eliminazione dei catalizzatori, può portare al completo recupero della persona.

Attenzione! L'elenco dei farmaci utilizzati per neutralizzare le reazioni allergiche è piuttosto esteso. In questo caso, prescrivere mezzi specifici e il loro dosaggio può essere solo un medico. La base per il loro uso è un esame completo del paziente e dei risultati dei test da lui presi. Senza una diagnosi completa dell'appuntamento di alcun farmaco, oltre a determinare la direzione generale della terapia, non ci sono dubbi.

I mezzi più popolari per eliminare gli effetti delle allergie sono antistaminici (Astemizol, Clemastine, Loratadine, Cetirizine), anti-congestionanti (cloruro di sodio, napazolina, acqua di mare), glucocorticosteroidi (Betamethasone, Prednisolone, Fluticasone).

prevenzione

La rinite cronica richiede non solo un trattamento tempestivo, ma anche un ulteriore controllo da parte della persona stessa. Al fine di prevenire il ripetersi della malattia, viene utilizzato un intero insieme di metodi e procedure. Sono scelti di nuovo sulla base della sensibilità individuale di una persona a uno o un altro tipo di irritante. Tuttavia, in generale, il loro uso ha un determinato vettore ed è progettato per proteggere una persona dagli effetti degli allergeni. Agenti profilattici comuni includono:

  • eliminazione dell'impatto sul corpo di sostanze irritanti non specifiche, come fumo di tabacco, gas di scarico, ecc.;
  • aderenza ad una dieta speciale che esclude qualsiasi tipo di allergeni alimentari;
  • esame allergologico sistematico;
  • attività mediche e diagnostiche annuali;
  • completa eliminazione del contatto diretto e indiretto con sostanze irritanti significative.

Tutte queste tecniche, insieme al trattamento professionale, rendono possibile non solo neutralizzare completamente le manifestazioni di pollinosi, ma anche prevenirne il ri-sviluppo. Ecco perché la prevenzione svolge un ruolo così importante nella struttura generale del trattamento di tali malattie ed è la chiave per una vita umana a tutti gli effetti.

conclusione

Il codice 10 della rhinite allergica ICD è un problema abbastanza serio che può fornire molti problemi e complicare significativamente la vita umana. Per ottenere una panoramica del decorso della malattia, vengono utilizzati diversi tipi di classificazione, che caratterizzano la gravità, la durata e l'impatto di specifici tipi di stimoli. La soppressione dei sintomi e il pieno recupero di una persona sono possibili solo quando si esegue una diagnosi completa, seguita dalla selezione di trattamenti ristretti.

Rinite allergica secondo ICD 10

La rinite allergica è un processo infiammatorio della mucosa nasale. È accompagnato da un flusso abbondante di masse mucose dai passaggi nasali, starnuti, gonfiore e una sensazione di congestione nasale.

Nonostante la presenza di sintomi spiacevoli che portano un disagio tangibile e interferiscano con la qualità della vita, molti pazienti non considerano questa malattia una malattia, quindi non vanno dal dottore in fretta, ma principalmente fanno auto-guarigione: guardando le pubblicità televisive, comprando gocce "magiche" e incontrollabili prendere. Amici! Questo è fondamentalmente sbagliato!

La pollinosi è una malattia indipendente, confermata dalla classificazione internazionale delle malattie (ICD 10). Nel nostro paese, la percentuale di persone inclini alla rinite allergica raggiunge quasi il quaranta percento.

Rinite allergica secondo ICD 10

ICD è una lista di tutte le malattie conosciute. Ad ogni diagnosi viene assegnato un codice alfanumerico univoco. Per un uomo semplice per strada, questi codici non hanno alcun significato.

Tuttavia, questa classificazione è utilizzata nell'assistenza sanitaria di tutti i paesi del mondo e chiaramente struttura assolutamente tutte le diagnosi che esistono oggi. È revisionato e aggiornato ogni dieci anni. A giudicare dal numero 10 nel titolo, non è difficile indovinare che l'ICD è già stato esaminato dieci volte.

La rinite allergica appartiene alla categoria "Altre malattie del tratto respiratorio superiore". Il valore del codice per ICD 10 di questa malattia è J30.

A sua volta, la pollinosi è divisa in varietà più strette della malattia, ognuna delle quali ha il suo codice. Di seguito è riportato un estratto da questo documento - opposto a ciascuna diagnosi - il suo codice ICD 10:

  • J30.0 - rinite vasomotoria;
  • J30.1 - rinite allergica, scatenata dal polline delle piante da fiore;
  • J30.2 - altra rinite allergica stagionale;
  • J30.3 - altra rinite allergica;
  • J30.4 - pollinosi, origine inspiegabile (cioè, dopo tutti i risultati dello studio, la causa della malattia non è stata trovata).

Tipi di malattia

La pollinosi ha diverse varietà, che differiscono nei diversi periodi di flusso. Assegni pollinosi per tutto l'anno, stagionale, episodica e professionale.

La rinite durante tutto l'anno è considerata cronica. Si preoccupa per il paziente non più di un paio d'ore al giorno, ma questa condizione dura per circa nove mesi all'anno. Di regola, gli allergeni domestici lo causano. Disagio tangibile e prestazioni ridotte che non porta.

Il naso che cola stagionale appare durante il periodo di fioritura attiva delle piante, dura da diversi giorni, ma i sintomi che appaiono portano sensazioni spiacevoli al paziente e interferiscono con l'attività a tutti gli effetti.

Episodico si manifesta solo a contatto con un allergene, ad esempio, con la pelliccia o la saliva di un animale. In questo caso, i sintomi della malattia sono molto pronunciati.

La rinite professionale è un sottotipo relativamente nuovo della malattia. È dovuto al contatto costante di una persona con un certo allergene a causa della sua professione (ad esempio, pasticcieri, farmacisti, lavoratori del legno).

Cause di malattia

Naturalmente, la causa principale dell'aspetto della malattia è il contatto con l'allergene. Ma non tutti sono malati !? Le seguenti ragioni contribuiscono allo sviluppo della pollinosi:

  • mancanza di sonno, stanchezza cronica;
  • aria inquinata;
  • ereditarietà;
  • lo stress;
  • caratteristiche anatomiche della struttura della cavità nasale e nasofaringe;
  • contatto prolungato con l'allergene;
  • problemi con la coagulazione del sangue;
  • raffreddori frequenti;
  • malattie del tratto gastrointestinale;
  • prendendo antibiotici.

Diagnosi e trattamento

Per fare una diagnosi corretta, è necessario contattare il medico ENT. Condurrà una rinoscopia (esame della cavità nasale), prescriverà i test necessari (emocromo completo, analisi del sangue per la presenza di anticorpi, campioni per allergeni e altri).

Il trattamento per la rinite deve iniziare con l'eliminazione dell'esposizione agli allergeni. Se siete allergici - in casa non dovrebbero essere animali, polvere, peluche e tappeti. Nella stanza in cui dormi, ci dovrebbe essere un umidificatore e un lavaggio d'aria, quindi l'aria diventerà molto più pulita e più umida. Consigliamo anche di acquistare un buon aspirapolvere con aspirazione potente, filtri anti-batterici e polvere filtrante e aria sporca attraverso l'acqua! Dopo aver usato tale aspirapolvere almeno una volta, attraverso l'acqua sporca vedrai cosa respiri!

Se sei allergico alla fioritura, devi escludere le gite in campagna per la natura o stare lontano da parchi o aiuole.

Per rimuovere l'aggravamento vengono prescritti antistaminici ("Suprastin", "Tavegil", ecc.), Vasocostrittore ("Otrivin", "Xilometazolina"), soluzioni saline ("Aquamaris"), gocce antiallergiche ("Vibrocil"). Gli spruzzi di corticosteroidi (ormonali) nel naso è meglio non acquisire!

In un modo o nell'altro, il trattamento deve essere prescritto ed eseguito esclusivamente sotto la supervisione di un otorinolaringoiatra. Solo un medico ORL esperto e competente prescriverà un'efficace terapia farmacologica e allevierà la malattia.

Si prega di prendere un appuntamento e vieni!

Ti aiuteremo a far fronte alle manifestazioni della rinite allergica!

Saremo lieti di vederti nella nostra clinica e saremo felici di aiutarti!

J30 Vasomotoria e rinite allergica

Rinite (naso che cola) allergica (R. Allergica) - rinite (naso che cola), che si sviluppa come reazione allergica (più spesso con pollinosi), manifestata da gonfiore della mucosa e rilascio di abbondante secrezione di muco. (Pokrovsky, 2001)

Rinite allergica (naso che cola) - una malattia infiammatoria, manifestata da un complesso di sintomi sotto forma di naso che cola con congestione nasale, prurito, rinorrea, gonfiore della mucosa nasale. (Denisov, 2003)

  • Kit di pronto soccorso
  • Negozio online
  • Sulla compagnia
  • Contattaci
  • Contatti del publisher:
  • +7 (495) 258-97-03
  • +7 (495) 258-97-06
  • E-mail: [email protected]
  • Indirizzo: Russia, 123007, Mosca, st. 5a linea principale, 12.

Il sito ufficiale del gruppo di società RLS ®. La principale enciclopedia di farmaci e assortimento di farmacie di Internet russo. Il libro di consultazione di medicine Rlsnet.ru fornisce agli utenti l'accesso a istruzioni, prezzi e descrizioni di medicine, supplementi dietetici, dispositivi medici, dispositivi medici e altri beni. Il libro di riferimento farmacologico include informazioni sulla composizione e forma di rilascio, azione farmacologica, indicazioni per l'uso, controindicazioni, effetti collaterali, interazioni farmacologiche, modalità di utilizzo dei farmaci, aziende farmaceutiche. Il libro di riferimento sulla droga contiene i prezzi dei medicinali e dei prodotti del mercato farmaceutico a Mosca e in altre città della Russia.

Il trasferimento, la copia, la distribuzione di informazioni sono vietati senza il permesso di RLS-Patent LLC.
Quando si citano materiali informativi pubblicati sul sito www.rlsnet.ru, è necessario fare riferimento alla fonte di informazioni.

Molto più interessante

© 2000-2019. REGISTRAZIONE DI MEDIA RUSSIA ® RLS ®

Tutti i diritti riservati.

L'uso commerciale di materiali non è permesso.

Le informazioni sono destinate ai professionisti medici.

Rinite allergica

Rinite allergica

  • Associazione russa di allergologi e immunologi clinici (RAACI)

Indice

parole

Rinite allergica persistente

Rinite allergica intermittente

Rinite allergica stagionale

Rinite allergica per tutto l'anno

elenco delle abbreviazioni

AG - farmaci antistaminici

AD - dermatite atopica

AZ - malattie allergiche

AK - congiuntivite allergica

AKR - orticaria allergica

AIC - cellula presentatrice di antigeni

ASIT - immunoterapia specifica per allergeni

BA - asma bronchiale.

INGX - glucocorticosteroide intranasale

AUTO - rinite allergica per tutto l'anno

CR - linee guida cliniche

ICD 10 - Classificazione statistica internazionale delle malattie e problemi sanitari connessi, 10a revisione, adottata dalla 43a Assemblea mondiale della sanità

LS - Farmaci

SLA - Sindrome allergica orale

SNPs - seni paranasali

RCT: studi clinici randomizzati

ATS - Rinite allergica stagionale

PAF - fattore di attivazione piastrinica

CNS - sistema nervoso centrale

ARIA - Rinite allergica e suo impatto sull'asma - Rinite allergica e suoi effetti sull'asma, documento di accordo internazionale

CD - cluster di differenziazione

Fc? RI - recettore ad alta affinità per IgE

Fc? RII - recettore a bassa affinità per IgE

H1 - recettori di istamina - recettori di istamina del primo tipo

IgE - immunoglobulina di classe E

Th1 - T-linfociti di tipo 1 aiutanti

Th2 - T-linfociti di tipo 2 aiutanti

Termini e definizioni

La rinite allergica (AR) è una malattia caratterizzata dalla presenza di infiammazione immunologicamente (il più delle volte IgE-dipendente) della mucosa nasale causata da un allergene causa-significativo e manifestata clinicamente ogni giorno per almeno un'ora con due o più sintomi: abbondante rinorrea, difficoltà nella respirazione nasale prurito nella cavità nasale, starnuti ripetuti e spesso anosmia.

1. Brevi informazioni

1.1 Definizione

La rinite allergica (AR) è una malattia caratterizzata dalla presenza di infiammazione immunologicamente (il più delle volte IgE-dipendente) della mucosa nasale causata da un allergene causa-significativo e manifestata clinicamente ogni giorno per almeno un'ora con due o più sintomi: abbondante rinorrea, difficoltà nella respirazione nasale prurito nella cavità nasale, starnuti ripetuti e spesso anosmia.

1.2 Eziologia e patogenesi

I principali fattori eziologici di AR sono:

- Piante di polline L'AR, causata dalla sensibilizzazione (ipersensibilità) agli allergeni delle piante impollinate dal vento, è chiamata pollinosi o febbre da fieno. Per ogni regione c'è un calendario di spolverare (fioritura) di piante, che dipende dalle caratteristiche climatiche e geografiche. Per la Russia centrale, ci sono tre periodi principali di fioritura delle piante allergeniche: primavera (aprile-maggio) - associata alla spolveratura degli alberi (betulla, ontano, nocciolo, quercia, ecc.), All'inizio dell'estate (giugno-metà luglio) - associata alla fioritura dei cereali o erbe di prato (coda di topo, festuca, riccio, loglio, falò, segale, bluegrass, ecc.), fine estate - autunno (metà luglio-settembre) - con infestanti: Compositae (girasole, assenzio, ambrosia) e marijuana (quinoa) [ 1-3].

- Gli allergeni degli acari della polvere domestica (dermatofagosidi pteronyssinus e Dermatophagoides farinae specie), gli allergeni epidermici (gatti, cani, cavalli, ecc.), Meno spesso - polvere di biblioteca, muffe, funghi, scarafaggi. Sebbene le spore di funghi e gli allergeni degli acari della polvere domestica siano allergeni per tutto l'anno, la loro quantità nell'aria ambientale dipende anche dalla stagione. Pertanto, l'AR persistente può avere un andamento ondulatorio ed essere accompagnato da focolai stagionali [1-3].

In AR, l'infiammazione allergica è causata dallo sviluppo di una reazione allergica di tipo immediato (mediata da IgE). Una volta nel corpo, l'allergene viene frammentato in cellule presentanti l'antigene (APC) a peptidi semplificati, che vengono poi presentati da queste cellule alle cellule T helper (cellule Th2). Le cellule Th2, a loro volta, attivando, producono un certo numero di linfochine, in particolare l'interleuchina-4 (IL-4) (e / o una molecola alternativa - IL-13), IL-5, 6, 10; ed inoltre esprime sulla sua superficie un ligando per CD40 (CD40L o CD154), che fornisce il segnale necessario per una cellula B per differenziarlo in una cellula di plasma che produce IgE. La molecola di IgE allergene-specifica è fissata sui recettori specializzati Fc-RI situati su cellule bersaglio di primo ordine (mastociti di membrane mucose e tessuto connettivo e basofili), nonché Fc a bassa affinità Fc? RII, espressi sulla superficie B, che hanno un'affinità molto elevata per essi. linfociti, monociti, eosinofili e possibilmente linfociti T. Quando si rientra nell'allergene si legano gli anticorpi IgE fissati sulla superficie delle cellule bersaglio, che provoca una catena di trasformazioni biochimiche dei lipidi di membrana (fase patochimica), con conseguente secrezione di mediatori preformati, come l'istamina e la formazione di nuovi (metaboliti dell'acido arachidonico (prostaglandina D2, solfuro peptide leucotrieni C4, D4, E4), fattore di attivazione piastrinica (PAF), attivazione di plasma kinins [4].

I mediatori rilasciati nei tessuti, agendo sui recettori target, inducono la fase fisiopatologica della reazione atopica: aumento della permeabilità vascolare e dell'edema tissutale, contrazione della muscolatura liscia, ipersecrezione delle ghiandole mucose, irritazione delle terminazioni nervose periferiche. Questi cambiamenti costituiscono la base della rapida (prima) fase della reazione allergica che si sviluppa durante i primi minuti dopo l'azione allergenica (sintomi della mucosa nasale: prurito, starnuti, secrezione nasale acquosa, dalla mucosa bronchiale: broncospasmo, edema mucoso, aumento della secrezione di escreato). Insieme all'azione diretta, i mediatori di una reazione allergica stimolano le terminazioni nervose dei nervi parasimpatici che trasportano gli impulsi nel SNC e stimolano il rilascio di acetilcolina nei tessuti (polmoni, aggravando gli spasmi muscolari lisci bronchiali causati da allergie, congiuntiva dell'occhio (riflesso nasale-oculare) [5].

La preparazione della migrazione cellulare dai vasi al tessuto è assicurata da un cambiamento nel flusso sanguigno nei microrecipienti e dall'espressione delle molecole di adesione cellulare sull'endotelio e sui leucociti. La successiva partecipazione di molecole di adesione e chemochine nel processo porta all'infiltrazione di tessuti con basofili, eosinofili, linfociti T, mastociti, cellule di Langerhans. Dopo l'attivazione, secernono anche mediatori pro-allergici (pro-infiammatori), che formano una fase tardiva (o ritardata) di una reazione allergica (dopo 4-6 ore, sintomi dalla mucosa nasale: congestione nasale, iperreattività nasale, anosmia, dalla mucosa bronchiale: iperreattività bronchiale, ostruzione) [4].

Per l'accumulo di linfociti nel tessuto richiede un tempo abbastanza lungo, quindi le citochine dei linfociti T (profilo Th2) sono coinvolte nel processo di mantenimento dell'infiammazione allergica solo nelle fasi finali. Si ritiene che i cambiamenti nella composizione cellulare dovuti all'assunzione di eosinofili, basofili, cellule Th2 e il mantenimento dell'attività dei mastociti durante la fase tardiva della risposta allergica siano correlati a uno spostamento della reattività complessiva della mucosa nasale e dei bronchi. Contro questo sfondo alterato, la successiva esposizione all'allergene causa sintomi clinici più pronunciati. L'iperreattività non specifica della mucosa del naso e dei bronchi nei pazienti con AR è espressa in aumentata sensibilità a vari effetti irritanti aspecifici (odori taglienti, cambiamenti della temperatura ambientale, ecc.). Le caratteristiche costituzionali, i cambiamenti nella sensibilità del recettore ai mediatori e irritanti, i disturbi nelle reazioni riflesse e le alterazioni vascolari e microcircolatorie possono anche essere alla base dell'iperresponsività tissutale non specifica [4].

1.3 Epidemiologia

La prevalenza di AR in diversi paesi del mondo è del 4-32%, in Russia - 10-24%. Degno di nota è il basso livello di appetibilità dei pazienti con AR nelle prime fasi della malattia e la diagnosi tardiva. Il più delle volte, la malattia fa il suo debutto nella prima metà della vita. Gli studi epidemiologici a lungo termine mostrano un progressivo aumento del numero di persone che soffrono di AR [1-3].

Nel 50-90% dei pazienti con AR combinato con congiuntivite allergica, questo è particolarmente vero per i pazienti con manifestazioni stagionali di AR. AR è un fattore di rischio per lo sviluppo di asma bronchiale (BA). Secondo diversi autori, il 30-50% dei pazienti con AR soffre di BA atopica, mentre allo stesso tempo il 55-85% dei pazienti con BA riporta sintomi di AR. In alcuni casi, lo sviluppo di AR precede il debutto di BA, in altri, entrambe le malattie iniziano simultaneamente [1-3, 6-7].

1.4 Codifica su ICD-10

J30 - rinite vasomotoria e allergica

J30.1 - rinite allergica causata dal polline delle piante

J30.2 - Altre riniti allergiche stagionali

J30.3 - altra rinite allergica

J30.4 - Rinite allergica, non specificata.

1.5 Classificazione

La moderna classificazione di AR è presentata in due varianti.

In Russia, viene spesso utilizzata una classificazione, in base alla quale l'AR è suddivisa in stagionale, per tutto l'anno e professionale. Questa classificazione è presentata nel documento di accordo di revisione europeo [6-8].

A) La rinite allergica stagionale (Accademia di allergologia e immunologia clinica (2000) e coerente con l'ICD-10-SAR) è causata dal polline delle piante.

Commenti: I periodi di esacerbazione dell'ATS dipendono dalle condizioni climatiche e geografiche che determinano la durata e l'intensità della fioritura delle piante allergeniche e il contenuto di polline nell'aria atmosferica. La durata della riacutizzazione stagionale può variare da 2 settimane a 6 mesi (in presenza di sensibilizzazione combinata agli allergeni dei pollini).

B) La rinite allergica per tutto l'anno (CAR) è causata dalla presenza di ipersensibilità agli allergeni domestici e / o epidermici.

Commenti: Sebbene le spore di funghi e gli allergeni degli acari della polvere domestica siano allergeni per tutto l'anno, la loro quantità nell'aria ambientale dipende anche dalla stagione. Di solito diminuisce nei mesi invernali e aumenta in estate e in autunno. Quindi, la CAR può avere un andamento ondulato ed essere accompagnata da esacerbazioni stagionali.

Nel 2001, un gruppo di esperti dell'OMS nell'ARIA (rinite allergica e il suo impatto sull'asma - rinite allergica e suoi effetti sull'asma) 2001, rivisto nel 2008, 2010. La classificazione di AR è stata proposta, in cui [6-8] si distingue:

  1. AR intermittente (episodica) - i sintomi si manifestano meno di 4 giorni alla settimana o meno di 4 settimane all'anno;
  2. AR persistente (frequente, persistente) - i sintomi infastidiscono più di 4 giorni a settimana e più di 4 settimane all'anno.

Per gravità:

  • lieve gravità - il paziente ha sintomi lievi di rinite che non interrompono l'attività quotidiana e il sonno;
  • gravità moderata - i sintomi della rinite interferiscono con il lavoro, lo studio, lo sport, disturbano il sonno del paziente;
  • grado severo - i sintomi peggiorano significativamente la qualità della vita del paziente, che in assenza di terapia non può funzionare normalmente, studiare, praticare sport, il sonno notturno è significativamente disturbato.

Secondo lo stadio della malattia: aggravamento, remissione.

Commenti: questa classificazione non considera il fattore eziologico dello sviluppo di AR. Nel frattempo, la conoscenza della sensibilizzazione disponibile per un paziente con AR è necessaria per selezionare il trattamento specifico, che include l'eliminazione degli allergeni e l'immunoterapia specifica degli allergeni. Pertanto, insieme all'indicazione della durata e della gravità dei sintomi di AR, è necessario indicare gli allergeni a cui è stata identificata la sensibilizzazione e che sono responsabili dello sviluppo delle manifestazioni cliniche della malattia.

2. Diagnosi

2.1 Reclami e anamnesi

AR mostra i seguenti sintomi principali:

  • Rinorrea (scarico acquoso dal naso);
  • starnuti - spesso parossistici, spesso al mattino, parossismi di starnuti possono verificarsi spontaneamente;
  • prurito, raramente, sensazione di bruciore al naso (talvolta accompagnata da prurito al palato e alla gola); il prurito del naso può manifestarsi come un sintomo caratteristico - "saluto allergico" (costante grattarsi la punta del naso con il palmo della mano dal basso verso l'alto), con il risultato che alcuni pazienti hanno una piega nasale trasversale, graffi, graffi sul naso;
  • congestione nasale, respiro caratteristico della bocca, respiro sibilante, russamento, cambio di voce;
  • diminuzione dell'olfatto (negli stadi successivi della rinite).

Ulteriori sintomi di AR si sviluppano a seguito di copiose secrezioni dal naso, insufficienza del drenaggio dei seni paranasali e il passaggio delle vie uditive (trombe di Eustachio):

  • irritazione, gonfiore, arrossamento della pelle sul labbro superiore e vicino alle ali del naso;
  • sanguinamento nasale dovuto al soffiaggio forzato del naso e al prelievo;
  • mal di gola, tosse (manifestazioni di concomitante faringite allergica, laringite);
  • dolore e scricchiolii alle orecchie, specialmente durante la deglutizione; deficit uditivo (manifestazioni di tubitis allergico).

Sintomi non specifici comuni osservati nella rinite allergica:

  • debolezza, malessere, irritabilità;
  • mal di testa, affaticamento, disturbo da concentrazione;
  • disturbo del sonno, umore depresso;
  • raramente, febbre.

Commenti: Di ​​norma, le manifestazioni cliniche di AR sono accompagnate da sintomi oculari, il cui sviluppo è anche dovuto a una reazione allergica. Una reazione infiammatoria allergica della congiuntiva è caratterizzata da iperemia ed edema della membrana mucosa delle palpebre, lacrimazione, prurito intenso, sensazione di "sabbia negli occhi", formazione di follicoli o papille, meno comunemente complicata da danno alla cornea e danno visivo. La base patogenetica per lo sviluppo della congiuntivite allergica è una reazione mediata da IgE. Lo stadio patofisiologico di una reazione allergica di tipo immediato causata dal contatto diretto con un allergene è caratterizzato dai sintomi sopra descritti. Inoltre, le connessioni neuronali esistenti tra la membrana mucosa del naso e la congiuntiva causano l'interazione riflessa di questi organi tra loro. Pertanto, l'infiammazione iniziata sulla mucosa nasale di un paziente con sensibilizzazione agli allergeni, innesca in modo riflessivo lo sviluppo dei sintomi oculari [3].

L'anamnesi è essenziale nella diagnosi di questa malattia. Nell'intervistare un paziente, viene prestata particolare attenzione alle caratteristiche dello sviluppo dei primi sintomi della malattia, alla loro intensità, alle dinamiche di sviluppo, alla durata e alla sensibilità agli agenti farmacoterapeutici prescritti. È necessario identificare la presenza o l'assenza di stagionalità della malattia, l'insorgenza o l'intensificazione dei sintomi di AR per contatto diretto con uno o un altro allergene (contatto con polline, animali domestici, esacerbazione durante la pulizia di un appartamento, ecc.); la presenza o l'assenza dell'effetto di eliminazione, l'influenza di fattori meteorologici, cibo, zone di cambiamento climatico.

Quando si identificano i reclami, è necessario prendere in considerazione gli indicatori quantitativi (la durata dei sintomi durante il giorno, il numero di fazzoletti usati al giorno, la dose degli agenti vasocostrittori usati, ecc.). L'attenzione dovrebbe essere rivolta a tali lamentele accompagnatorie del paziente come sensazione di dolore e dolore nei seni paranasali, mal di testa, dolore nell'orecchio medio, perdita dell'udito, alterazioni della voce, sangue dal naso, manifestazioni di dermatite intorno al naso, faringolaringite frequente, riduzione dell'attenzione e delle prestazioni.

La comparsa di sintomi stagionali nello stesso periodo dell'anno è un possibile indicatore del ruolo delle spore di polline o muffa; deterioramento della casa - un indicatore di sensibilizzazione agli allergeni epidermici o agli acari della polvere domestica; in caso di deterioramento durante il lavoro, il ruolo degli allergeni professionali non può essere escluso.

Caratteristiche rinorrea - rinorrea posteriore - porta alla sindrome del cosiddetto "deflusso postnasale". Se la scarica è chiara, l'infezione è improbabile, se lo scarico è giallo o verde, l'infezione è altamente probabile. Le impurità ematiche nelle secrezioni nasali su entrambi i lati possono indicare un uso improprio dello spray nasale o la presenza di un processo granulomatoso, nonché una possibile violazione della coagulazione del sangue e della patologia vascolare nella mucosa nasale. Sintomi unilaterali in AR indicano o un "ciclo nasale" prolungato in un paziente, o richiedono la violazione della struttura anatomica della cavità nasale o corpo estraneo, tumori, polipo del seno mascellare (polipi antrocoanali), in rari casi, di norma, dopo una lesione alla testa, cerebrospinale liquidi (liquorrea). I sintomi bilaterali indicano o una curvatura sigmoidea del setto o la presenza di poliposi nasale, che otturano entrambi i passaggi nasali. Congestione alternante - su rhinitis generalizzato con un ciclo nasale cambiante.

La formazione di croste nasali può verificarsi con granulomatosi di Wegener, sarcoidosi, altre vasculiti, ozena e rinosinusite cronica. La sindrome allergica orale (OSA) si sviluppa in alcuni pazienti con ATS se ingerita con antigeni cross-reattivi contenuti in alcuni frutti, verdure e noci (i sintomi dell'OSA si sviluppano nei primi minuti dopo aver consumato frutta fresca o verdura, meno spesso dopo uno o due ore). Caratterizzato dall'apparizione di gonfiore, formicolio, prurito e bruciore nella zona della lingua, gengive, palato, labbra ed elementi eritematosi nella regione periorale, sul collo. Spesso c'è un aumento della congestione nasale, naso che cola, starnuti, congiuntivite. Nella maggior parte dei casi, i sintomi sono a breve termine e si fermano, ma in alcuni casi può essere combinato con la sindrome bronco-ostruttiva, le reazioni sistemiche).

2.2 Esame fisico

Presta attenzione a:

- difficoltà a respirare nasale;

- separazione permanente e abbondante delle secrezioni acquose dalla cavità nasale;

Commenti: nel caso dell'adesione di un'infezione secondaria, la secrezione secreta può essere mucopurulenta.

2.3 Diagnosi di laboratorio

  • Si raccomandava un esame citologico della secrezione dalla cavità nasale (striscio) per la presenza di eosinofilia.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di affidabilità delle prove 2 ++.

Commenti: l'aumento della quantità relativa di eosinofili al 10% o più è caratteristico.

  • Consigliato per eseguire un esame del sangue generale per rilevare l'eosinofilia.

Livello di credibilità delle raccomandazioni C, livello di affidabilità delle prove 3.

Commenti: più spesso trovati nel periodo di malattia acuta.

2.4 Diagnostica strumentale

  • Rinoscopia raccomandata

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di affidabilità delle prove 2 ++.

Commenti: Quando la rinoscopia consiglia di prestare attenzione allo stato del setto nasale, il colore della mucosa: i reperti tipici sono il tipico colore grigio o bluastro della mucosa, "macchie Voyacheka" e abbondante scarico schiumoso. Quando la rinoscopia posteriore si trova spesso ispessimento simile a rullo della membrana mucosa del vomere posteriore, gonfiore delle estremità posteriori dei turbinati inferiori.

Esame aggiuntivo:

  • Esame radiografico raccomandato della cavità nasale e SNP.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni A, il livello di affidabilità delle prove è 1+.

  • Consigliato per eseguire la tomografia computerizzata della cavità nasale e SNP.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di affidabilità delle prove 2 ++.

  • Consigliato per eseguire la rinomanometria anteriore.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni C, il livello di affidabilità delle prove 2+.

  • Esame endoscopico raccomandato della cavità nasale.

Livello di credibilità delle raccomandazioni C, livello di affidabilità delle prove 3.

  • Si raccomanda di eseguire un test di applicazione con una soluzione di epinefrina cloridrato 0,1% per dimostrare la reversibilità dell'ostruzione nasale.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni C, il livello di affidabilità delle prove 2+.

2.5 Altri diagnostici

  • Per chiarire la genesi della malattia e identificare un allergene causa-significativo, si raccomanda un esame allergologico:

stabilendo test cutanei con allergeni atopici o determinando il livello di IgE allergene-specifiche nel siero del sangue.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni A, il livello di affidabilità delle prove 1 ++.

  • Raccomandato per condurre test nasali provocatori con allergeni atopici.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di attendibilità delle prove è 1+.

Commenti: la diagnosi finale viene effettuata solo dopo aver confrontato i risultati dell'esame con i dati della storia della malattia.

2.6 Diagnosi differenziale

La AR si differenzia con alcune malattie croniche della cavità nasale. Il più delle volte con rinite causata da anomalie anatomiche della struttura della cavità nasale o rinite infettiva [8].

Commenti: Una rinite eosinofila non allergica è caratterizzata da un elevato contenuto di eosinofili (fino all'80-90%) durante l'esame citologico, mentre nessun metodo di sensibilizzazione può essere rilevato da nessuno dei metodi diagnostici allergici, mentre la rinoscopia è caratterizzata da una pallida mucosa edematosa del naso, possibilmente un ulteriore sviluppo della poliposi.

In caso di rinite vasomotoria (idiopatica), la mucosa della cavità nasale è pallida, edematosa; scarico dal naso è acquoso o viscido, non ci sono segni di atopia.

La rinite di natura non allergica può essere causata da patologie del sistema endocrino, farmaci, fattori psicogeni, gravidanza, ecc.

Prendere in considerazione i dati di anamnesi e i risultati di esami clinici e allergologici, la presenza di patologie concomitanti e farmaci che possono portare alla comparsa di sintomi di rinite. I pazienti con AR sospetta hanno un diario in cui registrano quotidianamente la gravità dei sintomi, l'influenza delle condizioni ambientali sul decorso della malattia e indicano anche i farmaci che sono stati utilizzati quel giorno. L'analisi delle informazioni ottenute dal diario suggerisce la natura allergica della malattia e l'allergene causale, l'effetto dell'uso di droghe. Durante il flusso stagionale, è necessario confrontare il calendario delle piante da fiore in questa zona climatica con i momenti dell'apparenza e la scomparsa dei sintomi in un paziente.

3. Trattamento

L'obiettivo del trattamento è il completo controllo dei sintomi di AR. Il trattamento nella maggior parte dei casi viene eseguito in regime ambulatoriale. Il ricovero in ospedale è indicato per il decorso grave e / o complicato della malattia e per la necessità di condurre ASIT con il metodo accelerato.

Il trattamento della rinite allergica dovrebbe includere le seguenti misure:

  • eliminazione del contatto con l'allergene (se possibile);
  • farmacoterapia;
  • immunoterapia specifica per allergeni;
  • educazione del paziente.

È inoltre necessario lottare per l'ottimizzazione dei fattori ambientali e dei fattori sociali in modo che il paziente possa condurre una vita normale.

3.1 Trattamento conservativo

Il trattamento farmacologico di AR include la terapia sintomatica (sollievo dalla riacutizzazione e terapia di base) [6-8].

Preparativi per uso locale.

  • Nel caso di un blocco completo della respirazione nasale pochi minuti prima della somministrazione intranasale di farmaci antiallergici si raccomanda di utilizzare stimolanti adrenorecettori:

- nafazolina; - Oxymetazoline; - Xilometazolina.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni C, il livello di affidabilità delle prove 2+.

Commenti: applicare 2-3 instillazioni 2-4 volte al giorno. La durata del loro utilizzo è in media 3-5 giorni, ma non più di 10 giorni.

  • Con abbondante secrezione nasale, i preparati anticolinergici contenenti ipratropio bromuro ** sono fortemente raccomandati, 2-3 dosi in ogni passaggio nasale 3 volte al giorno.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di attendibilità delle prove è 1+.

Commenti: Non si deve dimenticare che il sovradosaggio e la costante (per diversi mesi ea volte anni) che assumono stimolanti adrenorecettori, si verifica tachifilassi e si sviluppano numerosi effetti collaterali e complicazioni (ipertrofia delle cavità nasali, alterazioni irreversibili nella mucosa nasale, possibilmente sviluppo un numero di reazioni sistemiche del sistema cardiovascolare).

  • In presenza di manifestazioni cliniche lievi e moderate di rinite, si raccomanda di applicare l'acido cromoglicico ** (B, 1+) ​​come spray intranasale in una dose di 2,8 mg in ciascun passaggio nasale 4-6 volte al giorno.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di attendibilità delle prove è 1+.

  • In alternativa, si raccomanda l'uso di ipertensione sotto forma di agenti intranasali: levocabastina, due insufflazioni in ogni passaggio nasale, 2-4 volte al giorno, azelastina, una insufflazione in ogni passaggio nasale, 2 volte al giorno.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni C, il livello di affidabilità delle prove 2+.

Glucocorticoidi intranasali (INGX).

  • Uso consigliato beclometasone dipropionato alla dose di 400 mg / die, mometasone furoato alla dose di 200 μg 2 volte al giorno o budesonide alla dose di 100-200 μg 2 volte al giorno o fluticasone propionato alla dose di 100 μg 2 volte al giorno.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni A, il livello di affidabilità delle prove 1 ++.

Commenti: Va ricordato che AR e BA sono malattie interdipendenti, quindi trattamento tempestivo e adeguato di AR, la somministrazione precoce di INGX riduce l'intensità dell'infiammazione allergica sia nella mucosa nasale che nei bronchi e riduce la loro iperresponsività.

antistaminici

  • Si raccomanda l'uso di un'ipertensione sicura di seconda generazione, caratterizzata da un rapporto efficacia / sicurezza favorevole. Come, AG (bloccanti H1-recettori istaminici) della seconda generazione: loratadina ** o cetirizina ** alla dose di 10 mg / die o desloratadina alla dose di 5 mg / die. Forse l'uso di ebastina alla dose di 10-20 mg / die, la fexofenadina alla dose di 120-180 mg / die o la levocetirizina alla dose di 5 mg / die,

Il livello di credibilità delle raccomandazioni A, il livello di affidabilità delle prove è 1+.

o rupatadina fumorata alla dose di 10 mg / die.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni B, il livello di affidabilità delle prove 2 ++.

  • L'uso di bloccanti H è raccomandato come terapia alternativa.1-Recettori istaminici della prima generazione: Clemensin, alla dose di 1 mg 2-3 volte al giorno, o cloropiramina alla dose di 25 mg 2-3 volte al giorno per 10 giorni.

Livello di credibilità delle raccomandazioni B, livello di affidabilità delle prove 2+.

Commenti: ipertensione domestica è rappresentata da farmaci: mebhydroline nasisizilat 0,1-0,3 g al giorno; sevifenadina cloridrato, 0,05-0,1 g, 2-3 volte al giorno, hifenadina cloridrato, 25-50 mg, 2-4 volte al giorno.

  • In caso di sintomi gravi, i primi giorni raccomandavano l'uso di farmaci per via parenterale (IM o IV): clemensina alla dose di 2 mg 1-2 volte al giorno, cloropiramina ** alla dose di 40 mg 1-2 volte al giorno.

Livello di credibilità delle raccomandazioni C, livello di affidabilità delle prove 3.

  • Come un farmaco sistemico con un effetto stabilizzante sulle membrane dei mastociti, si raccomanda l'uso di chetotifene in una dose di 1 mg 2 volte al giorno per un massimo di 3 mesi.

Il livello di credibilità delle raccomandazioni C, il livello di affidabilità delle prove 2+.

Commenti: Nonostante l'efficacia dell'ipertensione orale di prima generazione, il loro uso non è raccomandato se sono disponibili farmaci di seconda generazione, date le proprietà sedative e anticolinergiche del primo. La bassa efficienza dell'ipertensione della prima generazione è stata stabilita in base all'analisi costo-efficacia, il costo del trattamento aumenta a causa della sedazione che causano.

Bloccanti dei recettori dei leucotrieni

  • In termini di efficacia, montelukast sodico alla dose di 10 mg al giorno e zafirlukast ** a 40 mg al giorno sono raccomandati, superiori al placebo, ma inferiori a ipertensione e INGX.

Livello di credibilità delle raccomandazioni B, livello di affidabilità delle prove 2+.

Glucocorticosteroidi sistemici

In rari casi, i pazienti con sintomi gravi che non rispondono al trattamento con altri farmaci o non tollerano i farmaci intranasali possono richiedere un uso sistemico di GCS (ad esempio, prednisone ** nella dose iniziale di 5-10 mg / die per via orale) per un breve periodo.

Commenti: Il trattamento a lungo termine con corticosteroidi orali o la loro somministrazione intramuscolare è accompagnato da noti effetti collaterali sistemici.

Terapia di base AR

Commenti: Se stagionale, la terapia antiallergica preventiva deve essere prescritta dopo aver analizzato i dati sul decorso della malattia nella stagione precedente (gravità delle manifestazioni cliniche, efficacia dei farmaci prescritti e risultati degli esami) 1-2 settimane prima della prevista esacerbazione stagionale.

  • L'uso dei seguenti farmaci è raccomandato come terapia di base per pazienti con AR lieve:

Livello di credibilità delle raccomandazioni C, livello di affidabilità delle prove 3.

Commenti: l'elenco dei farmaci e dei dosaggi sopra elencati. La selezione e la combinazione di farmaci per terapia di base vengono effettuati individualmente, tenendo conto della gravità della malattia, della tollerabilità dei farmaci e delle condizioni di vita del paziente.

3.2 Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico in AR è effettuato solo se il paziente ha una patologia concomitante. Indicazioni per la chirurgia in pazienti con AR sono l'ostruzione nasale a causa di cambiamenti nelle strutture intranasali, così come complicata rinosinusite per AR, cisti dei seni paranasali, ecc. L'otorinolaringoiatra prende la decisione sulla sua necessità, preparazione preoperatoria e gestione postoperatoria secondo il protocollo della malattia corrispondente.

3.3 Altro trattamento

  • Si raccomanda l'immunoterapia specifica per allergeni (ASIT). (vedere le linee guida cliniche per ASIT) [9].

Il livello di credibilità delle raccomandazioni A, il livello di affidabilità delle prove 1 ++.

4. Riabilitazione

5. Prevenzione e follow-up

Il paziente oi genitori dei bambini dovrebbero essere informati sulla natura della malattia, sulle cause e sui meccanismi della rinite, sui sintomi e sui trattamenti disponibili. È necessario fornire informazioni sui modi per eliminare o limitare il contatto con l'allergene, la terapia farmacologica. L'efficacia della terapia dipende dalla tecnica corretta di utilizzare preparati topici, che dovrebbero essere insegnati al paziente. I pazienti devono essere consapevoli delle possibili complicanze della AR, tra cui sinusite, otite media e malattie correlate come l'asma. I pazienti devono avere un'idea di come riconoscere i segni di complicanze, per un tempestivo rinvio ai medici specialisti e anche per ricevere informazioni sui possibili effetti negativi della rinite sulla qualità della vita e sui benefici dell'aderenza alle raccomandazioni mediche. È necessario orientare il paziente verso aspettative realistiche e capire che le malattie croniche non sono curate, pertanto è necessaria l'osservazione medica a lungo termine e la terapia razionale [6-8].

Le misure preventive sono:

  • esclusione del contatto con sostanze irritanti non specifiche (fumo di tabacco, gas di scarico, ecc.), rischi professionali;
  • rispetto della dieta anallergica, tenendo conto dello spettro della sensibilizzazione;
  • esclusione della diagnosi di AR in pazienti con asma;
  • esame allergologico obbligatorio di pazienti con rinite vasomotoria
  • condurre misure terapeutiche e diagnostiche (test cutanei e provocatori, ASIT) solo in ospedali specializzati e uffici sotto la supervisione di un allergologo-immunologo del medico.
  • per i pazienti con AR diagnosticata: supervisione costante da parte di un allergologo-immunologo, il piano di trattamento scritto del paziente, l'educazione e la formazione del paziente, incl. nelle allergie;
  • eliminazione del contatto con allergeni causalmente significativi (misure di eliminazione)
  • come misura della profilassi secondaria nelle persone con atopia, esclusione del contatto con allergeni e fattori che possono potenzialmente diventare sensibilizzanti (animali domestici, piante, fitoterapia, condizioni di vita e di lavoro avverse, ecc.).

Criteri per valutare la qualità dell'assistenza

Criteri di qualità

Livello di evidenza della prova

Livello di raccomandazioni sulla credibilità

Indizi anamnestici identificati dell'associazione di sintomi di rhinitis a contatto con un allergene.

Esame allergico eseguito (test cutanei con allergeni atopici o determinazione di IgE specifiche)

Un antistaminico di seconda generazione è stato somministrato in una dose appropriata per l'età.

Trattamento completato con glucocorticoidi intranasali in modalità di uso regolare.

Una valutazione della patologia concomitante

Riduzione raggiunta (scomparsa) dei sintomi della rinite

Sensibilizzazione identificata a allergeni causa-significativi

riferimenti

  1. Ilina N.I. Allergologia in varie regioni della Russia in base ai risultati di studi clinici ed epidemiologici. Diss. per il grado di dott. med. M., 1996, 225c.
  2. Khaitov RM, Bogova A.V., Ilina N.I. Epidemiologia delle malattie allergiche della Russia. Immunology, 1998, No. 3, pp.4-9.
  3. Van Cauwenberge P.B., Ciprandi G., Vermeiren J.S.J. Epidemiologia della rinite allergica. L'UCB Institute of Allergy, 2001, 27p.
  4. Gushchin I.S. Infiammazione allergica e controllo farmacologico. M., stampa Farmarus, 1998, 252 p.
  1. Naclerio RM, Pinto J, de Tineo M, Baroody FM. Chiarire il meccanismo dei sintomi associati alla rinite allergica. Allergy Asthma Proc, 2008, v.29, p. 24-28.
  1. Rinite allergico e impatto sull'asma 2008 (ARIA). Allergia (suppl.86). 2008, v.63, p.1-160
  2. Brozek J, Bousquet J, Baena-Cagnani CE, Bonini S, Canonica WG, Casale TD, t al. Linee guida sulla rinite allergica e l'impatto sulle asma (ARIA): revisione del 2010. J Allergy Clin Immunol 2010; 126: 466-76.
  1. Allergologia e immunologia: leadership nazionale. Ed. Khaitova R.M., Ilina N.I. M.: GEOTAR-Media. 2009, 656 s /
  2. Gushchin I.S., Kurbacheva OM Immunoterapia allergica e allergene-specifica. M.: Farmarus Print Media, 2010, 228c.

Appendice A1. La composizione del gruppo di lavoro

Composizione del gruppo di lavoro

  1. Khaitov Rakhim Musaevich - Accademico dell'Accademia Russa delle Scienze, Presidente della Commissione di Profilo su Allergologia e Immunologia, Presidente dell'Associazione Russa di Allergologi e Immunologi Clinici (RAAKI), Direttore Scientifico dell'Istituto Statale Finanziario di Stato Federale. Telefono: 8 (499) 617-78-44.
  2. Elena Alexandrovna Vishneva - Vicedirettrice per la ricerca, Istituto di ricerca scientifica di Pediatria, Capo del Dipartimento di normazione e farmacologia clinica, FSAU "Centro scientifico per la salute dei bambini" del Ministero della salute della Federazione Russa, dottorato di ricerca. Telefono: 8 (499) 783-27-93.
  3. Danilycheva Inna Vladimirovna - Ricercatrice principale, Dipartimento di allergologia e immunoterapia, Istituto statale per i bilanci dello Stato "Istituto statale di immunologia del Centro di ricerca", Agenzia federale medico-biologico della Russia, Ph.D. Telefono: 8 (499) 618-28-75.
  4. Demko Irina Vladimirovna - capo immunologo-allergologo freelance del Territorio di Krasnoyarsk, Distretti Federali della Siberia e dell'Estremo Oriente, MD, Professore, Capo del Dipartimento di Malattie Interne dell'Università di Medicina di Krasnoyarsk. Telefono: 8 (913) 507-84-08.
  5. Olga Guryevna Elisyutina - Ricercatrice senior, Allergologia e Immunopatologia cutanea, Istituto statale per i bilanci dello Stato "Istituto statale di immunologia del Centro di ricerca" FMBA di Russia, allergologo-immunologo, Ph.D. Telefono: 9 (499) 618-26-58.
  6. Natalia Ivanovna Ilina - Vicepresidente dell'Associazione Russa di Allergologi e Immunologi Clinici (RAAKI), MD, Professore, Vice Direttore del Centro Federale di Ricerca per l'Immunologia presso l'Agenzia Federale Medica e Biologica della Russia per il lavoro clinico - capo medico. Telefono: 8 (499) 617-08-00.
  7. Oksana Kurbacheva - Chief Freelance Allergist-Immunologist del Distretto Federale Centrale, MD, Professore, Capo del Dipartimento di Asma bronchiale, Istituto SSCI di Immunologia, FMBA Russia. Telefono: 8 (499) 618-24-60.
  8. Latysheva Elena - un ricercatore senior presso il Dipartimento di adulti immunopatologia FGBU "Institute of Immunology" FMBA della Russia, Ph.D., Professore Associato di Immunologia Clinica della Facoltà di ICF GOU VPO RNIMU loro. Pirogov. Telefono: 8 (499) 612-77-73.
  9. Latysheva Tatyana - MD, Professore di Allergologia ed Immunologia Clinica FPDO MSMSU, capo del dipartimento di adulti immunopatologia FGBU "Institute of Immunology" FMBA Russia. Telefono: 8 (499) 617-80-85.
  10. Lyudmila Luss - Direttore del Dipartimento di ricerca e consulenza di Stato dell'Organizzazione "Institute of Immunology" FMBA della Russia, MD, Professore di Immunologia Clinica e Allergologia Facoltà di Medicina dello Stato di Mosca mediche e dentistiche Università intitolata a AI Yevdokimov. Telefono: 8 (499) 617-36-18.
  11. Myasnikova Tatyana Nikolaevna - Ricercatrice senior del Dipartimento di Immunopatologia degli adulti, FSBI "SSC Institute of Immunology" della Federal Medical and Biological Agency of Russia. Immunologo-allergologo, MD. Telefono: 8 (499) 612-88-29.
  12. Leyma Seymurovna Namazova - Vice Direttore per la ricerca, FSAU "Centro scientifico per la salute dei bambini" del Ministero della salute della Federazione Russa, Direttore dell'Istituto scientifico e di ricerca di Pediatria, Membro corrispondente dell'Accademia delle Scienze russa, Ph.D., Professore. Telefono 8 (495) 935-64-00.
  13. Ksenia S. Pavlova - Ricercatrice principale del Dipartimento di asma bronchiale, Istituto SSI di Immunologia FSBI, FMBA di Russia, Ph.D. Telefono: 8 (499) 618-24-60
  14. Pampura Alexander Nikolaevich - Capo del Dipartimento di Allergologia e Immunologia Clinica del CAP "NIKI Pediatrics prende il nome dall'accademico Yu. E. Veltischeva NI Pirogov, Ministero della Salute della Federazione Russa, MD, professore. Telefono: 8 (926) 227-68-10.
  15. Setdikova Naila Harisovna - Senior Research Fellow reparto di clinica immunopatologia Organizzazione dello Stato "Institute of Immunology" FMBA della Russia, medico allergologo-immunologo massima categoria, MD, assistente professore di allergia e immunologia clinica FPDO MSMSU. Telefono: 8 (499) 612-88-29.
  16. Lyudmila Petrovna Sizyakina - Chief Freelance Allergologa-Immunologa della Regione di Rostov e Distretto Federale Meridionale, Capo del Dipartimento di Allergologia-Immunologia, Rostov State Medical University, Ph.D., Professore.

Telefono: 8 (861) 268-49-56.

  1. Fassakhov Rustem Salakhovich - capo freelance allergologo-immunologo della Repubblica del Tatarstan e del Distretto Federale del Volga, MD, professore, capo del dipartimento di allergologia-immunologia, Kazan Medical Academy. Telefono: 8 (843) 521-48-26.
  2. Elena S. Fedenko - Capo del Dipartimento di Allergologia e Immunopatologia della pelle, Istituto SSCI di Immunologia del FSBI, FMBA della Russia, MD, Professore del Dipartimento di Immunologia Clinica e Allergologia della FMBA della Russia. Telefono: 8 (499) 618-24-41.
  3. Shulzhenko Andrei Evgenievich - Dottore in Scienze Mediche, Professore del Dipartimento di Allergologia Clinica e Immunologia presso la Facoltà di Medicina dell'Università Statale di Medicina e Odontoiatria di Mosca, dal nome A.I. Evdokimova, Capo del Dipartimento di Allergologia e Immunoterapia, Istituto statale per i bilanci dello Stato "Istituto statale di ricerca di immunologia" dell'Agenzia federale medica e biologica della Russia. Telefono: 8 (499) 617-81-44.

Per la revisione finale e le raccomandazioni sul controllo di qualità sono state riesaminate dai membri del gruppo di lavoro che hanno concluso che tutti i commenti e i commenti degli esperti sono stati presi in considerazione, il rischio di errori sistematici nello sviluppo delle raccomandazioni è stato ridotto al minimo.

Consultazione e valutazione di esperti:

Gli ultimi cambiamenti in queste raccomandazioni sono stati presentati per la discussione in una versione preliminare in una riunione del gruppo di lavoro, l'ufficio RAACI e membri della Commissione profilo. La versione preliminare è stata presentata per un'ampia discussione sul sito web RAAKI in modo che i non partecipanti alla riunione possano avere l'opportunità di partecipare alla discussione e al miglioramento delle raccomandazioni.

I progetti di raccomandazioni sono stati anche esaminati da esperti indipendenti, ai quali è stato chiesto di commentare la chiarezza e l'accuratezza dell'interpretazione della base di evidenze alla base delle raccomandazioni.

Appendice A2. Metodologia di sviluppo delle linee guida cliniche

Metodologia di sviluppo delle linee guida cliniche

I principi che sono la chiave per linee guida cliniche di alta qualità e affidabili sono stati seguiti durante lo sviluppo del CD.

Metodi usati per raccogliere / selezionare le prove:

Cerca nei database elettronici.

Descrizione dei metodi utilizzati per raccogliere / selezionare le prove:

Le prove di base per le raccomandazioni sono state fornite dalle pubblicazioni incluse nella libreria Kokhrayn, nei database EMBASE e PubMed / MEDLINE, dai documenti di accordo internazionale sulla rinite allergica (EAACI // WAO, ARIA 2010). La profondità di ricerca era 10 anni.

I metodi usati per valutare la qualità e la forza delle prove:

- Valutazione della significatività secondo lo schema di rating (Tabella 1).

Metodi usati per valutare la qualità e la forza delle prove

Questi CR sono basati su prove, classificate in base al livello di confidenza (Tabella 1). C'erano 4 livelli di affidabilità dei dati: A, B, C e D:

Tabella P1. - Livelli di raccomandazioni sulla credibilità

Livello di evidenza della prova

Descrizione dei livelli di confidenza

la

Sulla base dei risultati di revisioni sistematiche di studi randomizzati controllati. Una revisione sistematica è ottenuta mediante la ricerca sistematica dei dati di tutti gli studi clinici pubblicati, la valutazione critica della loro qualità e la generalizzazione dei risultati mediante meta-analisi.

il

Sulla base dei risultati di almeno uno studio clinico controllato randomizzato indipendente.

C

Sulla base dei risultati di almeno uno studio clinico che non soddisfa i criteri di qualità, ad esempio, senza randomizzazione.

D

La dichiarazione è basata sull'opinione degli esperti; nessun studio clinico.

Inoltre, hanno preso in considerazione il livello di evidenza a seconda del numero e della qualità della ricerca su questo tema (Tabella 2)

Tabella A2. - Livelli di credibilità delle prove

livelli

prova

descrizione

Meta-analisi di alta qualità, revisioni sistematiche di studi randomizzati controllati (RCT) o RCT con un rischio molto basso di errori sistematici

Meta-analisi qualitative, sistematiche o RCT con un basso rischio di errori sistematici.

Meta-analisi, sistematica o RCT con alto rischio di errori sistematici

Revisioni sistematiche di alta qualità di studi caso-controllo o di coorte. Revisioni di alta qualità di studi caso-controllo o studi di coorte con un rischio molto basso di effetti di miscelazione o errori sistematici e una probabilità media di una relazione causale

Studi caso-controllo ben condotti o di coorte con un rischio moderato di effetti di miscelazione o errori sistematici e una probabilità media di una relazione causale

Studi caso-controllo o di coorte con alto rischio di effetti di miscelazione o errori sistematici e una moderata probabilità di una relazione causale

Studi non analitici (ad esempio: descrizioni di casi, serie di casi)

Metodi usati per analizzare le prove:

- Recensioni di meta-analisi pubblicate;

- Revisioni sistematiche con tabelle delle prove.

Al fine di eliminare l'influenza del fattore soggettivo e minimizzare potenziali errori, ogni studio è stato valutato in modo indipendente da almeno due membri indipendenti del gruppo di lavoro. Qualsiasi differenza nelle valutazioni è stata discussa da tutto il gruppo. Quando è stato impossibile raggiungere un consenso, è stato coinvolto un esperto indipendente.

Tabelle di prova:

Le tabelle di prova sono state compilate dai membri del gruppo di lavoro.

Metodi usati per formulare raccomandazioni:

La validità della fonte di informazione è stata indicata sulla base di altre raccomandazioni cliniche, consenso delle società, ecc.).

Metodo di convalida dei consigli:

- Valutazione di esperti esterni

- Valutazione interna degli esperti

Descrizione del metodo di convalida delle raccomandazioni:

Le raccomandazioni presentate nella versione preliminare sono state esaminate da esperti indipendenti, i quali hanno stabilito che le prove alla base di queste raccomandazioni sono comprensibili.

I medici di base e i medici generici sono stati familiarizzati con queste raccomandazioni, che hanno indicato la chiarezza della presentazione e la loro importanza come strumento di lavoro per la pratica quotidiana.

Tutti i commenti ricevuti dagli esperti sono stati attentamente sistematizzati e discussi dal presidente e dai membri del gruppo di lavoro e, se necessario, hanno modificato le raccomandazioni cliniche.

Analisi economica:

L'analisi dei costi non è stata condotta e le pubblicazioni su farmacoeconomia non sono state analizzate.

Appendice A3. Documenti correlati

Documenti correlati

  1. Ordine del Ministero della Sanità e dello Sviluppo Sociale della Russia n. 60n del 4 febbraio 2010 Approvazione della procedura per rendere l'assistenza medica a pazienti con malattie allergiche e malattie associate a immunodeficienze. Registrato presso il Ministero della giustizia 3 marzo 2010, № 16543.
  2. Requisiti per la formulazione delle linee guida cliniche per il posizionamento nel Rubricator. Ministero della Salute della Federazione Russa 2016
  3. Raccomandazioni per lo sviluppo di algoritmi delle azioni del medico. Ministero della Salute della Federazione Russa 2016

Appendice B. Algoritmi di gestione del paziente

Algoritmi di gestione del paziente

Appendice B. Informazioni per il paziente

Informazioni per il paziente

UN MEMOR PER UN PAZIENTE, SOFFERENTE ALLERGIA CON SENSIBILIZZAZIONE NAZIONALE, EPIDERMICA, FUNGHI

I fattori più comuni che causano reazioni allergiche sono gli allergeni domestici, principalmente la polvere domestica. La composizione della polvere di casa include:

- varie fibre (abbigliamento, biancheria da letto, mobili);

- polvere di biblioteca (particelle di polvere di libri, riviste);

- particelle dell'epidermide (particelle desquamate degli strati superficiali della pelle) di esseri umani e animali (gatti, cani, roditori), peli di animali, piume di uccelli;

- spore di muffe microscopiche e funghi di lievito;

- allergeni di scarafaggi e acari della polvere domestica (particelle di guscio chitinoso e loro prodotti metabolici).

In termini di allergia, la polvere domestica sospesa nell'aria è di grande importanza. La polvere si accumula anche all'interno di vari oggetti - cuscini, materassi, tappeti, da dove facilmente arriva nell'aria. La fonte di allergeni può anche essere polvere di libro e funghi di muffa microscopici sulle pagine di libri e giornali. L'aumento dell'umidità può portare ad un aumento del numero di muffe.

Per tutte le malattie allergiche (asma bronchiale, rinite allergica, pollinosi, dermatite atopica), la prima e obbligatoria misura preventiva è l'eliminazione del contatto con gli allergeni. La purificazione dell'aria, il controllo dell'umidità e l'uso di letti ipoallergenici possono essere raccomandati per tutti i pazienti che soffrono di allergie, ma per le allergie agli acari della polvere domestica, l'eliminazione del contatto con l'allergene a letto è di fondamentale importanza. e l'uso di purificatore d'aria per filtri domestici.

Acari della polvere di casa L'acaro della polvere è il componente principale della polvere di casa. Nella maggior parte dei casi, è lui che causa l'allergia alla polvere domestica. Molte specie di zecche sono state identificate, ma predominano 2 specie: Dermatophagoides pteronyssinus e Dermatophagoides farina. L'acaro della polvere vive in ogni casa. Questo aracnide microscopico, indistinguibile ad occhio nudo. Vive nella polvere e si nutre di epidermide squamosa - particelle di pelle morta di umani e animali. Non morde una persona e non diffonde alcuna infezione, ma parti del suo guscio e scarica - palle fecali - possono causare reazioni allergiche in persone predisposte. Durante il giorno, il segno di spunta rilascia fino a 20 pellet fecali. Non sono tanto volatili quanto gli allergeni degli animali, ma si sollevano facilmente nell'aria e penetrano nel tratto respiratorio. Durante la sua vita, l'acaro produce pellet fecali 2000 volte più di quanto pesi. La zecca preferisce il calore, l'umidità, l'abbondanza di cibo, quindi il suo habitat principale è il letto: cuscini, materassi e coperte. Il vecchio cuscino può consistere di acari e le loro escrezioni del 10-40%.

Misure per eliminare gli allergeni degli acari della polvere domestica:

  1. Ridurre l'accumulo di polvere (prestare la massima attenzione alla camera da letto - ci si spende più di un terzo della tua vita):
  • Rimuovere pelli di pelliccia, tappeti, tettoie, scatole; le tende devono essere sostituite con tapparelle o tende di tessuto facilmente lavabile (in questo caso devono essere lavate una volta alla settimana in acqua calda). Si consiglia di sostituire la moquette con pavimenti in legno o piastrellati.
  • I mobili con rivestimento in tessuto devono essere sostituiti con pelle, legno, ecc.
  • Distribuisci tutte le cose sparse: libri, scatole, riviste, carta, vestiti, giocattoli, ecc. L'ordine perfetto dovrebbe essere la tua regola.
  • Souvenir, figurine, piatti dovrebbero essere conservati in armadi chiusi, libri - sugli scaffali di vetro.
  • È auspicabile posizionare le cose negli armadietti nelle coperture per i vestiti.
  • I bambini non dovrebbero portare i giocattoli morbidi a letto, è consigliabile avere giocattoli facilmente lavabili. I giocattoli di pelliccia devono essere lavati regolarmente (1 volta al mese) o tenuti in inverno a una temperatura non superiore a (-18 ° C) per almeno 2 ore, in estate - al sole (almeno 4 ore).
  • Non tenere animali domestici, uccelli, pesci d'acquario: non lasciare animali domestici nella camera da letto e nel letto.
  1. Coperte protettive antiallergiche
  • Sostituire i letti normali con uno speciale anallergico, ad esempio, da un poliestere siliconato cavo.
  • Nel tempo, il segno di spunta può depositarsi in cuscini e coperte anallergici. Per evitare ciò, il letto deve spesso (almeno 1-2 volte al mese) lavato in acqua calda (60 gradi e oltre). Quando si usano agenti acaricidi speciali per la distruzione delle zecche, è possibile lavare meno frequentemente (1 volta in 3 mesi) e ad una temperatura più bassa.
  • I letti che non possono essere lavati (ad esempio un materasso) devono essere trattati con agenti acaricidi speciali o collocati in coperte. Le coperture, realizzate con materiali impermeabili agli acari, dovrebbero coprire la biancheria da tutti i lati e allacciare con una piccola cerniera con un'ampia striscia protettiva. Le coperte si lavano come l'inquinamento, di solito 2 volte l'anno.
  • Le lenzuola (federe, lenzuola, copripiumini) si lavano settimanalmente in acqua calda (almeno 80 gradi). Quando si lava biancheria colorata, utilizzare agenti acaricidi (consente di lavare a basse temperature).
  • Tappeti, mobili imbottiti e giocattoli morbidi devono essere trattati con agenti acaricidi speciali.
  1. pulizia:
  • La pulizia umida deve essere eseguita quotidianamente, pulendo con un aspirapolvere - almeno 2 volte alla settimana in assenza del paziente (se ciò non è possibile - utilizzare un respiratore).
  • L'aspirazione deve essere eseguita con molta attenzione: per 1,5-2 minuti per ogni 0,5 m 2 di superficie, in particolare linee decorative, pieghe, pulsanti, ecc., Che possono servire da copertura per zecche.
  • Utilizzare aspirapolveri speciali con filtri HEPA per evitare la ripetizione di particelle di polvere nell'aria. Filtro HEPA - Filtro antiparticolato ad alta efficienza - un filtro di purificazione dell'aria altamente efficiente dalle particelle. L'aspirapolvere per le allergie dovrebbe avere una classe di filtro HEPA HEPA12, un filtro dopo il motore, un filtro acqua è auspicabile.
  1. Purificazione dell'aria:
  • È possibile ridurre la polverosità dell'aria e il numero di allergeni dell'aria utilizzando depuratori d'aria con filtri HEPA o depuratori multistadio fotocatalitici. Il primo passo è installare un detergente nella camera da letto e nella stanza dei bambini.
  • Il pulitore deve corrispondere al volume della stanza (il volume consigliato è indicato sul dispositivo).
  • I filtri devono essere cambiati regolarmente (la durata e le raccomandazioni per la sostituzione sono indicate dal produttore).
  • Un detergente efficace dovrebbe contenere almeno il 99% di particelle di dimensioni fino a 0,3 micron, mentre i detergenti più moderni soddisfano questi requisiti.
  • È necessario garantire un flusso d'aria libero ai pannelli di aspirazione dell'aria del purificatore. Quando si lavora in modalità continua, l'aspirapolvere non deve emettere sostanze nocive.
  • Ionizzatori e filtri elettrostatici devono essere installati a una distanza di almeno 2 metri da qualsiasi apparecchiatura domestica e dal luogo di residenza permanente di una persona.
  1. Controllo dell'umidità:

L'eccessiva umidità contribuisce alla riproduzione di zecche e muffe. Nell'aria secca, più polvere è difficile da respirare. Il livello ottimale di umidità è 35-50%. Pulizia umida e umidificazione controllata sono necessari, specialmente durante la stagione di riscaldamento.

Allergeni animali domestici. L'allergia può causare tutti gli animali a sangue caldo. La fonte di allergeni è la forfora, la saliva, le urine, le secrezioni delle ghiandole, gli animali così lisci, a pelo corto e "calvi" possono anche causare allergie. La particolarità degli allergeni epidermici è che le loro dimensioni permettono loro di rimanere nell'aria per lungo tempo e di penetrare facilmente nelle vie aeree, inclusi i bronchi piccoli. Pertanto, gli allergeni degli animali sono particolarmente pericolosi per i pazienti con asma bronchiale. Allergeni di animali si trovano anche in case dove non ci sono mai stati animali domestici e da molto tempo (da diversi mesi a 2 anni) sono tenuti in casa, anche se l'animale non vive già lì.

Misure per eliminare gli allergeni degli animali domestici:

  1. Dare l'animale in buone mani.
  2. Effettuare il trattamento dell'appartamento e dell'abbigliamento con mezzi speciali per eliminare gli allergeni degli animali.
  3. Non fare nuovi animali. Gli animali assolutamente non allergici non esistono.
  4. Evita le visite a zoo, circhi, angoli degli zoo e case dove ci sono animali.

Stampi per allergeni. Tra gli allergeni della stanza, i funghi muffa occupano il secondo posto dopo gli acari della polvere domestica. Una persona contatta con più di 100 specie di funghi. La fonte di allergeni sono spore di funghi e particelle di micelio. Gli allergeni dei funghi possono essere la causa di asma, rinite allergica, dermatite atopica. La muffa ama luoghi umidi e caldi, pareti del bagno, docce, bidoni della spazzatura, frigoriferi. La muffa può venire da prodotti ammuffiti, carta da parati vecchia carta, linoleum. I funghi possono colonizzare umidificatori d'aria, condizionatori d'aria. La fonte di Cladosporium e Alternaria che vivono su parti in decomposizione di piante, spesso servono come vasi da fiori.

Misure per eliminare gli allergeni fungini:

  1. Evitare ambienti umidi, scarsamente ventilati (bagni, scantinati), vecchie case di legno. Aria regolarmente. Prenditi cura di un'adeguata ventilazione, soprattutto in bagno e in cucina. Si consiglia di installare filtri HEPA o filtri in microfibra nelle aperture delle griglie di ventilazione.
  2. Monitorare l'umidità dell'aria. Se sei allergico alla muffa, l'umidità non deve superare il 50%. Umidità superiore al 65% richiede l'uso di un deumidificatore o di un condizionatore d'aria. Quando si utilizza un umidificatore o un condizionatore d'aria, pulirlo regolarmente.
  3. Non consentire perdite, monitorare lo stato dello sfondo. Se si verifica una perdita, è necessaria una riparazione professionale con speciali preparazioni fungicide (borace, acido borico, ecc.). L'umidità bassa dell'aria non può impedire la crescita dei funghi della muffa se crescono su un substrato umido.
  4. Non asciugare vestiti e scarpe nei salotti.
  5. Utilizzare un purificatore d'aria con un filtro HEPA o una purificazione multistadio basata sulla fotocatalisi appropriata per il volume della stanza.
  6. Pulire regolarmente con disinfettanti.
  7. Non piantare piante per ambienti.
  8. Usa i sacchetti della spazzatura usa e getta, spesso tira fuori la spazzatura.
  9. Piastrelle in bagno, il bagno stesso e le pareti della doccia devono essere asciugati immediatamente dopo l'uso. Regolarmente, almeno 1 volta in 1-2 settimane, passare la lavorazione in bagno e servizi igienici con agenti fungicidi.
  10. Se hai bisogno di visitare cantine, cantine, negozi di verdure, ecc., Usa un respiratore.
  11. Evitare il contatto con fieno grezzo, marciume, paglia, foglie cadute, piante da appartamento e gabbie di pollame. Evita di partecipare al giardinaggio in autunno e in primavera.
  12. Dieta: non mangiare prodotti di origine fungina: latte fermentato (panna acida, yogurt), kvas, birra, champagne, vini secchi, formaggi con muffe, prodotti a base di pasta lievitata, crauti, altri prodotti che hanno subito la fermentazione, frutta secca.
  13. Non prendere vitamine del gruppo B (compreso il lievito di birra), antibiotici penicillina.

RACCOMANDAZIONI A MEZZA ROSA PAZIENTE

  1. Durante la stagione della fioritura, le piante causali non sono raccomandate per andare fuori città.
  2. Installare un filtro dell'aria / purificatore d'aria nell'appartamento.
  3. Se possibile, vai in regioni in cui le piante causali fioriscono in un altro momento o non crescono lì.
  4. Condurre regolarmente "doccia nasale".
  5. Non mangiare cibi che possono causare reazioni crociate, specialmente in stagione (se sei allergico al polline degli alberi - noci, mele, pere, ciliegie, ciliegie, pesche, albicocche, prugne, carote, sedano, prezzemolo, pomodori, kiwi, olive, cognac, miele, se sei allergico al polline di cereali - pane, muesli, fiocchi d'avena, semolino, birra, vodka, kvas, se sei allergico al polline Composita - semi di girasole e olio, halva, maionese, senape, anguria, melone, zucchine, melanzane, zucca, cetrioli, cavoli, vermouth, miele, e in caso di allergie al polline della foschia - barbabietole, giri atm).
  6. Non usare prodotti medicinali e cosmetici di origine vegetale.
  1. Nella stagione di fioritura delle piante causali, sono proibiti interventi chirurgici pianificati e vaccinazioni preventive.

CROA ALIMENTARE E MEDICINA REAZIONI ALLERGICHE

piante che sono allergiche al polline

Articolo Precedente

Etericida nel naso per i bambini